lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieTerrorismoLe deboli politiche occidentali hanno incoraggiato l’Iran a minacciare atti di terrorismo...

Le deboli politiche occidentali hanno incoraggiato l’Iran a minacciare atti di terrorismo e attacchi militari

L’anno scorso, un tribunale belga ha emesso una condanna a 20 anni di carcere per Assadollah Assadi, il diplomatico iraniano a capo di un tentato complotto per bombardare il centro congressi francese dove il Consiglio nazionale della resistenza iraniana stava tenendo il suo “Free Iran World Summit” del 2018. I critici seri del regime iraniano, molti dei quali erano presenti all’evento, speravano che la condanna di Assadi portasse altre nazioni occidentali a chiedere che i esecutori a Teheran vengono ritenuti responsabili.
Il 14 luglio, un ex funzionario carcerario iraniano di nome Hamid Noury è stato condannato all’ergastolo da un tribunale svedese dopo essere stato processato sulla base della giurisdizione universale, per il suo ruolo nel massacro di 30.000 prigionieri politici iraniani durante l’estate del 1988. La sentenza avrebbe potuto suscitare un’analoga ondata di speranze di responsabilità ad alto livello, se non fosse che è stata seguita a ruota dal governo belga che ha sminuito la decisione del suo stesso tribunale e ha approvato un trattato che è chiaramente destinato a porre le basi per il rilascio di Assadi in uno scambio di prigionieri.
Ora, molti attivisti iraniani sono comprensibilmente preoccupati che la mancanza di seguito, in questo caso, diventi un modello per altri. Temono inoltre che tali concessioni rafforzino ulteriormente il già smisurato senso di impunità di Teheran in materia di terrorismo e diritti umani. In effetti, un organo di informazione iraniano gestito dal Corpo delle Guardie Rivoluzionarie del regime ha fornito una forte prova del fatto che il regime è già stato incoraggiato ad accelerare le sue attività maligne, nella speranza di dover affrontare poche conseguenze sulla scena mondiale.
Il 27 luglio, l’agenzia di stampa Fars ha pubblicato un articolo in cui si auspicava esplicitamente un attacco militare contro una comunità di espatriati iraniani in Albania. L’articolo si vantava della “capacità dell’Iran di utilizzare droni offensivi e missili balistici per colpire il quartier generale dell’MKO in Albania” e sosteneva che non vi è “alcun divieto legale” contro un attacco al gruppo di opposizione pro-democrazia, l’Organizzazione Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI, o MEK).

Innumerevoli attivisti e cittadini comuni hanno definito Raisi il “macellaio di Teheran”, riferendosi alla sua leadership della magistratura federale durante la repressione del 2019 che ha ucciso 1.500 persone e il suo ruolo di particolare rilievo nel massacro del 1988. Il procedimento giudiziario di Noury ha portato a molte speculazioni sul fatto che Raisi avrebbe avuto un esito simile in qualsiasi nazione disposta a invocare la giurisdizione universale per arrestarlo dopo il suo viaggio. Ma nello stesso periodo, il dubbio si è fatto strada quando è diventato chiaro che le potenze occidentali non avevano un reale interesse a perseguire tale responsabilità per quei funzionari che erano in ultima analisi responsabili del complotto terroristico contro il raduno del NCRI in Francia. In effetti, le Nazioni Unite e la nazione che le ospita, gli Stati Uniti, stanno per invitare Raisi a parlare all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a settembre.
La mancanza di responsabilità internazionale ha sicuramente contribuito in modo significativo a molti abusi e crimini successivi perpetrati dalle autorità iraniane, tra cui l’ordine di aprire il fuoco sui manifestanti pacifici nel novembre 2019.
A sua volta, la comunità internazionale è rimasta relativamente in silenzio anche su questo più recente crimine contro l’umanità. Ciò ha presumibilmente incentivato Khamenei a portare avanti la sua decisione di nominare Raisi come nuovo presidente del Paese. Molte delle ex vittime di Raisi e i loro sostenitori si sono affrettati ad avvertire che la sua amministrazione avrebbe supervisionato un’impennata di quasi tutte le attività maligne del regime clericale. Ora, un anno dopo la guida di Raisi, non potrebbe essere più chiaro che quegli avvertimenti erano fondati.
Il regime ha minacciato apertamente e ha anche preso provvedimenti per assassinare funzionari e cittadini statunitensi. Per fare pressione sugli Stati Uniti per ottenere maggiori concessioni durante i colloqui sul nucleare, i funzionari di Stato e i media iraniani si sono vantati di produrre bombe nucleari e alcuni hanno persino lodato un attacco terroristico contro lo scrittore britannico Salman Rushdie a New York.

La minaccia aperta contro Ashraf 3 è solo l’ultimo esempio, anche se probabilmente il più scioccante da una prospettiva occidentale. Il suo potenziale impatto diretto sull’Europa dovrebbe spingere l’UE e i suoi alleati ad agire rapidamente per indebolire il senso di impunità del regime. Ma i precedenti di Raisi in materia di violazioni dei diritti umani, vecchi e nuovi, avrebbero già dovuto spingere a un’azione di questo tipo, che potrebbe assumere la forma di sanzioni economiche più complete e coordinate, l’espulsione di diplomatici iraniani (e di potenziali terroristi) e dichiarazioni di sostegno formale alle comunità di espatriati e alle organizzazioni pro-democrazia che Teheran è così ansiosa di distruggere.
Numerosi responsabili politici occidentali si sono già impegnati in questo senso, come dimostrano le loro visite ad Ashraf 3. Hanno anche riconosciuto che l’ossessione del regime di giustificare gli attacchi al MEK è il prodotto di una crescente paura dell’influenza sociale di questo gruppo all’interno dell’Iran e del suo potenziale di sfidare seriamente la presa del potere del regime. Questi aspetti sono diventati sempre più evidenti negli ultimi anni, con l’Iran che ha subito diverse rivolte antigovernative dalla fine del 2017.
La comunità internazionale deve esplorare seriamente i modi per sostenere queste rivolte e promuovere l’obiettivo finale del cambio di regime. L’unica alternativa è continuare a placare il regime esistente, con il rischio di invitare attacchi militari e terroristici sul suolo occidentale. Stare in disparte non è più un’opzione.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow