lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaChi rappresenta il popolo iraniano?

Chi rappresenta il popolo iraniano?

La politica è complessa, ma quando si parla di Iran lo diventa ancora di più. Il regime clericale che ha governato l’Iran negli ultimi 43 anni ha ingannato, complottato e imbrogliato per superare molteplici minacce esistenziali.

L’élite al potere a Teheran ha soppresso quasi completamente il dissenso politico e ha usato il suo vasto apparato di intelligence per seminare divisioni tra la diaspora iraniana. Il messaggio che si vuole trasmettere è chiaro: lo Stato è corrotto e illegittimo, ma l’opposizione è ancora peggio.

Questa narrazione ha agito come giustificazione per un Occidente già disposto a continuare con lo status quo e a perseguire l’impegno con Teheran a spese del popolo iraniano. Ha offerto al regime incentivi su incentivi per convincerlo a cambiare comportamento.

Nonostante i numerosi massacri e le repressioni, rimane un’opposizione iraniana seria, che vanta sia il più ampio attivismo internazionale sia una comprovata esperienza nell’esecuzione delle operazioni più audaci all’interno dell’Iran. Questa organizzazione è il Mujahedin-e-Khalq (MEK/PMOI), che è anche il principale componente della coalizione Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI). È stata il principale bersaglio della brutalità, del terrorismo e della propaganda del regime.

Attraverso una vasta rete di attori che si rivolgono a un pubblico sia all’interno che all’esterno del Paese, il regime iraniano ha diffuso la menzogna che il MEK è odiato e non gode di alcun sostegno sociale. È un fatto ben documentato che molti cosiddetti esperti di Iran in Occidente, che favoriscono il riavvicinamento e l’appeasement con Teheran, hanno utilizzato i media mainstream, il mondo accademico e gli studi dei think tank per diffondere lo stesso messaggio.

Tra coloro che diffondono questa linea di propaganda vi sono alcuni iraniani che si descrivono come oppositori del regime iraniano, sono attivi sulla scena internazionale e trovano spazio sui media tradizionali. Essi sostengono che Teheran stia letteralmente usando il MEK come “spauracchio” per scoraggiare il popolo iraniano da qualsiasi tipo di cambiamento di regime.

welcoming Secretary Michael PompeoDi tanto in tanto, quando l’NCRI lancia una conferenza o un incontro politico per criticare il regime sulle violazioni dei diritti umani, i progressi nucleari o l’avventurismo regionale, la suddetta schiera di oppositori del MEK si fa sentire e avverte i media e i politici occidentali che “questo gruppo non ha alcun sostegno interno”. Pertanto, si sostiene, il MEK/NCRI non è degno del sostegno internazionale. Numerosi articoli, interviste, petizioni e telefonate sono orchestrati come una camera d’eco per questo messaggio.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, quando i nazisti invasero gran parte dell’Europa, quanti gruppi di resistenza si combattevano tra loro invece di combattere gli sgraditi occupanti? Chi ha eletto il generale Charles de Gaulle come leader della Resistenza francese? Quale elezione permise all’americano George Washington, allora ufficiale militare, di diventare il leader delle forze patriottiche e di cacciare gli occupanti britannici dalle loro terre?

Growing Openness About Past Massacre as Iran Contemplates Repeating HistoryAllo stesso modo, se un gruppo o un individuo iraniano sta veramente optando per un cambio di regime, non sarebbe nel suo interesse smettere di ostacolare – anche se non di sostenere – la forza più organizzata e seria che ha lottato con il regime fin dall’inizio? Ci si chiede come abbia fatto il MEK a sostenere finanziariamente e logisticamente la sua organizzazione per quattro decenni se non ha “alcun sostegno interno”.

Ci sono alcuni fatti incontestabili che potrebbero aiutare a risolvere la questione:

Dal 20 gennaio 1979, quando l’ultimo gruppo di prigionieri politici fu liberato dalla famigerata prigione di Qasr dell’ex dittatore monarchico, il MEK contava circa 200 membri. I tre fondatori e il 90% dei membri principali erano stati giustiziati dallo scià prima di allora. Tuttavia, l’organizzazione impiegò solo 2,5 anni per crescere a un ritmo sorprendente e organizzare alcune delle più grandi manifestazioni della storia dell’Iran, tra cui quella del 20 giugno 1981, che attirò circa 500.000 persone nella sola Teheran.

Secondo il MEK, il regime ha ucciso più di 120.000 dei suoi membri e sostenitori dal 1979.

Funzionari come Mohammad Gharazi, ex ministro del Petrolio del regime, comandante dell’IRGC e candidato alla presidenza, ricordano che “lo Stato ha ucciso circa 100.000 persone del MEK”.

Le organizzazioni per i diritti umani e persino gli avversari dell’organizzazione hanno dichiarato più volte che il MEK ha sofferto di più sotto la brutale repressione del regime, con migliaia di suoi membri arrestati, torturati e uccisi. Il registro dei nomi, delle date e dei luoghi in cui sono stati uccisi i membri del MEK è di gran lunga superiore a quello di tutti gli altri gruppi politici messi insieme.

Javad Muguee, un regista affiliato allo Stato che ha prodotto film che denigrano il MEK, ha scritto nell’ottobre 2022: “Solo a Teheran abbiamo 400.000 famiglie di membri del MEK giustiziati”.

Dal 1965, il MEK è la principale opposizione politica in Iran. L’NCRI è di gran lunga la più duratura e la più grande coalizione di gruppi e individui iraniani. È stato creato nel 1981 a Teheran come valida alternativa al regime clericale. Capace di mobilitare decine di migliaia di sostenitori in esilio dal 1982, ancora oggi il MEK rimane intatto e capace di organizzare le più grandi conferenze, raduni e incontri in esilio.

All’interno dell’Iran, la quantità di informazioni che il MEK e l’NCRI hanno rivelato sui programmi di armi nucleari e biochimiche del regime, sull’arsenale di missili balistici, sul Corpo delle Guardie Rivoluzionarie, sulla Forza Quds dell’IRGC, sul Ministero dell’Intelligence, sulla rete terroristica globale del regime e sulle violazioni dei diritti umani, tra le altre cose, è stata sbalorditiva. Nessun’altra entità vi si avvicina.

Le unità di resistenza del MEK sono in aumento in tutto l’Iran. Per più di cinque anni, questi uomini e donne coraggiosi, per lo più ventenni e trentenni, hanno reso popolari coraggiosi atti di sfida. I funzionari del regime mettono ripetutamente in guardia dalla diffusione delle Unità di resistenza in Iran.

In assenza di un minimo di libertà e di libere elezioni sotto una dittatura brutale come quella di Ali Khamenei, misurare la propria popolarità è irrealistico e non scientifico. Persino i sondaggi nelle democrazie occidentali presentano gravi difetti, per non parlare dei sondaggi politici all’interno della dittatura iraniana.

Come ci si può aspettare un giudizio onesto sulla popolarità di un’organizzazione fuorilegge come il MEK? Il regime la considera una minaccia esistenziale. Migliaia di persone sono state impiccate per aver rifiutato di rinnegare il MEK.

Come disse una volta il fondatore dell’NCRI Massoud Rajavi: “In un’epoca di sanguinosa oppressione, la resistenza è l’unico criterio e indicatore di legittimità” per le forze di opposizione. Tutti i contendenti che affermano di rappresentare la volontà del popolo possono metterla alla prova in un Paese libero con libere elezioni sotto la supervisione delle Nazioni Unite.

Il popolo iraniano e la sua resistenza organizzata hanno pagato un prezzo pesante nella loro lotta contro il regime dei mullah. Il cambiamento democratico in Iran brilla all’orizzonte. Ma fino a quando non arriverà quel vero momento di gioia e sollievo, forse dovremo optare per “l’integrità sulla popolarità” e misurare le azioni piuttosto che le parole.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow