lunedì, Giugno 24, 2024
HomeComunicati StampaGeneraleDoppia presa in giro: la presidenza del regime iraniano alla conferenza sul...

Doppia presa in giro: la presidenza del regime iraniano alla conferenza sul disarmo delle Nazioni Unite tra violazioni dei diritti umani

NCRI

Presidenza del Regime sulla Conferenza delle Nazioni Unite sul disarmo, in contemporanea con il Rapporto della Missione d’inchiesta sui crimini contro l’umanità del Regime:
Una doppia presa in giro dei valori e degli obiettivi delle Nazioni Unite, incoraggiando il padrino del terrorismo e il capo guerrafondaio di Snake a continuare i crimini
Maryam Rajavi: Il regime che è il principale nemico della pace dovrebbe essere espulso dalle Nazioni Unite invece di presiedere la Conferenza sul disarmo
La Resistenza iraniana condanna fermamente la recente presidenza del regime iraniano della Conferenza delle Nazioni Unite sul disarmo. Questa ipotesi coincide con il rapporto schiacciante della Missione d’inchiesta del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, che ha rilevato che le azioni del regime costituiscono crimini contro l’umanità. Questo crea una presa in giro dei valori fondamentali delle Nazioni Unite di pace e diritti umani.
Mentre la presidenza è una posizione a rotazione basata sull’ordine alfabetico, consentire all’Iran di presiedere questa conferenza, anche per un breve periodo di quattro settimane (18-29 marzo e 13-24 maggio), è assolutamente inaccettabile. I ritratti mediatici del regime iraniano della loro leadership nella conferenza sul disarmo sono un tentativo trasparente di giustificare i loro crimini in corso all’interno e oltre i confini dell’Iran.
La signora Maryam Rajavi, Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI), aveva dichiarato che un regime che è il principale nemico della pace, ha causato milioni di morti e feriti in tutta la regione attraverso il suo guerrafondaio, ha imposto oltre 2 trilioni di dollari di costi al popolo iraniano per acquisire la bomba atomica e viola molti trattati internazionali, tra cui il TNP e la Risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nel modo più severo. Un tale regime non rappresenta in alcun modo il popolo iraniano e deve essere espulso dalle Nazioni Unite. Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza sui suoi progetti nucleari devono essere riattivate e non dovrebbe sedere alla presidenza della Conferenza sul disarmo.
Questo regime, direttamente o attraverso le sue forze per procura e armandole con varie armi tra cui missili e droni, ha trascinato vaste parti del mondo in guerra e ha ampliato la sua pirateria inviando vari tipi di armi ai suoi mercenari in Yemen, in palese violazione della risoluzione 2216 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, e ha messo in pericolo il trasporto marittimo in acque internazionali. Secondo i documenti rilasciati dal suo ministero degli esteri, questo regime ha speso 50 miliardi di dollari solo entro nove anni (fino ad aprile 2021) per massacrare il popolo siriano per mantenere il dittatore di quel paese al potere, costi che sono continuati anche nei tre anni successivi.

segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

20 Marzo 2024

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow