sabato, Luglio 20, 2024
HomeNotizieTerrorismoPerché l'inevitabile mossa dell'Europa sarà quella di designare l'IRGC

Perché l’inevitabile mossa dell’Europa sarà quella di designare l’IRGC

La riluttanza del Regno Unito e dell’Unione europea a designare il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche (IRGC) come organizzazione terroristica non è dovuta alla mancanza di informazioni sulla natura, il numero di operazioni terroristiche e le potenziali minacce future. Il loro problema è quello della politica. I servizi segreti di questi paesi sono ben consapevoli della struttura e della storia violenta dell’IRGC, ancor più di quanto riportato dai loro stessi media. Tuttavia, i paesi occidentali credono ancora che verrà un giorno in cui Teheran (sia per pressione che per incoraggiamento) sarà costretta a negoziare, e considerano la designazione come “ponti in fiamme” con il regime.

Nel 2023, in dichiarazioni firmate dalla maggioranza dei legislatori di 41 paesi in tutto il mondo a sostegno della Resistenza iraniana, oltre 4.000 legislatori, tra cui più di 500 membri della Camera dei Comuni e della Camera dei Lord del Regno Unito, hanno invitato i loro governi a designare l’IRGC come organizzazione terroristica. Ma i governi europei hanno deciso all’unanimità di ignorare l’appello dei propri rappresentanti a favore di un errore strategico molto pericoloso.

Errore di calcolo strategico

Perché i paesi occidentali sbagliano nella loro valutazione del regime iraniano? La loro comprensione e il loro processo decisionale sono stati compromessi da “consulenti” ed “esperti” legati a Teheran? I loro interessi economici e politici a breve termine li hanno privati della lungimiranza strategica? Non sono riusciti ad analizzare gli sviluppi interni in Iran e il complesso processo di trasformazione all’interno della struttura di potere del regime negli ultimi anni? In alternativa, percepiscono l’attuale regime come più gestibile e prevedibile rispetto a un ipotetico Iran privo di ” chierici pragmatici?”

Spetta alle capitali dei paesi occidentali rispondere a queste domande. Ma indipendentemente dal fatto che l’Occidente creda o meno che la Guida suprema del regime iraniano, Ali Khamenei, possa ancora una volta essere costretta al tavolo dei negoziati, la realtà è che le condizioni del 2015 non si ripeteranno mai per tre motivi: il mondo, la regione e in particolare l’Iran sono cambiati profondamente negli ultimi nove anni.

1. Negli ultimi nove anni, il mondo è alle prese con le ripercussioni di una pandemia globale e di molteplici conflitti internazionali, con conseguenti profonde sfide economiche e sociali per numerose nazioni. Le priorità interne nel trattare gli affari internazionali, in particolare in Occidente, hanno incoraggiato i tiranni e i regimi aggressivi, favorendo una pericolosa percezione di immunità per le loro azioni. Credono, e giustamente, che la tolleranza per l’appeasement e l’inazione da parte della comunità internazionale si sia allargata, anche di fronte alle eclatanti violazioni dei diritti umani.

2. Molti paesi della regione del Medio Oriente si erano avvicinati a forgiare una coalizione contro il regime iraniano, ma la detonazione di una granata metaforica il 7 ottobre ha interrotto in modo significativo questo progresso. Ora, qualsiasi azione simile alla coalizione politica pre-7 ottobre rischia di accendere la discordia tra il popolo e i loro governi nella regione. Quello che ha puntato di più su questa dinamica strategica è quello che ha tirato la spilla di sicurezza della granata.

3. Dalla fine del 2017, circa 24 mesi dopo che ingenti fondi sono stati incanalati verso il regime iraniano attraverso l’alleggerimento delle sanzioni dell’accordo nucleare del 2015, la società iraniana è scoppiata in risposta alle pressioni economiche, con proteste diffuse volte a rovesciare la dittatura clericale. Da allora, queste proteste hanno persistito, spingendo il regime a reprimere spietatamente, riconoscendo la minaccia esistenziale posta da qualsiasi riunione incontrollata. Di conseguenza, Khamenei ha sistematicamente eliminato tutti i centri decisionali, mentre i funzionari dell’IRGC hanno esteso la loro influenza a tutti i livelli di governo, dal governo e dal parlamento alla magistratura, alle amministrazioni provinciali, ai comuni e persino alle università.

In precedenza, l’economia del paese e il controllo della società erano stati affidati all’IRGC e al suo apparato di intelligence. Vedendo il pericolo di un cambio di regime sempre più vicino, Khamenei mise i tre rami del potere sotto il controllo del suo esercito privato per assicurarsi che le Guardie avessero tutto in gioco con il suo destino.

L’Occidente potrebbe pensare che il dominio di Khamenei e il controllo dell’IRGC sull’Iran siano qualcosa al di là del loro controllo o dei loro interessi. Ma ciò che non riescono a capire è che il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche, il cui nome non contiene la parola “Iran”, non può rimanere all’interno dei confini dell’Iran.

La gestione del programma missilistico e nucleare, l’interferenza in Yemen, Siria, Libano, Iraq e altri paesi del Medio Oriente, l’espansione dell’influenza in Africa e America Latina, l’esternalizzazione delle sue missioni a bande criminali in tutto il mondo, la gestione di una rete globale di terroristi e riciclaggio di denaro, la gestione del più grande cartello della droga gestito dallo stato e la diffusione dell’estremismo in tutto il mondo non sono solo un approccio economico per il regime di Khamenei. Fanno parte di uno stratagemma di sopravvivenza per garantire la continuazione della politica di appeasement nei paesi in ambito regionale e internazionale.

Quindi, fino a quando l’Occidente non trasmetterà un chiaro messaggio a Teheran che non è immune alle conseguenze delle proprie azioni, il regime terrorista dei mullah persisterà in ciò che può fare meglio.

Ignorare gli avvertimenti storici

Adolf Hitler e l’Asse non avevano intrapreso il percorso che ha portato alla seconda guerra mondiale fino a quando non sono stati assicurati che la Società delle Nazioni avrebbe mantenuto la sua inazione contro di loro.

Pertanto, se paragoniamo l’IRGC alle SS o meno, la portata della sua influenza e il suo pericolo per il mondo, anche se il regime iraniano non ha ancora effettuato alcuna aggressione territoriale formale, è forse maggiore. Proprio come Hitler era disposto a rinunciare alle SS in un ipotetico negoziato, Ali Khamenei sarebbe disposto a stipulare un compromesso che avrebbe influenzato gli interessi economici, politici o motivazionali dell’IRGC.

Mentre i leader europei si trovano di fronte a una scelta cruciale se agire o non agire, Khamenei ha già deciso. In fin dei conti, è certo che gli sviluppi regionali e internazionali alla fine costringeranno l’Europa a designare l’IRGC. È anche molto chiaro che questo ritardo non è nell’interesse dell’Europa, ma di Teheran; mentre giudicare il futuro e le conseguenze di una decisione sbagliata sono difficili, quelli del passato non lo sono.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow