giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Brutale esecuzione di un giovane prigioniero che aveva 15 anni all'epoca...

Iran: Brutale esecuzione di un giovane prigioniero che aveva 15 anni all’epoca del suo arresto

La mattina presto di giovedì 10 Agosto, il regime dei mullah ha nuovamente giustiziato un ragazzo. Il regime ha impiccato Alireza Tajiki, un giovane prigioniero arrestato all’età di 15 anni, dopo che aveva scontato 15 anni di reclusione nel carcere di Adelabad a Shiraz, Iran meridionale. Questo crimine è avvenuto nonostante le ripetute richieste delle autorità internazionali e delle organizzazioni per i diritti umani.

Alireza Tajiki era stato trasferito in isolamento sei anni fa, dopo essere stato arrestato, ed era stato torturato per ottenere una confessione nonostante fosse un ragazzo. Il suo caso era pieno di domande ambigue e la sua famiglia aveva ripetutamente richiesto un nuovo processo. Richiesta a cui non è mai stata data risposta.

Con il barbaro governo iraniano, i cui capi sono un mucchio di torturatori e ladri, migliaia di giovani passano i migliori anni della loro vita nelle carceri medievali del regime, con il terrore della morte. Secondo i funzionari del regime, 5300 prigionieri, la maggior parte dei quali tra i 20 e i 30 anni, sono stati condannati a morte.

Il sistema del velayat-e faqih, incapace di rispondere alle più fondamentali richieste del popolo e temendo le rivolte popolari, sta facendo ricorso ad un’ondata di esecuzioni, soprattutto di giovani.

L’unica via d’uscita al disastro creato da questo regime repressivo e sanguinario, è l’unità e la solidarietà di tutte le fasce sociali e la ribellione contro questa oppressione diffusa.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

10 Agosto 2017

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow