mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeComunicati StampaGeneraleEsplosioni di Baghdad e il ruolo del regime Iraniano

Esplosioni di Baghdad e il ruolo del regime Iraniano

Il complotto dell'esplosione in vicinanza del luogo del raduno dei giornalisti pronti per recarsi al Campo di Ashraf, l'opera dei mullà al potere in Iran per coprire il suo ruolo nelle esplosioni a Baghdada

Comunicato n.3
ImageMentre la rivolta in Iran ha suonato la campanella di morte del regime dei mullà, questi hanno intensificato la pressione sul governo iracheno per lo spostamento forzato dei residenti di Ashraf.
Dopo un anno della "sansione giornalitica" applicata ad Ashraf, il portavoce del governo iracheno ha invitato, la scorsa settimana, i giornalisti a partecipare, il 15 dicembre ad un tur mediatico organizzato dal suo governo ad Ashraf, per filmare il programma del comitato per la chiusura e spostamento di Ashraf.

Oggi dopo le ripetute esplosioni a Baghdad, si dice una di queste proprio nella vicinanza del raduno dei giornalisti, il regime iraniano ha precipitosamente preso posizione ed in modo ridicolo ha accusato i Mojahedin del popolo come responsabili e ha dichiarato: "forse queste esplosioni sono un ammonimento ai giornalisti per non coprire la notizia del trasferimento dei Mojahedin del Popolo dal loro campo".
Non c'è dubbio che questo vile operazione nella vicinanza del raduno dei giornalisti è l'opera del regime iraniano e della Forza terroristica di Qods, ma il regime in un tentativo ridicolo accusa i Mojahedin del popolo per coprirsi.
La Resistenza Iraniana, cosi come aveva già ricordato nel suo comunicato dell'8 dicembre, e in base ai documenti e le informazioni da fonti sicure dall'interno del Corpo dei passdaran e dalla Forza Qods, il regime iraniano è responsabile delle precedenti esplosioni a Baghdad che procura i materiali esplosivi e le armi. Questi documenti rivelano che il regime iracheno è al corrente della partecipazione del regime iraniano, ma lacuni delle autorità irachene celano questo ruolo e deviano la opinione pubblica dalla fonte principale del terrorismo e insicurezza in Iraq.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
15 dicembre 2009 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow