lunedì, Giugno 24, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniAppello urgente per un'azione immediata per salvare le vite dei prigionieri politici...

Appello urgente per un’azione immediata per salvare le vite dei prigionieri politici Ali Moezi e Hassan Firouzi detenuti durante la rivolta

iran ali moezi hassan firouzi 1

Ali Moezi, un prigioniero politico di 70 anni, arrestato il 1° ottobre dal ministero dell’Intelligence durante un’irruzione nella sua abitazione, è gravemente malato e necessita di cure mediche urgenti. Aveva subito un intervento chirurgico poco prima del suo arresto e ne soffre le conseguenze.

Il sig. Moezi, che è detenuto nel reparto 4 della prigione di Evin, privo di cure mediche e medicine minime, è stato incarcerato tre volte negli ultimi quattro decenni per aver sostenuto l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (OMPI/MEK) e ha trascorso un totale di di 14 anni di carcere.

Hassan Firouzi, invece, arrestato durante la rivolta di Teheran del 26 novembre, è stato brutalmente torturato per confessioni forzate. Ha perso un rene a causa della gravità delle torture a cui era stato sottoposto. È stato portato in ospedale per cure il 14 dicembre e, nonostante il consiglio del medico di rimanere in ospedale e sottoporsi a un intervento chirurgico, è stato portato in una cella di isolamento a Evin. È entrato in coma a causa delle torture e della mancanza di cure, ma è ancora tenuto in prigione.

Hassan, che è un infermiere e aveva segretamente curato i feriti della rivolta, ha fatto arrabbiare i suoi interrogatori e torturatori con le sue pratiche. Gli agenti del regime hanno informato la sua famiglia che il tribunale della città di Ray lo aveva accusato di Moharebeh (guerra a Dio) e condannato a morte e che saranno contattati un giorno prima dell’esecuzione della sentenza.

Hassan è stato registrato mentre parlava di “torture ripetute” in una telefonata alla sua famiglia dicendo che “Se tu (il regime) vuoi giustiziarmi, vai avanti e giustiziami. Loro (il regime) mi hanno torturato molto, ma io mi sono rifiutato di firmare una confessione forzata e non lo farò perché so che la confessione forzata porterà alla mia esecuzione».

L’agenzia di stampa Mizan affiliata alla magistratura ha scritto in un rapporto sospetto del 2 gennaio che una persona di nome Hassan Firouzi non è né in arresto né sta scontando una pena in nessuna delle carceri iraniane.

La Resistenza iraniana chiede azioni immediate da parte dell’Alto Commissario e del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per salvare le vite dei prigionieri politici in Iran, in particolare Ali Moezi e Hassan Firouzi, e adottare misure per il loro rilascio.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
24 gennaio 2023
.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow