domenica, Maggio 26, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: almeno 15 esecuzioni nella seconda settimana di marzo

Iran: almeno 15 esecuzioni nella seconda settimana di marzo

NCRI

Due prigionieri, inclusa una donna, sono morti per negligenza medica
La macchina di esecuzioni e altre uccisioni di Khamenei sta lavorando ad alta velocità nella paura della rivolta popolare, e i suoi scagnozzi hanno consegnato 15 prigionieri al patibolo durante la seconda settimana di marzo.
Domenica 12 marzo, Ali Mokhan Saifi è stato giustiziato nella prigione di Dieselabad a Kermanshah, e Tawheed Ramezani e Nabi Lagrani sono stati giustiziati nella prigione di Adelabad a Shiraz.
L’11 marzo, Zafar Hadipour, Nader Ebrahimpour, Yunes Koolmarzi e un altro prigioniero sono stati impiccati nella prigione centrale di Khorramabad.
Il 10 marzo, Sayad Faramarzi, Saleh Ghasemi, Mansour Abdaizadeh e Jalal Sardari Fard sono stati impiccati nella prigione di Urmia e Ahmad Bajizehi nella prigione di Adel Abad a Shiraz.
Il 9 marzo Jalal Sardari Far è stato impiccato nella prigione centrale di Urmia e martedì 7 marzo Meisam Bahrami e Shahbakhsh Ostadi sono stati impiccati nella prigione centrale di Bandar Abbas.
L’8 marzo, un prigioniero di nome Taghizadeh ha avuto problemi cardiaci nella prigione di Urmia ed è morto a causa del ritardo con cui i funzionari della prigione lo hanno mandato in ospedale. Il 7 marzo, una detenuta di nome Seyedeh Amineh Ahmadi, che era stata arrestata due anni fa, è morta nella prigione del centro penitenziario e di addestramento di Sanandaj a causa di un grave avvelenamento e della mancanza di cure mediche.
Martedì 7 marzo, un cittadino beluci di nome Mohammad Rigi è morto a Zahedan dopo essere stato colpito dalle forze militari del regime.
La Resistenza iraniana chiede ancora una volta un’azione immediata da parte delle Nazioni Unite, dell’Unione Europea e degli Stati membri per esigere che il regime dei mullah fermi le esecuzioni e le uccisioni. Questo regime dovrebbe essere isolato dalla comunità internazionale, il dossier dei suoi crimini dovrebbe essere deferito al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e i suoi dirigenti dovrebbero essere assicurati alla giustizia per quattro decenni di genocidio e crimini contro l’umanità.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
15 marzo 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow