martedì, Gennaio 31, 2023
HomeComunicati StampaGeneraleIran: Il ricatto e la minaccia dell’Italia dopo il viaggio di Maryam...

Iran: Il ricatto e la minaccia dell’Italia dopo il viaggio di Maryam Rajavi a Roma

Il ricatto e la minaccia dell’Italia dopo il viaggio di Maryam Rajavi a Roma e l’annuncia del sostegno della maggioranza del Senato della Repubblica alla Resistenza Iraniana

ImageIn seguito alla visita della sig.ra Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, sull’invito dei senatori italiani e l’annuncio del sostegno della maggioranza del Senato della Repubblica alla Resistenza Iraniana e il loro appello per cancellare il nome dei Mojahedin del popolo Iraniano dalla lista dei gruppi terroristici dell’UE, l’agenzia ufficiale del regime iraniano, Irna ieri ha riportato le parole del portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Hassan Ghshgai in cui premeva sul governo italiano dicendo che: “il governo della Repubblica islamica protesta fortissimamente presso il governo di Roma per lo scongelamento del patrimonio dei Mojahedin dalla lista dei gruppi terroristici in Italia”. Il portavoce dei mullà ha aggiunto: “noi abbiamo avanzato le nostre proteste attraverso i canali diplomatici”.

Secondo le dichiarazioni dei rappresentanti del Parlamento italiano, ripetute anche nella conferenza stampa del 23 ottobre, in seguito all’annuncio del sostegno della maggioranza del Parlamento italiano alla Resistenza Iraniana, in un’iniziativa trasversale nel mese di giugno, la dittatura religiosa al potere in Iran ha tentato con ricatto e pressione  sui parlamentari, di impedire il loro sostegno alla Resistenza Iraniana.
La Resistenza Iraniana condanna l’esercizio del ricatto e la richiesta del pizzo da parte del regime dei mullà, e chiede al governo italiano rispettando la sentenza della Corte europea di Giustizia sulla cancellazione del nome dei Mojahedin del popolo dalla lista dei gruppi terroristici, tolga dalla mano dei mullà la leva del ricatto contro il popolo iraniano e contro la sua resistenza organizzata.

28 ottobre 2008
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow