mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIRAN. AUDIZIONE DI MARYAM RAJAVI, IN COMMISSIONE DIRITTI UMANI AL SENATO

IRAN. AUDIZIONE DI MARYAM RAJAVI, IN COMMISSIONE DIRITTI UMANI AL SENATO

COMUNICATO STAMPA

Roma 18 dicembre 2013

La Commissione per i diritti umani del Senato ha audito oggi la Sig.ra Maryam Rajavi, Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

 

Maryam Rajavi ha descritto la feroce e sistematica violazione dei diritti umani perpetrata dal governo di Tehran, sottolineando che in Iran i diritti sanciti dai trattati internazionali riguardanti i diritti civili, politici, economici e socio-culturali, nonché l’abolizione della discriminazione femminile e della tortura, così come i diritti del fanciullo, vengono aspramente violati. Un sopruso che accomuna tutte le fazioni del regime. Più di 300 persone sono state messe a morte da quando Hassan Rouhani è diventato Presidente nel mese di agosto, di cui molti prigionieri politici.

La Sig.ra Rajavi, descrivendo la condizione dei 3000 oppositori del regime residenti a Camp Liberty in Iraq e i numerosi attacchi subiti dal 2009 ad oggi, ha aggiunto che finora, per mano delle forze irachene,112 di loro sono stati uccisi, più di 1200 feriti e 7 presi in ostaggio.

Il Presidente della Commissione, Sen Luigi Manconi, che sull’emergenza umanitaria di Campo Liberty e sul massiccio ricorso alla pena di morte in Iran ed Iraq, ha presentato un’interrogazione parlamentare, ha dichiarato: 

“Come evidenziato anche nell’interrogazione siamo di fronte ad una vera e propria recrudescenza delle esecuzioni capitali su cui occorre che il Governo intervenga”. Il Presidente Manconi ha poi continuato dicendo: “Accolgo con particolare interesse l’affermazione della Signora Rajavi per la quale l’islam non è odio e sopraffazione ma tutela la libertà di scelta degli individui”.

La Senatrice Silvana Amati ha evidenziato l’importanza del rispetto dei diritti umani in Iran, senza condizionamenti rispetto ad altri interessi anche economico-commerciali. Ha inoltre richiamato la dichiarazione del Presidente del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle detenzioni arbitrarie circa la grave situazione dei rifugiati iraniani in Iraq.

Rispondendo ad una domanda del Vice Presidente della Commissione esteri, Paolo Corsini, Maryam Rajavi ha spiegato che il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana ha proposto a tutti i movimenti di opposizione in Iran un fronte di solidarietà sugli obiettivi della separazione tra Stato e religione e di cambiamento radicale, su base democratica, dell’attuale assetto di potere.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow