domenica, Dicembre 4, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleIran - Baghdad vuole mantenere i 36 ostaggi in carcere per motivi...

Iran – Baghdad vuole mantenere i 36 ostaggi in carcere per motivi di ingresso illegale in Iraq

Appello internazionale per salvare i 36 ostaggi

ImageCNRI – In una nuova manovra, l'ufficio del primo ministro iracheno, su richiesta del fascismo religioso iraniano, impedisce il rilascio di 36 ostaggi, residenti  del Campo  di Ashraf. Sono stati sequestrati nel corso di un attacco al campo, a fine luglio. Loro sono  al  38° giorno di sciopero della fame e un giudice della corte della città di Khalis aveva già ordinato il loro rilascio in una sentenza emessa il 24 agosto 2009.

Un gruppo di ufficiali del ministero dell'Interno iracheno è stato incaricato  a presentare una denuncia nei confronti di questi 36 ostaggi sostenendo che erano entrati illegalmente nel paese. Con l'apertura di un nuovo procedimento penale falso, il governo iracheno intende costringere gli ostaggi, che sono già in gravi condizioni di salute a causa del loro sciopero della fame, nelle mani della morte.
La settimana scorsa, il CNRI  aveva annunciato che l'ambasciata del  regime iraniano a Baghdad,  cervello degli attacchi criminali contro Ashraf, ha impedito il loro rilascio. 

Manouchehr Mottaki, il ministro degli Esteri dei mullah, in una recente visita a Baghdad, ha sottolineato la necessità di evitare il rilascio di 36 ostaggi. Ha chiesto al suo ambasciatore, Kazemi-Qomi, che appartiene  alla forza  terroristica di  Qods,di applicare delle  pressioni su di loro per rompere la loro volontà e persuaderli a non tornare ad Ashraf.

Ieri mattina, uno degli ostaggi, di nome Hossein Sarv-Azad, ex prigioniero politico per nove anni nelle carceri del regime dei mullah, in sciopero della fame, ha perso conoscenza. Cercando di alzarsi è caduto per  terra e la polizia è stato costretto a portarlo  all'ospedale di Khalis.
 
L'ingresso dei 36 iraniani  e la loro presenza nel corso degli ultimi 23 anni sono passati, in modo del tutto legale e  con un visto e una autorizzazione amministrativa da parte del governo di allora. Inoltre, ciascuno di essi nel 2004, è stato riconosciuto come "persona protetta" ai sensi della Quarta Convenzione di Ginevra da parte del governo degli Stati Uniti e della forza multinazionale in Iraq e hanno tutti ricevuto una carta d'identità come  "  persona protetta ".

Rimuovere ed espellere  le persone protette costituiscono un crimine di guerra. La responsabilità di queste azioni e qualsiasi danno arrecato a questi ostaggi è direttamente del primo Ministro dell'Iraq. È anche suscettibile di azione penale e di procedimenti giuridici  davanti ad una corte di giustizia internazionale.

La Resistenza Iraniana chiede al governo degli Stati Uniti, alla forza multinazionale, al Segretario Generale del Consiglio di sicurezza dell'ONU, all'Alto Commissario per i diritti umani e a tutti gli organismi e le organizzazioni di difesa dei diritti umani, di adottare delle  misure urgenti per salvare e liberare i 36 ostaggi.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
Il 3 settembre  2009 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow