sabato, Dicembre 3, 2022
HomeEventsPress ConferenceUna conferenza del CNRI espone le unità navali per procura della forza...

Una conferenza del CNRI espone le unità navali per procura della forza Quds dell’IRGC

Il 2 febbraio, attraverso il suo ufficio di Washington, il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI) ha reso pubbliche le sue ultime rivelazioni sulla più recente strategia del regime iraniano e di un suo braccio terroristico, l’unità navale della Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie; ha fornito dettagli sulla sua missione e sulle sue basi e ha indicato il modo migliore per affrontarlo.
Secondo le informazioni ricevute dalla rete all’interno dell’Iran della principale opposizione iraniana, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK), la Forza Quds ha reclutato mercenari per nuove unità terroristiche create, armate e addestrate per attaccare navi e obiettivi marittimi nella regione. La Forza Quds dell’IRGC (IRGC-QF) conduce addestramento in corsi navali specializzati in Iran per i suoi mercenari yemeniti, iracheni, siriani, libanesi e africani e li invia nei loro Paesi d’origine per formare unità navali.
Per la prima volta, l’ufficio CNRI-USA ha definito i dettagli della formazione di unità navali terroristiche da parte dell’IRGC-QF, compreso il ciclo di reclutamento e addestramento per operazioni terroristiche da parte di forze per procura, nonché il ciclo di invio di armi e altro supporto logistico.


L’IRGC ha recentemente formato l’unità navale della Forza Quds nel contesto dell’espansione delle sue attività terroristiche attraverso forze che agiscono per sua procura in Iraq, Yemen, Siria, Palestina, Libano e in diversi Paesi africani. Questa unità fornisce addestramento specializzato (commando) e forma unità operative per condurre la guerra navale.
Dall’inizio del 2021, e ancor più dall’agosto 2021, quando Ebrahim Raisi è entrato in carica come nuovo presidente del regime iraniano, Teheran ha intensificato le operazioni terroristiche marittime utilizzando i suoi mercenari stranieri, in particolare gli Houthi dello Yemen.
Dopo l’eliminazione del comandante della Forza Quds Qassem Soleimani nel gennaio 2020, che ha costituito un duro colpo alla sua operatività per invadere direttamente i Paesi della regione, la capacità dell’IRGC di intromettersi in Iraq, Libano e Siria è in declino. Per compensare questo colpo, l’IRGC si è indirizzato all’intervento in Yemen, in particolare intensificando le attività terroristiche navali e minacciando il trasporto marittimo internazionale sulle sue coste.
Le operazioni terroristiche navali nel Mar Rosso e nello Stretto di Bab al-Mandab sono supervisionate dal centro di comando dell’IRGC-QF ma effettuate da unità navali stabilite con le forze Houthi.
Il vicedirettore del CNRI-USA Alireza Jafarzadeh ha rivelato dettagli sui seguenti campi di addestramento e quartier generale dell’unità navale IRGC-QF:
• Accademia Khamenei di Scienze e Tecnologie Navali a Ziba Kenar, sulla costa del Caspio, nella provincia di Gilan.
• Guarnigione Imam Ali, situata al 20° chilometro dell’autostrada Tehran-Karaj, Ardestani Boulevard.
• La brigata di commando della Marina dell’IRGC, chiamata Aba Abdullah, di stanza sull’isola di Farur.
• I centri della Marina dell’IRGC in diverse parti dell’isola di Qeshm, considerati uno dei complessi di addestramento della Forza Quds.
• Il quartier generale del comando della 112a brigata navale Zolfaqar dell’IRGC, che si trova vicino al villaggio di Messen sull’isola di Qeshm.
• Il quartier generale del comando indipendente della Marina dell’IRGC, chiamato Guarnigione Imamat, nonché il quartier generale del comando della 2a regione navale, situato a Bandar-e-Jask.
Il briefing ha incluso anche informazioni su come le truppe addestrate dell’Unità Navale della Forza Quds sono organizzate in battaglioni di commando navali, che sono specificamente dispiegati nel Mar Arabico, nello Stretto di Bab al-Mandab e nel Mar Rosso per interrompere la navigazione di navi commerciali, attaccare porti, condurre dirottamenti di navi e posare mine, tra le altre cose.
La Forza Quds ha istituito una rete di contrabbando per fornire armi e attrezzature ai suoi delegati per attacchi navali, utilizzando varie rotte e metodi dallo Yemen alla Somalia. Ha equipaggiato gli Houthi con motoscafi, missili, mine e altre armi. Impiega tattiche che utilizzano motoscafi e guerra asimmetrica – simili a quelle utilizzate dalla Marina dell’IRGC nel Golfo Persico – per espandere i conflitti nel Mar Arabico, nel Bab al-Mandab e nel Mar Rosso.


Le continue offerte di concessioni da parte dei Paesi occidentali e l’assenza di responsabilità per le operazioni terroristiche del regime iraniano e per le sue uccisioni in patria hanno incoraggiato Teheran a intensificare il suo comportamento provocatorio, creando caos nella regione – ha evidenziato il rappresentante negli Stati Uniti del CNRI Soona Samsami.
Da dicembre 2017 ci sono state otto grandi rivolte, oltre a successive proteste di vari settori della società iraniana che chiedono un cambiamento fondamentale. L’ultimo piano di Teheran per creare unità navali terroristiche e intensificare il caos regionale ha lo scopo di proiettare potenza e coprire la sua fondamentale debolezza all’interno dell’Iran. Il regime spera che questa immagine gli attribuisca ulteriore influenza a livello internazionale e nazionale.
Samsami ha aggiunto che, indipendentemente da ciò che il regime iraniano potrebbe fare con il suo programma di armi nucleari e i suoi negoziati con il P5+1, Teheran deve essere chiamata a rispondere delle sue guerre per procura nella regione, del suo terrorismo, del suo sviluppo di missili balistici, delle sue eclatanti violazioni dei diritti umani e della violenta repressione dei propri cittadini.
Il deterioramento dell’economia ha privato l’IRGC e i gruppi che agiscono per procura di Teheran del sostegno vitale di cui hanno bisogno, e il regime chiede disperatamente un sollievo dalle sanzioni per finanziare le sue forze oppressive dentro l’Iran e all’esterno. Con le ultime battute d’arresto militari nella regione yemenita di Marib, il dominio del regime in Medio Oriente è in gravi difficoltà. Lo sconvolgimento a livello nazionale ha indebolito i ranghi e il morale dell’IRGC e il mondo dovrebbe osservare con attenzione ciò che sta accadendo nelle strade di Teheran, Beirut e Baghdad per imparare la fermezza e seguire quell’esempio.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow