sabato, Dicembre 10, 2022
HomeNotizieIran NewsUn documento interno delle Nazioni Unite: Camp Liberty non rispetta gli standards...

Un documento interno delle Nazioni Unite: Camp Liberty non rispetta gli standards dell’ONU

PARIGI, 2 Gennaio 2013 (AFP) – L’opposizione iraniana in esilio mercoledi ha presentato un documento attribuito alle Nazioni Unite, attestante che il campo per rifugiati di Liberty, vicino Baghdad, non è conforme agli standards umanitari, nonostante le dichiarazioni rese dal rappresentante dell’organizzazione in Iraq, Martin Kobler. Quasi un anno dopo il trasferimento dei 3400 rifugiati di Campo Ashraf (a nord di Baghdad) a Camp Liberty, il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana ha denunciato che la situazione a Camp Liberty è “critica”, sostenendo che le recenti inondazioni hanno reso il campo “inabitabile”.
Secondo un documento presentato e attribuito all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, del quale l’AFP ha ottenuto una copia, il 19 Gennaio 2012 l’UNHCR si rifiutò di certificare che Camp Liberty era conforme alle norme umanitarie, in particolare per ciò che riguardava le forniture di acqua, di elettricità e il sistema fognario.
Ma il 30 Gennaio 2012, l’UNHCR considerò Liberty in grado di ospitare i residenti ed il Rappresentante del Segretario Generale delle Nazioni Unite in Iraq, Martin Kobler, in un comunicato del 31 Gennaio 2012 affermava che “le strutture e gli impianti di Camp Liberty sono conformi agli standards umanitari internazionali.”
A Parigi Afshin Alavi, portavoce del CNRI ha detto: “Questo documento rivela che Martin Kobler ha coscientemente e deliberatamente, per ingannare i residenti, presentato un rapporto falso a nome delle Nazioni Unite e dell’UNHCR. Questo è un palese tradimento dei diritti umani, dei sacri principi sull’asilo e dei valori sui quali le Nazioni Unite furono fondate.”
Di conseguenza il CNRI richiede “una urgente ed imparziale inchiesta” aulle azioni di Martin Kobler e la garanzia della sicurezza per i residenti di Camp Liberty.
Tahar Boumedra, algerino, ex-consulente di Martin Kobler, si è dimesso dal suo incarico nel Maggio 2012. Tra le varie questioni, giudicò Camp Liberty una “prigione di massima sicurezza” in una zona militare ed in condizioni assolutamente pessime.
L’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (OMPI/MEK) è la componenente principale del CNRI. Fondato nel 1965 con l’obbiettivo di rovesciare il regime dello Scià ed in seguito il regime islamico, i suoi membri furono espulsi dall’Iran nel 1980 e si stabilirono ad Ashraf in Iraq.
Quasi tutti i 3400 residenti di Ashraf hanno acconsentito ad essere trasferiti a Camp Liberty, vicino Baghdad. Circa 200 persone sono rimaste ad Ashraf.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,489FollowersFollow