martedì, Maggio 28, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaLa lotta del regime iraniano contro il dissenso: uno sguardo più da...

La lotta del regime iraniano contro il dissenso: uno sguardo più da vicino

iran mek pmoi resistance units

Il Capodanno persiano del 1402 si è concluso il 20 marzo 2024. Mentre ci sono numerosi aspetti per valutare la posizione del regime iraniano, il rapporto della teocrazia dominante con il suo gruppo di opposizione organizzato è assolutamente importante.

La rivolta nazionale del 2022, che si è protratta per diversi mesi fino al 2023, ha scosso le fondamenta del regime. Come riportato in precedenza, l’apparato di sicurezza del regime iraniano è interamente progettato per sopprimere qualsiasi protesta e rivolta. Quindi, la continuazione di quelle proteste ha indicato una forza trainante che le ha organizzate. L’arresto di oltre 3.600 membri delle unità di resistenza dell’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI/MEK) è una testimonianza di questo fatto.

Dopo la sanguinosa repressione della rivolta del 2022, il regime ha intensificato le sue misure oppressive per reprimere qualsiasi forma di dissenso. Eppure, nonostante gli sforzi del regime, giovani ribelli hanno preso di mira molti centri di oppressione e le basi delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC). Queste operazioni, insieme a numerosi incendi di simboli e segni del regime da parte delle unità di resistenza del MEK, sono state circa 3006 casi.

Inoltre, le unità di resistenza del MEK hanno svolto 27.726 attività in tutto l’Iran, come ritrarre grandi immagini della leadership della Resistenza sugli edifici e scrivere graffiti e slogan sui muri incoraggiando le persone a resistere alla tirannia. Queste campagne e attività, sotto il naso di decine di migliaia di forze segrete e palesi del regime, hanno gettato profonda paura nei cuori dei funzionari.

Vale la pena notare che il 20 ottobre la Resistenza iraniana ha rivelato un documento confidenziale, che mostra istruzioni del comandante in capo dell’IRGC, Hossein Salami, alle basi della forza terroristica in tutto il paese. “Alla luce delle azioni violente e degli assalti effettuati per conquistare i centri Basij, assegnare le capacità necessarie per una maggiore protezione di armi, munizioni e attrezzature in questi luoghi e intraprendere le misure necessarie per proteggerli”, si legge nel documento.

A febbraio, la vasta rete della Resistenza all’interno del paese si è manifestata durante il massiccio boicottaggio delle elezioni parlamentari fasulle del regime. Oltre a generalizzare questo boicottaggio, migliaia di rapporti che mostrano centri elettorali vuoti sono stati condotti dai citizen reporters di Simay-e Azadi, un canale satellitare legato alla Resistenza iraniana.

Nel suo messaggio per Nowruz del 20 marzo, il Leader supremo del regime, Ali Khamenei, ha riconosciuto questo fatto, dicendo: “Il nemico cerca di negare la speranza nei giovani e spazzare via l’ottimismo dai cuori. Il nemico è in agguato per uccidere lo spirito della gioventù.”

Temendo la crescente influenza della Resistenza iraniana sulla società, in particolare sui giovani, il regime ha iniziato un processo farsa contro 104 funzionari e membri del MEK e della sua coalizione madre, il Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI). Il processo, tenutosi tre decenni dopo il massacro del 1988 di oltre 30.000 membri e sostenitori del MEK, intende contrastare la crescente popolarità dell’organizzazione mentre spiana la strada ai suoi complotti terroristici all’estero.

Mentre il regime tenta disperatamente di frenare l’influenza del MEK sulla società, vale la pena notare che a causa del risentimento della società e in seguito a diverse rivolte a livello nazionale, gli iraniani cercano un modo e un movimento che sostenga il rovesciamento del regime nella sua interezza e l’istituzione di una repubblica democratica.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow