mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIl Parlamento europeo Condanna gli abusi sui diritti umanitari in Iran

Il Parlamento europeo Condanna gli abusi sui diritti umanitari in Iran

Il Parlamento europeo Condanna gli abusi sui diritti umanitari in IranIl Parlamento europeo Condanna gli abusi sui diritti umanitari in Iran e  preme affinchè la Commissione degli Affari Esteri revisioni la lista dei terroristi dell’Unione Europea.

In una risoluzione adottata oggi dalla maggiornaza dei voti, Il Parlamento Europeo ha denunciato le continue violazioni dei diritti umani in Iran.

Il regime iraniano ha spedito una serie di diplomatici alla sede centrale del parlamento Europeo a Strasburgo per impedire l’adozione di questa risoluzione. Ma questi sforzi sono falliti di fronte al sopraffacente supporto alla risoluzione da parte dei membri.

La risoluzione ha condannato duramente “le sentenze di morte contro giovani criminali, donne incinte e persone portatrici di handicapp mentali”, da parte del regime iraniano.

E’ stata anche espressa profonda preoccupazione sulla “situazione sempre più complicata riguardo alla libertà di opinione e di espressione dei media, specialmente per quell che riguarda le crescenti persecuzioni contro pacifiche espressioni di punti di vista politici, includendo arresti arbitrari e detenzioni gratuite e senza processo”.

Puntando sul fatto che “L’Iran è ancora non un partito alla Convenzione sull’Eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione contro le Donne e il suo Parlamento recentemente ha rigettato la bozza legislative sull’eguaglianza tra i sessi“, la risoluzione ha richiamato le autorità iraniane perchè “forniscano evidenza che essi applicheranno la moratoria sulle lapidazioni” e domandano “immediata applicazione del divieto alle torture”.

La risoluzione del Parlamento Europeo ha anche censurato “la campagna giudiziaria contro I giornalisti, cyber-giornalisti che ha portato alla chiusura delle testate, ad imprigionamenti e d’accordo con i giornalisti stessi, ad indescrivibili torture e a forzate false confessioni”.

La risoluzione ha anche fatto notare riguardo al ritrovamento da parte delle Nazioni Unite di un Rapporto Speciale Ambeyi Ligabo che “L’ Iranian Press e il Codice Penale non si conformano alle restrizioni permesse e indicate nell’Art.19(3) della Convenzione Internazionale sui Diritti Civili e Politici.”

In vista del grande desiderio dei membri del MEP di rimozione del principale gruppo di opposizione Iraniano, I Mujahedin del Popolo, (PMOI) dalla lista dei terroristi dell’Unione Europea, la risoluzione fa anche appello alla Commissione degli Affari Esteri e delle Pubbliche Libertà del Parlamento Europeo per esaminare il modo in cui il Parlamento possa essere coinvolto nel processo di aggiornamento regolare della Posizione Comune del Consiglio relativo alle applicazioni di specifiche misure per combattere il terrorismo, prendendo in considerazione gli sviluppi dal 2001 ad oggi.”

A questo proposito, un certo numero di rappresentanti del MEP, inclusi i Sig.ri Struan Stevenson (PPE), Erik Meijer (Sinistra Unita) e Paulo Casaca (Socialista), registrati al parlamento, hanno sottolineato la natura ingiusta dell’appellativo di terrorista contro i PMOI ed enfatizzato la necessità di una revisione della lista della Unione Europea.

I membri del MEP rinnovano il loro supporto in seguito all’appello della leader dell’opposizione iraniana Maryam Rajavi, fatto durante un meeting al Parlamento Europeo lo scorso Dicembre, in cui si dichiara che nè i favoreggiamenti, nè un intervento militare esterno possano essere considerate soluzioni ideali per condurre, con la crescente minaccia di Teheran, alla pace e alla sicurezza del mondo e della regione e che il modo più pratico e prudente per condurre al cambiamento verso la democrazia in Iran dipenda solo dal popolo iraniano e dalla sua resistenza organizzata.

Alcuni sponsor di questa risoluzione sono:

Mr. Alejo Vidal-Quadars, Primo Vice Presidente del Parlamento Europeo
Mr. Michael Gahler, Membro dei Cristiano Democratici dalla Germania
Mr. Paulo Casaca, Presidente della Delegazione Europea alla NATO
Mr. Struan Stevenson, Conservatore Gran Bretagna
Mr. Andre Brie, Sinistra Unita, dalla Germania
Ms. Cecilia Malmström, Liberale, dalla Svezia
Mr. Alexander Alvaro, Liberale dalla Germania

I membri del MEP hanno espresso anche la chiara condizione che la rimozione del PMOI dalla Lista dei terroristi dell’Unione Europea sia un punto critico ed essenziale per gli sforzi di realizzare questo cambiamento in Iran.

Paulo Casaca & Struan Stevenson
Co Presidenti de “Amici di un Iran Libero”
Al Parlamento Europeo
13 Gennaio 2005
Strasburgo

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow