sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaL'evento del Parlamento europeo evidenzia l'interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee

L’evento del Parlamento europeo evidenzia l’interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee

fofi eu parliament 23012024 (1)

Un gruppo di ex e attuali membri del Parlamento europeo (eurodeputati) e altri esperti si sono riuniti al Parlamento europeo a Bruxelles il 23 gennaio 2024 per lanciare un documento prodotto dall’intergruppo Friends of a Free Iran (FOFI) sull’interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee.
Il documento, intitolato “Iran Experts Initiative: A Covert Operation to Manipulate European Policy and Demonize the Iranian Opposition“, descrive in dettaglio come il regime iraniano abbia utilizzato una rete di cosiddetti” esperti iraniani ” per influenzare le politiche e i decisori europei. Questi esperti hanno diffuso informazioni fuorvianti volte a demonizzare il Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI) e la sua componente principale, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo iraniano (PMOI).
Il documento espone anche come il regime iraniano abbia utilizzato la Rete di esperti per penetrare governi, think tank e gruppi consultivi ai più alti livelli e per diffondere la propaganda del regime nei media occidentali.
Parlando all’evento, Javier Zarzalejos, membro del Parlamento europeo dalla Spagna, ha detto che l’interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee è una questione di grave preoccupazione e ha chiesto la fine della fallimentare politica di appeasement con il regime.
Struan Stevenson, ex eurodeputato e co-presidente del Comitato per la protezione delle libertà politiche in Iran, ha affermato che la campagna di disinformazione del regime iraniano è una parte centrale della sua strategia per la sopravvivenza e ha avvertito che il regime spera di usare la “Realpolitik” per dettare che i governi di tutto il mondo dovrebbero accogliere il regime facendo concessioni.

Farzin Hashemi, membro anziano della Commissione Affari esteri del CNRI, ha affermato che l’interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee è solo la punta dell’iceberg e che il regime sta usando una varietà di tattiche per sopprimere il desiderio di democrazia del popolo iraniano.
I relatori all’evento hanno esortato l’Unione europea a inserire nella lista nera il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane (IRGC) nella sua interezza e a sostenere il movimento democratico di opposizione iraniano. Hanno anche invitato la comunità internazionale a sostenere la causa di un Iran libero e democratico.

Di seguito il testo del comunicato stampa FoFI:

PER IL RILASCIO IMMEDIATO

Amici di un Iran libero al Parlamento europeo

Contrastare le interferenze straniere: tracciare la rete di influenza dell’Iran nella politica europea
Parlamento europeo – Bruxelles, 23 gennaio 2024 – Si è tenuto oggi un evento per lanciare un documento prodotto dall’intergruppo Friends of a Free Iran (FOFI) sull’interferenza del regime iraniano nelle istituzioni europee.
Javier Zarzalejos, membro del Parlamento europeo dalla Spagna e copresidente della FOFI, ha presieduto la riunione alla quale hanno partecipato deputati, giornalisti ed esperti indipendenti.
Il documento FOFI spiega che alla fine di settembre 2023, la rivelazione di scambi di e-mail tra un certo numero di “esperti iraniani” e funzionari del Ministero degli Esteri iraniano ha inviato onde d’urto attraverso l’Europa e l’America. Ha rivelato il fatto inquietante che i governi e le istituzioni europee si basavano su analisi e raccomandazioni per le loro politiche sull’Iran da parte degli stessi esperti che, secondo questo
la rivelazione faceva parte di una rete creata dall’Iran.

Queste e-mail espongono l’iniziativa segreta del regime iraniano, sotto le spoglie dell ‘ “Iran Experts Initiative” (IEI), per infiltrarsi strategicamente nei circoli politici occidentali e nei media per promuovere gli interessi di Teheran, incluso il suo programma nucleare.
Zarzalejos ha dichiarato: “Questa pubblicazione deve essere considerata un importante contributo alla causa della lotta contro la disinformazione e l’interferenza illegittima nel processo politico degli stati membri dell’Unione europea. Il libro contiene un resoconto dettagliato della cosiddetta “Iran Experts Initiative” come ombrello per coprire e mascherare un’ambiziosa strategia del regime iraniano per estendere la sua narrativa, modellare le politiche occidentali, influenzare i decisori e l’opinione pubblica e demonizzare l’opposizione iraniana con una strategia molto speciale.
focus sul Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran.”
Javier Zarzalejos ha aggiunto: “Ciò che è in gioco non è la libertà di espressione, di studiosi, di esperti, ma la strategia di sporchi trucchi, campagne diffamatorie e grossolane distorsioni e demonizzazione inaccettabile dell’opposizione. Vorrei esprimere il mio riconoscimento per questo lavoro, per l’esposizione di questa rete di interferenze, e impegnarmi a sostenere per trarre le conclusioni appropriate e agire di conseguenza, perché questo è qualcosa che deve essere preso molto sul serio. Vorrei sottolineare ancora una volta il grande contributo che questo
lavoro significa per coloro che sono particolarmente impegnati per la causa della libertà in Iran e che vedono anche con preoccupazione le strategie permanenti di tale influenza illegittima nell’Unione europea.”
Struan Stevenson, Presidente della Commissione In Search of Justice (ISJ) per la protezione delle libertà politiche in Iran ed ex eurodeputato (1999-2014), ha dichiarato: “Con le prossime elezioni europee previste a giugno, penso che sia importante esaminare da vicino i tentativi sempre più virulenti del regime teocratico in Iran di interferire nella democrazia occidentale e influenzare il processo decisionale in istituzioni come il Parlamento europeo.”

Stevenson ha aggiunto: “Gli esperti della rete hanno costantemente diffuso informazioni fuorvianti progettate dai mullah mentre demonizzavano il principale movimento di opposizione democratica, il Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana (NCRI) e la sua componente principale l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI/MEK).
Le e-mail trapelate hanno rivelato come il regime teocratico abbia cercato di utilizzare la Rete di esperti per costruire legami internazionali con accademici e ricercatori influenti, penetrando governi, think tank e gruppi consultivi ai più alti livelli e diffondendo la propaganda del regime nei media occidentali. Hanno rivelato il fatto inquietante che i governi e le istituzioni europee si affidavano all’analisi e alle raccomandazioni per la loro politica sull’Iran fornite da questi cosiddetti esperti. Le e-mail hanno smascherato l’iniziativa segreta del regime iraniano per far avanzare gli interessi di Teheran, incluso il suo programma nucleare, distogliendo l’attenzione dalla sua spaventosa situazione in materia di diritti umani.”
Farzin Hashemi, membro anziano della Commissione Affari esteri del CNRI, ha dichiarato “ ” In breve, ciò che è già stato rivelato è solo la punta dell’iceberg. La campagna di disinformazione per il regime dei mullah non è una questione secondaria, ma una parte centrale della strategia del regime per la sua sopravvivenza. La teoria alla base di questa tattica è molto semplice: il regime dei mullah non può difendere il suo record su qualsiasi questione, che si tratti di diritti umani, terrorismo o programma di armi nucleari. Quindi, la tattica migliore è demonizzare l’opposizione democratica e poi affermare che non esiste un’alternativa praticabile al regime.”
Hashemi ha concluso che il regime spera che in questo modo “la Realpolitik detterà che i governi di tutto il mondo dovrebbero accogliere il regime facendo concessioni perché non hanno altra opzione. Gli agenti del regime, fingendosi esperti indipendenti, attivisti per i diritti umani o persino critici del regime, si assumeranno il compito di diffondere questa narrazione e sostenere che qualsiasi cambiamento porterebbe al caos perché non c’è alternativa e il PMOI non ha alcun sostegno in Iran.”

I relatori hanno espresso la necessità di porre fine alla fallimentare politica di appeasement con il regime dei mullah e di sostenere il movimento di opposizione democratico iraniano, il CNRI. Hanno anche ribadito la necessità che l’Unione europea inserisca nella lista nera il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane (IRGC) nella sua interezza. Mentre l’attenzione del mondo si rivolge all’inflessibile determinazione del popolo iraniano per un futuro migliore, il sostegno della comunità internazionale alla causa di un Iran libero e democratico continua a risuonare,
incarnare una posizione collettiva per i diritti umani fondamentali e i principi democratici.
L’evento si è concluso con una sessione di domande e risposte.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow