venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: "Le guardie picchiavano i sostenitori del MEK 3 volte al giorno...

Iran: “Le guardie picchiavano i sostenitori del MEK 3 volte al giorno prima di dare cibo”. Ex prigioniero politico testimonia al processo contro Hamid Noury

Noury’s Ineffectual Defense Sets Stage for Prosecution of Iran’s Raisi

“Ogni giorno, quando le guardie aprivano le celle d’isolamento, iniziavano a picchiare i prigionieri del MEK”, ha testimoniato Rahman Darkeshideh, lo scorso 27 gennaio, durante il processo nei confronti di Hamid Noury, vice Procuratore nella tristemente nota prigione di Gohardasht (a ovest di Teheran), dove migliaia di prigionieri politici furono massacrati nel 1988.
Noury, un funzionario penitenziario iraniano, è stato arrestato nel 2019 in Svezia. Il suo processo è iniziato nel 2020, e decine di sopravvissuti al genocidio del 1988 hanno descritto in maniera straziante quei giorni terribili, soprattutto nella prigione di Gohardahst, dove Noury lavorava.
Con una fatwa del fondatore del regime, Ruhollah Khomeini, le cosiddette “Commissioni della morte” hanno mandato al patibolo migliaia di prigionieri per aver rifiutato di tradire la loro fedeltà al Mujahedin-e Khalq (PMOI/MEK), principale gruppo di opposizione dell’Iran. È doveroso ricordare che l’attuale Presidente del regime, Ebrahim Raisi, era un membro della “Commissione della morte” di Teheran.
Darkeshideh, vicino di casa di Noury e marxista, ha passato otto anni in prigione, dal 1980 al 1989. Secondo Darkeshideh, Noury ha attivamente partecipato ai crimini del regime dal 1979. Da notare che Noury aveva ammesso il suo ruolo nel massacro dei curdi dell’Iran pochi mesi dopo la rivoluzione del 1979. Ha scalato i ranghi del regime ed è diventato un funzionario delle guardie carcerarie negli anni ’80.
“Sono stato in isolamento per un po’ di tempo. Ogni giorno, per tre volte al giorno, le guardie aprivano le porte di quasi 38 celle e prima di distribuire il cibo picchiavano i detenuti. A noi “marxisti” generalmente non veniva riservato questo trattamento, ma i sostenitori del MEK venivano pestati selvaggiamente, ha detto Darkeshideh.
Nel corso della sua testimonianza, Darkeshideh ha anche condiviso i ricordi strazianti del massacro del 1988 nella prigione di Gohardahst.
“Mi hanno portato in tribunale, la cosiddetta commissione di morte. Mi sono tolto la benda e ho visto un gruppo di quattro persone sedute lì”, ha detto. “Ho guardato [Hossein Ali] Nayeri, e [Morteza] Eshraqi che conoscevo. C’erano altri due individui che non ho riconosciuto”.
“Avevamo sentito parlare delle esecuzioni [di massa] dei sostenitori del MEK. Avevamo sentito che bastava dire di sostenere il MEK o l'”organizzazione”, e questo era sufficiente per [il comitato] condannarlo a morte”, ha testimoniato Darkeshideh, aggiungendo come lui si fosse preparato in anticipo per rispondere a queste domande.
“Ma avevano un’altra domanda da farci. Si sono informati sulla nostra religione. Dopo avermi fatto alcune domande generali, [Nayeri] mi ha chiesto della mia religione. Ho detto che non ne ho nessuna. Lui ha detto, ‘cosa? Non sei musulmano?”. Ho detto di no. Poi mi ha chiesto: ‘da quando sei diventato così'”.
Darkeshideh ha aggiunto che Mohammad Moghiseh, alias Nasserian, il capo di Noury, “entrò improvvisamente nella stanza e disse alla Commissione che ero stato in prigione usando un altro nome”.


“Nasserian non mi conosceva. Era appena arrivato nella prigione di Gohardasht. Ma qualcun altro lì sapeva chi fossi, ed era Hamid Abbasi [Noury]. L’aveva detto a Nasserian, e poiché non voleva che lo incontrassi, Nasserian è venuto nella stanza”, ha detto Darkeshideh. “[Noury] voleva davvero che fossi impiccato”, ha aggiunto.
“Nayeri mi ha detto che ‘o diventi musulmano o eseguirò l’ordine di Dio su di te’. Mi hanno portato fuori dalla stanza e mi hanno consegnato a una guardia. Mi ha chiesto dove devo portarti e io ho risposto che non lo so”. Una volta che Darkeshideh spiegò alla guardia che aveva detto alla commissione di non essere musulmano, la guardia lo portò in un luogo destinato ai prigionieri marxisti. Molti di loro furono poi giustiziati.
Darkeshideh era un “Melikesh”, cioè aveva scontato la sua pena, e il regime non lo aveva rilasciato. Il regime ha giustiziato molti dei prigionieri “Melikesh” del MEK.
“Abbas Raisi era un “Melikesh” (che scontava più di quanto era stato condannato). È stato impiccato nella prigione di Gohardasht. Eravamo insieme nella prigione di Evin, nel reparto numero quattro. Conosco anche Manochehr Rezaie; era un sostenitore del MEK. È stato giustiziato a Gohardasht”, ha rivelato Darkeshideh al procuratore.
“Avevano portato tutti i prigionieri “Melikesh” a Gohardasht. Come ho sentito e in base alle prove, solo Saman Rahimi, che fu stato arrestato nel 1980, è sopravvissuto tra tutti quei prigionieri”, ha aggiunto.
Durante l’udienza, i sostenitori del MEK e i famigliari dei martiri del 1988 hanno continuato la loro protesta fuori dal Tribunale. Hanno chiesto giustizia per le vittime e hanno invocato la Comunità Internazionale affinché i criminali come Raisi rispondano delle loro responsabilità nei crimini contro l’umanità.
Retroscena
Nel 1988, Khomeini vedeva il MEK, e la sua interpretazione progressista dell’Islam, come una seria minaccia al suo dominio e alla sua ideologia. Per questo fu decisa l’eliminazione di tutti coloro che non erano disposti a sottomettersi al tiranno. L’intero regime avrebbe preferito che quelle decine di migliaia di giovani si arrendessero e tornassero alle loro famiglie con il messaggio che il dissenso contro Khomeini era inutile.
Ma invece, questi uomini e queste donne, si levarono in piedi e scelsero di morire per un’idea che doveva continuare a ispirare amore, uguaglianza e prosperità per le generazioni a venire. Le rivolte di oggi in Iran sono una dimostrazione che il messaggio e lo spirito di coloro che furono giustiziati nel 1988 continuano a vivere e che non sono morti invano.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow