martedì, Aprile 23, 2024
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran: giustiziati un prigioniero politico e altri cinque prigionieri

Iran: giustiziati un prigioniero politico e altri cinque prigionieri

Mohiuddin Ebrahimi 1

Mohiuddin Ebrahimi, un prigioniero politico; Altri cinque detenuti, giustiziati. 73 esecuzioni tra il 20 febbraio e il 17 marzo 2023
Sig.ra Maryam Rajavi: Khamenei continua a uccidere, anche alla vigilia del Nowruz. I giovani coraggiosi non lasceranno questi crimini senza risposta. L’inazione nei confronti della tortura e dell’esecuzione del regime sta calpestando i valori dei diritti umani
Il Partito Democratico del Kurdistan dell’Iran ha annunciato l’esecuzione di un prigioniero politico curdo della città di Oshnavieh da parte di scagnozzi del regime nella prigione centrale di Urmia. Il partito ha scritto che questo regime sanguinario dovrebbe essere rimosso dal mondo. Mohiuddin Ebrahimi è stato colpito dalle guardie durante il suo arresto nell’ottobre 2017 ed è rimasto gravemente ferito. È stato giustiziato dopo cinque anni e mezzo di carcere, nonostante gli appelli nazionali e internazionali. Le forze di sicurezza del regime si sono rifiutate di consegnare il suo corpo alla sua famiglia, temendo proteste pubbliche.
Inoltre, altri cinque prigionieri sono stati giustiziati oggi a Urmia. I nomi delle vittime sono Ashir Abbas Nejad, Jahanbakhsh Radlouei, Hassan Omari, Yasin Rashidi e Mohammad Ayoubbian.
L’agenzia di stampa iraniana Tasnim ha anche riferito il 17 marzo 2023 che il procuratore del Lorestan ha annunciato l’esecuzione di un altro prigioniero a Khorramabad in relazione all’omicidio di un maggiore della polizia delle forze di sicurezza dello stato.
Per quanto riguarda le esecuzioni di oggi, in particolare l’esecuzione di un prigioniero politico, la signora Maryam Rajavi ha affermato che Ali Khamenei continua a uccidere anche alla vigilia di Nowruz. Hanno giustiziato sette prigionieri, tra cui un prigioniero politico, a Urmia questa mattina. I coraggiosi giovani della nostra patria, l’Iran, non lasceranno impuniti questi crimini. L’inazione nei confronti della tortura e dell’esecuzione del regime è un calpestio dei valori dei diritti umani.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
17 Marzo 2023

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow