lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieTerrorismoLa Camera dei Comuni britannica invita il governo a proscrivere l'IRGC e...

La Camera dei Comuni britannica invita il governo a proscrivere l’IRGC e a sostenere la rivolta in Iran

UK House of Commons 13012023

Il 12 gennaio, a seguito di un dibattito parlamentare alla Camera dei Comuni britannica, i deputati hanno approvato all’unanimità e in modo trasversale la mozione promossa e presentata da Bob Blackman, che esorta il governo del Regno Unito a proscrivere il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie del regime iraniano come entità terroristica e a sostenere la rivolta iraniana.
Prima di approvare la mozione, alcuni parlamentari hanno chiesto al governo di sanzionare Teheran per le violazioni dei diritti umani, di chiudere l’ambasciata del regime a Londra e di espellere i suoi diplomatici dal territorio britannico, di sostenere il popolo iraniano nelle sue aspirazioni per un Iran libero, democratico e laico, di sottoporre il terribile dossier sui diritti umani del regime al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e di interrompere tutti i negoziati con Teheran.

Alcuni parlamentari hanno espresso chiaramente il loro sostegno alla Resistenza iraniana e al piano in 10 punti della Presidente eletta dell’NCRI, Maryam Rajavi, come tabella di marcia per la transizione verso una Repubblica libera, democratica e laica.
Il testo che segue riflette una selezione parziale delle dichiarazioni dei parlamentari. Sono state apportate lievi modifiche per garantire la chiarezza:
Le dichiarazioni complete sono disponibili sul sito web dell’Hansard al seguente indirizzo:
https://hansard.parliament.uk/commons/2023-01-12/debates/8B0B0A39-4FF0-4EFF-960D-8D3A51F0ED79/Iran

Matthew Offord (Hendon/Con):
Il regime iraniano non rispetta lo stato di diritto nel proprio Paese. Se è disposto ad agire in questo modo e a ignorare la sua stessa legislazione, sicuramente abbiamo una mano molto più forte nel proscrivere l’IRGC nella sua interezza.
L’Iran continua con le sue tattiche aggressive, compreso un attacco informatico a questo stesso Parlamento. L’Iran ha tentato di fare lo stesso con i servizi pubblici in Albania durante una manifestazione dell’opposizione. L’Iran sostiene anche le azioni militari in Yemen e in Siria. Ha destabilizzato il processo politico in Libano e a Gaza attraverso il suo sostegno attivo a Hezbollah. Un ambasciatore iraniano in carica ha coordinato e fornito esplosivi che avrebbero potuto uccidere centinaia di politici eletti a Parigi nel 2018, tra cui me e il mio amico deputato di Harrow East. Questi atti sono stati coordinati dal Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, che cerca di diffondere il terrorismo in tutto il mondo.
Ritengo che il governo britannico non abbia agito con la stessa rapidità e non si sia spinto oltre. C’è ancora confusione sul fatto che l’IRGC sia stato o debba essere proscritto nella sua interezza.

La mancata proscrizione dell’IRGC ai sensi della legge sul terrorismo del 2000 non fa altro che incoraggiare il governo iraniano a continuare a reprimere il proprio popolo.
Ma abbiamo bisogno di ulteriori azioni. Voglio che vengano tagliati tutti i legami politici e che non ci siano più negoziati con il regime islamico dell’Iran. Voglio vedere la fine del piano d’azione globale congiunto nella sua interezza. Voglio vedere l’invocazione dei meccanismi sanzionatori di snapback previsti dalla risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Voglio vedere la chiusura di tutti i centri islamici finanziati dall’Iran in tutto il Regno Unito. Voglio vedere il richiamo dell’ambasciatore britannico dall’Iran. Voglio vedere l’espulsione dell’ambasciatore iraniano e di tutti i diplomatici dal Regno Unito e il congelamento di tutti i beni dei funzionari del regime islamico e delle loro famiglie. Soprattutto, voglio che vengano mantenute le sanzioni e i divieti di visto per chiunque sia legato a questo regime malvagio.
Bob Blackman (Harrow East/Con):
Il popolo iraniano si è sollevato per sconfiggere la tirannia religiosa, la sua repressione e il terrorismo. Hanno scelto di pagare il prezzo della libertà con il loro sangue. Il Regno Unito e l’intera comunità internazionale dovrebbero essere solidali nell’aiutare il popolo iraniano a realizzare le proprie aspirazioni democratiche, cosa che il governo britannico può fare adottando i seguenti passi necessari.
Il governo deve chiedere al regime iraniano di fermare immediatamente i processi, le condanne e le esecuzioni dei manifestanti in Iran. Il governo britannico è in ritardo rispetto alle sue controparti europee, che stanno addirittura sponsorizzando singoli manifestanti che sono in prigione e ad alto rischio di esecuzione. Potremmo seguire questo esempio. Dovremmo riconoscere la legittimità della lotta del popolo iraniano contro le forze malvagie e terroristiche dell’IRGC e riconoscere ufficialmente la rivoluzione del popolo iraniano per l’instaurazione di una repubblica basata sui valori democratici.
Dovremmo riconoscere che il popolo iraniano ha un’alternativa democratica, i cui obiettivi sono sanciti dal piano in 10 punti articolato dalla signora Maryam Rajavi, presidente eletto dell’NCRI. Il governo dovrebbe sostenere questa soluzione iraniana, come raccomandato da oltre 230 deputati di tutti i partiti sia alla Camera dei Comuni che alla Camera dei Lord nella nostra dichiarazione congiunta del dicembre 2022.

Il Governo dovrebbe sottoporre il terribile dossier delle sistematiche violazioni dei diritti umani e dei crimini contro l’umanità da parte del regime al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per l’adozione di misure deterrenti vincolanti. I leader del regime devono essere consegnati alla giustizia per porre fine all’impunità e prevenire il ciclo del crimine e del terrore.
Dovremmo poi proscrivere l’IRGC nella sua interezza per negargli i fondi e le risorse di cui ha bisogno per schiacciare la rivolta nazionale ed esportare il terrorismo all’estero.
Dobbiamo chiudere l’ambasciata del regime e le istituzioni affiliate, nonché espellere i diplomatici e gli agenti del regime nel Regno Unito che forniscono sostegno alla repressione violenta dei dissidenti e degli attivisti nel Regno Unito. Dobbiamo ampliare le sanzioni per colpire la leadership politica responsabile della condotta del regime – la Guida suprema, il Presidente, l’IRGC e tutti coloro che fanno parte della struttura di governo – e incoraggiare i nostri alleati a fare lo stesso.
Dobbiamo fermare qualsiasi forma di negoziazione o concessione ai governanti criminali dell’Iran. Alla luce delle condanne a morte dei manifestanti detenuti durante l’attuale rivolta, dobbiamo agire immediatamente, insieme ai partner internazionali, per garantire che la missione d’inchiesta internazionale creata dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite visiti le prigioni in Iran e parli con i manifestanti e i prigionieri politici detenuti il prima possibile.
Insieme ai nostri alleati P3, dobbiamo annunciare la fine definitiva e permanente degli sforzi per ottenere un accordo nucleare. L’attività nucleare dell’Iran è solo un sintomo. Dovremmo affrontare la malattia: il regime stesso. Non è sufficiente dire, come hanno fatto gli Stati Uniti, che l’accordo non è l’obiettivo in questo momento. I manifestanti iraniani vogliono una linea più dura. La deterrenza, piuttosto che il dialogo, è la posizione appropriata.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow