lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaLa rivolta in Iran e le sue prospettive: domande e risposte esclusive...

La rivolta in Iran e le sue prospettive: domande e risposte esclusive con il presidente della Commissione Affari Esteri del CNRI Mohammad Mohaddessin

La rivolta nazionale iraniana è entrata nel suo quarto mese, nonostante i tentativi del regime di stroncarla. La continuazione di queste proteste indica che questo movimento è organizzato e, in effetti, la situazione non sarà più la stessa in Iran. Questi elementi di rivoluzione in atto hanno messo a nudo il vero volto di un regime moribondo e fragile. Per approfondire ulteriormente l’attuale situazione in Iran e valutare le prospettive della rivolta, diversi politici e pensatori svizzeri si sono riuniti in una sessione con Mohammad Mohaddessin, presidente della Commissione Affari Esteri del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI). Mohaddessin ha risposto ad alcune domande, fornendo una visione approfondita dell’attuale situazione all’interno dell’Iran. Quella che segue è la prima parte di quella sessione di domande e risposte.
D: Quali sono le prospettive delle proteste in corso in Iran, che molti considerano una rivolta? Perché la rivolta continua da oltre 100 giorni?
R: L’Iran, sotto il regime dei mullah, è il centro di violazioni dei diritti umani, torture, esecuzioni e il campo di sterminio di uomini, donne e bambini innocenti. Solo negli ultimi giorni, il regime ha giustiziato circa 18 persone con varie accuse. Il numero delle esecuzioni nel solo mese di dicembre ha superato le 50. Il regime mira a intimidire la società nel tentativo di fermare l’espansione della rivolta.
Tuttavia, la rivolta è continuata negli ultimi 100 giorni, con slogan popolari come “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore” e “Morte all’oppressore, sia esso lo scià o la guida [Khamenei]”. Almeno 750 manifestanti sono stati uccisi e l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK) ha pubblicato i nomi di circa 600 di loro. Almeno 65 minorenni di età compresa tra i 2 e i 18 anni sono stati uccisi e 30.000 manifestanti sono stati arrestati.
È stato recentemente rivelato che il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) aveva riconosciuto che nei primi due mesi di proteste erano state arrestate 29.000 persone. Molte di loro sono minori di 18 anni. Diversi arrestati sono stati condannati a morte per avere protestato e chiesto un cambio di regime.
Eppure, nonostante tutta questa repressione, la società iraniana ha continuato la sua rivolta. Nei giorni scorsi grida di “Morte a Khamenei” e “Morte al dittatore” si sono udite nelle vie centrali di Teheran, come Via Enghelab. Il quartier generale di Khamenei è a solo un chilometro da lì.
Voglio indicare due forze motrici che fanno continuare queste proteste. La prima ragione è lo stato esplosivo della società iraniana, che lascia frustrata la maggior parte delle persone. L’alta inflazione, che a volte raggiunge il 100% in alcuni prodotti, la disoccupazione terribile e dilagante, la corruzione dello Stato che pesa su tutte le questioni del Paese e la discriminazione nei confronti delle donne e delle minoranze religiose ed etniche hanno creato una società esplosiva.
In secondo luogo, c’è una Resistenza organizzata che opera in diversi campi. Da un lato, aiuta la rivoluzione sul terreno e guida la rivolta il più possibile, e finora ha svolto un ruolo importante. La rete delle Unità di Resistenza dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK) è stata una delle principali guide delle proteste, e questo fatto è stato riconosciuto dal regime. Inoltre, la Resistenza iraniana ha lanciato una vasta campagna internazionale per sostenere la rivolta.
Il regime deve sbarazzarsi di queste due forze motrici. Il regime clericale non può risolvere il malcontento sociale. Perché se il regime vuole affrontare questo problema, dovrebbe porre fine alla corruzione, consentire un minimo di democrazia nel Paese e riconoscere i diritti delle minoranze. Ma non può accettare alcuna riforma, poiché il cambiamento di comportamento porta alla sua caduta. Ogni vera lotta alla corruzione o l’instaurazione di relazioni normali con l’Occidente farebbe crollare il regime dall’interno. In poche parole, Teheran non può eliminare il primo motore delle proteste.
