lunedì, Giugno 24, 2024
HomeComunicati StampaGeneraleIran: boicottaggio nazionale e sconfitta totale di Khamenei nelle elezioni farsa dei...

Iran: boicottaggio nazionale e sconfitta totale di Khamenei nelle elezioni farsa dei mullah Iran – elezioni farsa – No. 6

NCRI

Maryam Rajavi si congratula con la determinazione e la volontà del popolo iraniano nel referendum per boicottare il regime e le sue elezioni fraudolente
Oggi, il popolo iraniano ha assistito a un boicottaggio nazionale e a una sconfitta completa per Khamenei nelle elezioni farsa del regime dei mullah.
Maryam Rajavi, presidente-eletta della Resistenza iraniana per il periodo di transizione, si è congratulato con la determinazione e la volontà del popolo iraniano nel referendum per boicottare il regime e le sue elezioni fraudolente.
La signora Rajavi ha descritto ciò che è successo in Iran oggi, che tutti hanno visto, come un “grande no” alla dittatura e un voto del popolo iraniano per rovesciare il regime del Velayat-e Faqih (potere del “Supremo Giureconsulto”, o “Guida Suprema”), che ha usurpato e calpestato il diritto alla sovranità del popolo iraniano. Non c’è dubbio che Khamenei e il regime del Velayat-e Faqih usciranno da questo spettacolo molto più deboli e fragili, e il processo di rovesciamento sarà accelerato. In una situazione del genere, barare non è più utile ed efficace e causa solo più disonore e derisione popolare.
La signora Rajavi ha aggiunto: “Il decisivo ‘No’ del popolo iraniano è un segno delle rivolte che possono sollevarsi d’ora in poi e preannuncia il rovesciamento del fascismo religioso”.
Vale la pena di ricordare che Khamenei nel suo discorso del 28 febbraio ha affermato più volte che la partecipazione alle elezioni sarebbe stata una garanzia di “sicurezza nazionale”. Tutti sanno che la sicurezza nazionale nel lessico di questo regime non è altro che la sicurezza del ripugnante sistema del Velayat-e Faqih. Pertanto, tutti gli organi di sicurezza del regime, come il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, i Basij, il Ministero dell’Intelligence e altri organi repressivi, devono coprire il boicottaggio a livello nazionale con ogni sorta di broglio e gigantesca falsificazione del voto.
Il Ministero dell’Interno, guidato da Ahmad Vahidi, il primo comandante della forza terroristica Quds, è incaricato da Khamenei di usare tutti i tipi di brogli, trucchi e moltiplicazione dei voti contati ai seggi per annunciare l’affluenza alle elezioni più alta rispetto agli spettacoli precedenti.
Eliminare il requisito di un certificato elettorale con fotografia per votare, non timbrarlo quando si vota, accettare cinque tipi di carte d’identità e acquistare voti sono stati alcuni dei modi dei brogli di massa nello spettacolo elettorale di oggi.
È interessante notare che nessuna delle suppliche e delle richieste di voto di Khamenei e dei funzionari del regime è stata in grado di portare alle urne persone che hanno familiarità con i trucchi dei mullah al momento delle elezioni da cinque decenni. Questo boicottaggio è stato davvero una grande sconfitta per il fascismo religioso nonostante tutte le tangenti, le promesse e le minacce. In pratica, è stato dimostrato che non c’è scelta in questo regime e coloro che votano sono sia traditori che profittatori o sono ancora tra le classi inconsapevoli.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)

1 marzo 2024

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow