mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniLa sfida del regime iraniano al successore di Khamenei e le esecuzioni...

La sfida del regime iraniano al successore di Khamenei e le esecuzioni in aumento

There have been dozens of executions in recent days in Iran under the mullahs’ regime as a sign of the deteriorating human rights situation.

Da quando Ebrahim Raisi è diventato presidente del regime iraniano lo scorso anno, le violazioni dei diritti umani e gli atti di repressione sono cresciuti, insieme all’aumento delle esecuzioni in Iran.
Secondo le organizzazioni per i diritti umani, più di 5.000 persone sono state condannate a morte in tutto l’Iran. I media statali hanno riferito che il regime ha recentemente giustiziato 22 persone nell’arco di due giorni, il 6 e il 7 settembre. Dodici prigionieri sono stati giustiziati il 6 settembre e altri 10 sono stati impiccati il 7 settembre nelle prigioni di Minab, Bandar Abbas e Gohardasht.
Gli scagnozzi del regime hanno impiccato anche un prigioniero di 22 anni, Ghafoor Nejatpour, nella prigione di Gonbad Kavoos l’8 settembre.
Le famiglie dei prigionieri del braccio della morte, incarcerati per lo più per reati legati alla droga, stanno ora protestando per diversi giorni davanti alla magistratura del regime per impedire al regime di condurre esecuzioni di massa. Si tratta di un evento raro nella storia del regime, che dimostra come il popolo iraniano sia stufo della violenza sponsorizzata dallo Stato, che si verifica con la correlazione di sollevare la resistenza e il malcontento politico nella nazione.
Ogni volta che le autorità del regime temono le proteste, il numero di esecuzioni aumenta. Dopo le proteste nazionali del 2019, e di nuovo quando le restrizioni sul coronavirus sono state revocate, il regime ha aumentato il numero di esecuzioni per prevenire ulteriori proteste.
L’aumento dei prezzi, la mancanza di acqua, cibo ed energia e la decisione del regime di tagliare i sussidi per il grano, le medicine e la benzina sono solo alcuni dei fattori che hanno costretto il regime a sedare le richieste della popolazione con la brutalità.
Va notato che le persone condannate a morte per reati di droga fanno parte delle fasce più povere ed emarginate della società, che attualmente rappresenta la maggior parte della società iraniana, data la spaventosa crisi che sta affrontando. Le statistiche pubblicate dalla Banca Mondiale mostrano che la popolazione in povertà assoluta in Iran è cresciuta significativamente tra il 2012 e il 2018.
Questa organizzazione internazionale ha definito la povertà assoluta sulla base di un reddito giornaliero di 1,9 dollari a persona (sulla base dell’indice di parità di potere d’acquisto a prezzi costanti del 2011).
Su questa base, nel 2013, il rapporto tra povertà assoluta e popolazione totale in Iran era dello 0,2%, ma questa cifra è aumentata allo 0,6% nel 2018, che è l’ultima statistica pubblicata dalla Banca Mondiale. Ciò significa che la povertà assoluta in Iran è triplicata rispetto all’inizio del governo di Raisi.
Un’altra questione che ha sollevato scetticismo sul numero crescente di esecuzioni è la condizione di salute della Guida suprema del regime Ali Khamenei e i conflitti del regime sul suo successore.
Negli ultimi anni, i funzionari del regime hanno spesso dichiarato che una lista di successori è stata generata dall’Assemblea degli Esperti, l’organo legale che seleziona la guida suprema secondo la Costituzione. Tuttavia, nessun nome è stato annunciato ufficialmente.
Alcuni nomi sono apparsi nei media e nelle conversazioni pubbliche del regime. Uno di questi è Mojtaba Khamenei, il figlio della Guida suprema. Negli ultimi anni ha lavorato dietro le quinte ed è stato il braccio destro del padre, nonché il responsabile delle varie organizzazioni di sicurezza del regime. In seguito è diventato meno pubblico e ha tenuto pochissimi discorsi pubblici. Il suo principale problema nel diventare Guida suprema è l’obiezione di molti chierici del regime, che non lo riconoscono come leader religioso.
Il prossimo candidato è l’attuale presidente Ebrahim Raisi, ma a causa della sua notorietà, soprattutto per il suo coinvolgimento diretto nel massacro dei prigionieri politici del 1988, dovrà affrontare molti ostacoli per diventare il prossimo leader. Nell’ultimo anno ha cercato di sbiancare la sua cattiva reputazione come crociato contro la corruzione, ma in ogni protesta il popolo ha scoperto il suo vero volto.
Un altro nome che è apparso più volte è quello di Hassan Khomeini, il nipote più famoso del fondatore del regime Ruhollah Khomeini, che a quanto pare gode dell’appoggio di molti chierici del regime, soprattutto dalla parte della fazione “riformista”.
Invece di un leader in particolare, il prossimo candidato che potrebbe assumere il controllo del Paese è rappresentato dalle Guardie Rivoluzionarie del regime (IRGC). Fondata da Khomeini e coltivata da Khamenei, questa organizzazione è oggi la più potente organizzazione economica, di sicurezza e militare del paese.
Tuttavia, dopo aver perso Ghasem Soleimani, eliminato dal precedente governo statunitense nel suo viaggio segreto in Iraq, questa organizzazione ha perso la sua figura principale per assumere il pieno controllo del Paese.
La conclusione della vicenda ci mostra che il regime sta affrontando una situazione sempre più critica, parallelamente al suo difficile caso nucleare e ai negoziati del JCPOA. La competizione all’interno di tutte le fazioni del regime, soprattutto nel campo degli integralisti, è in aumento e negli ultimi anni Khamenei ha perso il controllo su molte di esse.
In effetti, i coltelli sono spuntati e, in caso di morte di Khamenei, il regime sarà diviso in due parti. Nella decima sessione della riunione ufficiale del Consiglio degli Esperti, 30 dei suoi 88 membri erano assenti.
Uno dei famosi assenti di questa riunione è stato Javadi Amoli Larijani, che ha avuto un disaccordo con la fazione di Khamenei per la squalifica di suo fratello da parte del Consiglio dei Guardiani.
A quanto pare, la questione di Mojtaba Khamenei avrebbe dovuto essere sollevata in questa riunione e i due avrebbero informato Khamenei dei risultati delle loro indagini.
Nonostante la volontà di Khamenei, nella sua dichiarazione finale, il Consiglio di esperti ha considerato la questione della successione di Mojtaba Khamenei come dubbia e priva di significato e ha sottolineato la selezione meritoria e corretta. Va notato che l’introduzione di Mojtaba come prossima Guida suprema non sarebbe favorevole al regime e probabilmente infiammerebbe pericolose controversie.
Nei prossimi mesi, il regime dovrà affrontare molti bivi. La principale preoccupazione del regime riguardo al successore di Khamenei è dovuta all’esistenza di gruppi di opposizione ben organizzati, il Consiglio Nazionale di Resistenza dell’Iran (NCRI) e l’Organizzazione Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI/MEK).
Questa resistenza è stata la ragione principale della scelta di Khamenei come Guida suprema in una sola notte, dopo la morte di Khomeini nel 1989, e questa volta sarà ancora una volta la sfida principale del regime. L’unica differenza principale, rispetto ad allora, è che nessuna delle alternative ha il potere di Khomeini e Khamenei, e il regime ha affrontato molte proteste a livello nazionale e ha perso la credibilità e la fiducia del popolo. Questo è il vero motivo per cui il regime ha aumentato le esecuzioni.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,475FollowersFollow