Quindi, deve concentrarsi sulla soppressione della Resistenza iraniana oltre che sulla repressione generale degli iraniani di ogni estrazione sociale. Teheran cerca di fermare il MEK e il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran come movimento di resistenza organizzato del Paese. Gli sforzi del regime contro la Resistenza sono notevolmente aumentati sia all’interno che all’esterno dell’Iran.
All’interno del Paese, chiunque sia affiliato al MEK, compresi i suoi sostenitori o i suoi lontani simpatizzanti, è perseguito o controllato. Chi ha un collegamento con il MEK viene arrestato e punito severamente.
Khamenei ha ribadito che le sue forze non dovrebbero mostrare pietà nei confronti dei sostenitori del MEK. Ma la campagna del regime contro la Resistenza iraniana non si limita ai confini dell’Iran. Poiché Teheran ha seri problemi politici sul terreno e sulla scena internazionale, la sua campagna di demonizzazione contro il MEK e il CNRI, spargendo disinformazione e propaganda al massimo, si è intensificata negli ultimi quattro mesi.
Il regime intende far credere ingannevolmente agli iraniani e, soprattutto, all’Occidente che non ci siano alternative in Iran, e che l’unica opzione sarebbe tornare alla monarchia. Tale ritorno non ha una prospettiva reale, e nessuno lo chiede, ma il regime cerca di indurre a pensare questo denigrando il CNRI e il MEK. Pertanto, ha mobilitato tutto il suo potere politico a tal fine.
Negli ultimi quattro mesi, il regime ha attivato le sue cellule dormienti e i suoi agenti fuori dal Paese, cercando di intimidire o corrompere alcuni studenti iraniani all’estero per continuare una campagna di demonizzazione contro la resistenza iraniana. Vi darò alcuni esempi.
Ad esempio, il regime cerca di influenzare politici e personaggi famosi che sostengono la Resistenza iraniana utilizzando un’ampia propaganda, di solito mascherata con il pretesto della reazione “iraniana”.
Nelle ultime settimane, abbiamo avuto conferenze con parlamentari di Francia, Regno Unito, Canada, Italia e Belgio. In un’azione organizzata, il regime ha inviato migliaia di e-mail e lettere ai partecipanti e ai relatori di queste conferenze presentandole come di “membri della diaspora iraniana”, o talvolta di iraniani dall’interno dell’Iran. Hanno affermato che il MEK non è il rappresentante del popolo iraniano, è un culto, ha ucciso i curdi e qualsiasi altra accusa si possa pensare. Hanno avanzato queste accuse contro il MEK in lettere, e-mail o talvolta incontrando quei legislatori.
L’obiettivo del regime è impedire al MEK e al CNRI di ottenere più credito perché se questo avviene, significa che esiste un’alternativa al regime. Questo è molto pericoloso per il regime. Il regime ha utilizzato questi agenti, individui specifici che sono stati smascherati dai dissidenti iraniani, per farli infiltrare nelle proteste anti-regime all’estero presentandosi come dissidenti. Ma il loro vero obiettivo è intonare slogan contro il MEK o impedire ad altri di intonare forti slogan contro il regime.
Ad esempio, nel raduno più grande di sempre di iraniani a Berlino, il 22 ottobre, hanno partecipato sostenitori di diversi gruppi, come i sostenitori del MEK, scandendo slogan come “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore” e “Morte all’oppressore, sia esso scià o guida suprema”. Ciò ha fatto impazzire il regime. Quindi, il regime cerca di impedire tale unità. Tuttavia, non è riuscito a fermare la rivolta.
Dunque, in primo luogo dovremmo essere vigili sulle trame del regime. In secondo luogo, questa rivolta continua nonostante molti sconvolgimenti. La situazione non tornerà a quattro mesi prima. La situazione del regime clericale del 2023 è completamente diversa da quella del 2022, o precisamente del settembre 2022. Il popolo iraniano è diverso da quello che era nel 2022. È determinato a continuare ad ogni costo. Il regime continua la sua oppressione, ma non può fermare la rivolta. Del resto la Resistenza organizzata non è nella stessa situazione di prima. Negli ultimi quattro mesi, molti dei sostenitori del MEK sono stati arrestati e alcuni sono stati martirizzati, ma non abbiamo dato i loro nomi. Eppure, nonostante queste difficoltà, il numero di persone che si avvicinano al MEK e alla sua rete delle Unità di Resistenza è cresciuto. Oggi posso dirvi che questa rete è più forte che mai, sia per qualità che per quantità.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow