sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaUn osservatore delle N.U chiama le autorità irachene a ripristinare la fornitura...

Un osservatore delle N.U chiama le autorità irachene a ripristinare la fornitura d’acqua ad Ashraf

Fonte. US News Centre, 6 Marzo 2008

ImageUn esperto indipendente per i diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto oggi alle autorità irachene di ripristinare la fornitura d’acqua a più di 20.000 persone che stanno soffrendo per la carenza d’acqua e di cibo sin dall’esplosione dello scorso mese nella stazione di pompaggio.
 
Jean Ziegler, l’Osservatore Speciale per il diritto al cibo, ha fatto una dichiarazione nella quale esprime profonda preoccupazione per la pessima condizione umanitaria della Città di Ashraf/ Campus di Ashraf e delle vicinanze sin dall’esplosione dell’8 Febbraio nella vicina Zorganieh.

Ha detto che la popolazione locale sta attualmente sperimentando la carenza d’acqua e di cibo che è diventata ancora più critica con l’aumento del clima caldo nella regione.
 
Il Sig. Ziegler ha detto di aver ricevuto notizie in base alle quali l’esplosione avrebbe avuto lo scopo di aggravare la pressione su circa 3.000 membri di una milizia conosciuta come Organizzazione dei Mojahedin del Popolo iraniano (PMOI/ MEK) che sono costretti a vivere nel Campo di Ashraf.
 
In base ad un accordo firmato dalle autorità irachene e dal PMOI nel 2003, il campo rimane sotto il controllo della Forza Multinazionale (MNF) in Iraq e nel 2004 gli Stati Uniti hanno riconosciuto i membri del PMOI come persone protette dalla convenzione di Ginevra.
 
Nelle sue affermazioni l’Osservatore Speciale ha sottolineato che il diritto al cibo e all’acqua sono protetti dalle leggi internazionali sui diritti umani.
 
"Le autorità irachene hanno fallito nel proteggere gli abitanti di Ashraf e delle aree limitrofe dalle azioni di gruppi terzi, che hanno impedito il godimento dei diritti al cibo e all’acqua e hanno creato una situazione umanitaria allarmante".
 
"Le autorità competenti devono ripristinare urgentemente le scorte d’acqua a tutti gli abitanti della regione colpiti dall’esplosione della stazione di pompaggio e la popolazione colpita dovrebbe essere protetta contro le violazioni dei propri diritti da parte di terzi"
 
"Chiamo le autorità irachene ad adottare immediate misure per garantire il diritto al cibo e all’acqua agli abitanti di Ashraf e delle zone vicine".

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,405FollowersFollow