sabato, Novembre 26, 2022
HomeNotizieIran NewsAudizione della Commissione sui Servizi Armati del Senato degli Stati Uniti sul...

Audizione della Commissione sui Servizi Armati del Senato degli Stati Uniti sul campo Ashraf

CNRI-Nel corso di un’audizione al Senato degli Stati Uniti il Nov 15, in cui hanno partecipato il Segretario alla Difesa Leon Panetta e il  capo di stato maggiore dell’Esercito, il generale Martin Dempsey, i senatori hanno espresso i loro grave preoccupazione per la sorte dei residenti di Ashraf dopo il ritiro delle forze Usa dall’Iraq. In uno stato  bipartisan, i senatori, Karl Levin, il presidente della Commissione sui Servizi Armati del Senato (D-MI), John McCain (il capogruppo repubblicano dell’Arizona), il senatore Bill Lindsey Graham (R-SC), e Joseph Liberman (Indipendente-CO) hanno esortato tutte le garanzie per la protezione dei residenti di Ashraf.

Audizione della Commissione sui Servizi Armati del Senato degli Stati Uniti sul campo Ashraf
15 novembre 2011

Sen. Carl Levin – 9:18: Lo status dei residenti di Camp Ashraf del gruppo dissidente iraniano rimane irrisolto. Mentre si avvicina la scadenza di dicembre 2011, l’Amministrazione degli Stati Uniti deve continuare a vigilare che il governo dell’Iraq si attenga agli impegni di provvedere alla sicurezza dei residenti di Camp Ashraf fino a quando una determinazione del loro status possa essere raggiunta. Dobbiamo mettere in chiaro al governo dell’Iraq che non ci può essere una ripetizione dello scontro mortale iniziato lo scorso aprile da forze di sicurezza irachene contro i residenti di Camp Ashraf.

Sen. Lindsey Graham – 2:02: Lei pensa che le persone a Camp Ashraf, pensa che stiano per essere uccise? Cosa sta per accadergli?

Gen. Dempsey: Come sa, senatore, è in corso uno sforzo per assicurare che…

Sen. Graham: Può dire alla gente qui che la probabilità che i loro amici e familiari vengano uccisi è cresciuta fortemente perché non ci sono forze americane che si occupano del problema?

Gen. Dempsey: Non dirò nulla a quelle persone perché io non sono coinvolto in quanto può accadere.

Sen. McCain – 02:08: Potrei dire finalmente, sulla questione di Camp Ashraf, che so che il Segretario di Stato sta occupandosene ma che sono le truppe americane che stanno proteggendole ora? Spero che lei possa darci qualche idea rispetto a quale disposizione verrà data poiché penso che sia molto chiaro che le vite di quelle persone sono a rischio e la ringrazio.

Gen. Dempsey: Apprezzo questo.

Sen. McCain: Grazie, generale.
Sen. Carl Levin – 02:08: Apprezzo questo. Bene, proprio su quel punto, una domanda e forse, generale, anche questo deve essere affrontato. C’è ovviamente un rischio maggiore lì a meno che gli iracheni non rispettino il proprio impegno. Cosa sta per essere fatto per assicurarsi, al meglio delle nostre capacità, che essi lo ispettino, e cosa può dire riguardo alla questione di rimuoverli [i residenti di Ashraf] dalla lista, non loro ma la loro organizzazione, dalla lista delle organizzazioni terroristiche?
Gen. Dempsey: Bene, Senatore…

Sen. Levin: Siamo tutti preoccupati per loro.

Gen. Dempsey: No, e noi condividiamo la vostra preoccupazione, Lloyd Austin la condivide e so che l’ambasciatore Jeffrey la condivide e non stiamo risparmiando alcuno sforzo diplomatico per incoraggiare gli iracheni a fare quanto pensiamo sia giusto a questo proposito per assicurare la protezione di quella gente a Camp Ashraf. Ma ora in effetti le forze di sicurezza irachene controllano Camp Ashraf con il nostro gruppo di consulenza e assistenza con loro, e così la preoccupazione su quando lasceremo quella presenza è reale. Ma veramente penso che porremo pressione sul governo iracheno diplomaticamente per avere il risultato che pensiamo sia corretto.

Sen. Levin:  Semplicemente assicurate loro che qui c’è davvero una forte sensibilità su questo e che se violano quell’impegno di proteggere quelle persone – assumendo che siano ancora lì e non siano state rimosse dalla lista delle organizzazioni terroristiche – questo per noi avrà un effetto molto negativo sulle nostre relazioni… e penso di poter parlare qui per il Congresso, sebbene io sia sempre riluttante a dire questo. Penso che ci sia molta preoccupazione nel Congresso su questo, e questo credo, a mio parere influenzerà molto negativamente le loro relazioni con il Congresso degli Stati Uniti. Permettetemi di porre la questione in questi termini.

Segretario alla Difesa Panetta: Senatore, voglio assicurarle che l’ambasciatore Jeffries ha rappresentato quel punto forte e chiaro agli iracheni.
Lieberman – 2:11: Grazie, signor presidente. Vorrei aggiungere la mia voce. Penso che lei possa parlare a nome del Congresso, dei membri di entrambi i partiti, e di entrambe le Camere, nell’esprimere la nostra preoccupazione circa la sicurezza delle persone a Camp Ashraf. Lei sa che questo è un punto di una serie di ciò che chiamo “Che cosa se”, che ha diverse risposte ora che stiamo trattando con un Iraq sovrano e dovremo fidarci di esso. Suppongo che questo sia vero sia che abiamo truppe in Iraq o no oppure all’esterno nelle vicinanze, avremo da affidarci alla diplomazia, convincerli… Che cosa accade se ci sono vittime, se ci sono attacchi contro la gente a Camp Ashraf.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,364FollowersFollow