lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: ventisei esecuzioni criminali in dieci giorni

Iran: ventisei esecuzioni criminali in dieci giorni

Le ambasciate del regime iraniano dovrebbero essere chiuse, i suoi agenti dovrebbero essere espulsi e i suoi leader dovrebbero essere processati per genocidio e crimini contro l’umanità
Sabato 14 gennaio, gli scagnozzi criminali di Khamenei hanno impiccato un prigioniero baluci di nome Akbar Shah Bakhsh nella prigione di Zahedan. Lo stesso giorno, la magistratura del regime ha annunciato l’esecuzione di Alireza Akbari, l’ex vice ministro della Difesa del regime iraniano.
Giovedì 12 gennaio, Maher Iloli e Ali Abbaszadeh sono stati giustiziati nella prigione centrale di Shiraz.
Mercoledì 11 gennaio, nella prigione centrale di Arak sono stati impiccati Azad Dadvand, Ali Garavand, Keyvan Amini Tavakkol e altri due prigionieri. Lo stesso giorno, Milad Ashoob è stato impiccato nella prigione di Lakan a Rasht, Shahram Mortazavi nella prigione di Gorgan e Reza Haji nella prigione centrale di Karaj.
Martedì 10 gennaio Mehdi Karmi è stato impiccato nella prigione di Arak e Peyman Arab Gicheh nella prigione centrale di Karaj.
Lunedì 9 gennaio Khaliq Khizrzadeh è stato impiccato nella prigione centrale di Bandar Abbas e Nazir Sorkh Kaman nella prigione di Roodan.
Domenica 8 gennaio, Mohammad Rasool Shah Bakhsh e Akhtar Mohammad sono stati giustiziati nella prigione di Kerman, Pardel Ahmed Khanzahi nella prigione di Zahedan, Majid Sadaqat nella prigione di Yasouj e Rashid Lundpour nella prigione centrale di Karaj. Mohammad Rasool Shah Bakhsh era stato ferito con armi da fuoco otto volte durante il suo arresto nel 2016 ed è stato giustiziato dopo sette anni di dolore e reclusione.
Giovedì 5 gennaio, Rostam Abbaszadeh e Mehdi Asgari sono stati impiccati nella prigione di Ghezelhesar e Abolfazl Helvai nella prigione di Dastgerd a Esfahan. Rostam Abbaszadeh, padre di 4 figli, è stato condannato a morte dal giudice penale Moghisei con l’accusa di avere trasportato 100 grammi di eroina. Tuttavia, il traffico di droga miliardario in Iran e in altre parti del mondo è gestito e controllato dall’IRGC.
Finora, oltre ai due manifestanti della rivolta Mohammad Mehdi Karami e Mohammad Hosseini, altri 24 prigionieri sono stati impiccati dagli scagnozzi di Khamenei in dieci giorni dal 5 al 14 gennaio.
La Resistenza iraniana afferma ancora una volta la necessità di un’azione immediata da parte delle Nazioni Unite, dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri per esigere che il regime clericale fermi le esecuzioni e le uccisioni extragiudiziarie. Questo regime dovrebbe essere isolato dalla comunità internazionale, le sue ambasciate dovrebbero essere chiuse, i suoi agenti dovrebbero essere espulsi e i suoi leader dovrebbero essere assicurati alla giustizia per quattro decenni di genocidio e crimini contro l’umanità.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
15 gennaio 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow