lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeComunicati StampaTerrorismoNonostante l’esitazione, l’UE riceve crescenti pressioni per sanzioni contro la Guardia Rivoluzionaria...

Nonostante l’esitazione, l’UE riceve crescenti pressioni per sanzioni contro la Guardia Rivoluzionaria iraniana

Martedì 17 gennaio, il Ministero degli Esteri francese ha espresso apertura sull’idea di designare il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniano come organizzazione terroristica. La portavoce del ministero Anne-Claire Legendre ha citato il peggioramento della repressione della rivolta antigovernativa in corso da quattro mesi nel Paese, spiegando che “la Francia sta lavorando con i suoi partner europei su nuove misure sanzionatorie, senza escluderne alcuna”.
Le osservazioni sono arrivate un giorno dopo che il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock hanno condannato separatamente due esecuzioni avvenute sabato 14 contro manifestanti iraniani che erano stati condannati per la vaga accusa politica di “diffondere la corruzione sulla Terra”. Mentre Scholz ha semplicemente promesso di aumentare ulteriormente la pressione sul regime iraniano con l’aiuto di partner internazionali, Baerbock ha affermato esplicitamente che “designare la Guardia Rivoluzionaria come organizzazione terroristica è politicamente importante e ha senso” nel contesto dei recenti sviluppi.

Questi sviluppi non si limitano all’aumento dei disordini interni e alla conseguente repressione statale all’interno della Repubblica Islamica, ma includono anche la condotta dell’Iran nei confronti di avversari stranieri e a sostegno dei suoi alleati.
Sebbene non sia chiaro se le osservazioni di Scholz e Baerbock ne siano state in qualche modo influenzate, lunedì 16 è stato riferito che la polizia antiterrorismo tedesca aveva arrestato due fratelli iraniani e interrotto un complotto estremista islamico che coinvolgeva due agenti chimici: cianuro e ricina. I rapporti affermavano che non è stato stabilito alcun collegamento con entità statali iraniane, ma l’assenza di prove immediate in questo caso non esonera il regime o l’IRGC, che è stato strettamente coinvolto in molti attacchi terroristici, compresi alcuni in Europa e nelle Americhe, sin dalla fondazione della Repubblica Islamica.
Come minimo, il raid tedesco rafforza le preoccupazioni per il terrorismo iraniano in Occidente, che sono state notevolmente evidenti negli ultimi anni, soprattutto dopo lo smantellamento di un piano terroristico vicino a Parigi che avrebbe comportato la detonazione di 500 grammi di esplosivo ad alto potenziale TATP a un raduno al quale hanno partecipato decine di migliaia di espatriati iraniani e centinaia di personalità politiche di tutto il mondo.

Ci sono, tuttavia, minacce internazionali molto più immediate associate all’IRGC, che hanno maggiori probabilità di giustificare la sua designazione come organizzazione terroristica nel prossimo futuro. Queste preoccupazioni primarie riguardano l’espansione delle relazioni dell’Iran con la Russia, in particolare la sua fornitura di droni militari da utilizzare negli attacchi russi contro l’Ucraina e le sue infrastrutture civili.
Martedì 17 l’Unione Europea ha confermato che avrebbe imposto nuove sanzioni all’Iran per il suo sostegno alla guerra della Russia contro l’Ucraina, sebbene la questione della designazione come terrorista dell’IRGC sia rimasta aperta. La pressione a favore di questa ulteriore azione continua a salire sull’UE, da parte di Stati membri come la Germania. Altri, tra cui la Francia, potrebbero aumentare tale pressione nel prossimo futuro man mano che si evolve la cooperazione distruttiva tra Iran e Russia.
Segnali di tale evoluzione erano già evidenti martedì quando l’agenzia di stampa della Repubblica Islamica (IRNA) ha riferito che i rappresentanti russi e iraniani presso gli organismi internazionali a Vienna avevano tenuto incontri per discutere “questioni di reciproco interesse”. L’IRNA ha utilizzato lo stesso rapporto per vantare il fatto che Iran, Russia e Cina costituiscano insieme un “nuovo gruppo diplomatico triangolare”, presumibilmente uno che funziona principalmente per sfidare e minare gli interessi delle potenze occidentali.

Sempre martedì 17, la Marina degli Stati Uniti ha fornito un nuovo promemoria dell’influenza distruttiva dell’Iran in altre aree quando ha riferito del sequestro di più di 2.000 fucili d’assalto che si ritiene fossero destinati a militanti Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen. Le armi in questione sono apparentemente di fabbricazione sia russa che cinese, evidenziando così il pericolo dell’espansione della cooperazione fra i tre Stati anti-occidentali.
L’IRGC ha una lunga storia di contrabbando di armi e alcune compagnie di navigazione e compagnie aeree affiliate sono state sanzionate da Stati Uniti, Gran Bretagna e UE su tale base. Il contrabbando in questione ha spesso contribuito alla proliferazione da parte dell’IRGC di gruppi estremisti musulmani sciiti nella regione circostante e ha quindi da tempo alimentato richieste di designare l’IRGC come organizzazione terroristica.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow