giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeNotizieIran NewsUn'azienda tedesca nega di aver venduto le gru della morte all'Iran

Un’azienda tedesca nega di aver venduto le gru della morte all’Iran

Fonte: Washington Free Beacon

Il presidente di una azienda tedesca, le cui gru sembra vengano utilizzate per le impiccagioni pubbliche in Iran, si è scagliato contro le critiche ed ha respinto gli appelli alla sua azienda di porre fine alle sue relazioni con Tehran per motivi umanitari.

 

La ditta di costruzioni tedesca Atlas era finita nel mirino di gruppi in difesa dei diritti umani per aver fornito gru all’Iran, che poi le ha usate per impiccare pubblicamente i leaders ed altri membri dell’opposizione.

L’Iran è leader mondiale nelle esecuzioni, avendo ucciso 529 cittadini lo scorso anno per lo più per impiccagione.

Altre 40 persone sono state impiccate nel giro di due settimane a Gennaio e circa due iraniani vengono giustiziati ogni giorno con il nuovo presidente Hassan Rouhani.

Il nome Atlas è ben visibile sulle gru in molte fotografie delle cerimonie delle impiccagioni pubbliche in Iran, durante le quali un boia mascherato impicca un uomo mentre gli abitanti del posto si radunano per guardare, spesso con il loro bambini.

Queste fotografie hanno spinto il gruppo United Against Nuclear Iran (UANI) a scrivere al presidente della Atlas, Fil Filipov, per chiedere che la sua azienda “…interrompa immediatamente tutti i suoi rapporti commerciali con l’Iran”.

La Atlas, che sembra sia rappresentata in Iran da un’affiliata, la Hydro Atlas, dice di non avere affari in corso con l’Iran e di non sapere come le sue attrezzature siano arrivate nel paese.

“Noi non inviamo nessuna gru in questo paese!” ha detto Filipov al Washington Free Beacon via e-mail, quando gli è stato chiesto delle immagini che mostravano le sue gru utilizzate durante le impiccagioni.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,485FollowersFollow