lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizieIran NewsIl valore della valuta iraniana crolla, un altro fallimento del regime durante...

Il valore della valuta iraniana crolla, un altro fallimento del regime durante la rivolta

Iran’s Currency Crisis Worsens as Threat of Greater International Pressure Looms

La valuta nazionale iraniana crolla rapidamente, raggiungendo ora il minimo storico di 410.000 rial contro un dollaro USA. La caduta libera del Rial indica una catastrofica crisi economica in Iran e un profondo senso di insicurezza tra gli investitori.

Molti esperti economici ritengono che la svalutazione della valuta continuerà poiché il suo tasso dipende da fattori macroeconomici come l’inflazione, l’aumento del tasso di liquidità dovuto alla stampa di banconote del regime, l’enorme fuga di capitali, la distruzione della produzione e il basso PIL.

Mentre gli iraniani vengono schiacciati da questa pressione economica, il presidente del regime Ebrahim Raisi e il suo governo hanno passato del tempo a negare la crisi, rivendicando crescita finanziaria e successi. Gli iraniani difficilmente riescono a sbarcare il lunario mentre i prezzi dei prodotti di base salgono, ma Raisi si vanta di diminuire l’inflazione, la crescita economica, la riapertura di fabbriche chiuse e l’abbondanza dei bisogni primari delle persone.

“Il nemico è frustrato e invidia i nostri progressi. Non vogliono vedere il nostro paese progredire nella produzione, nell’industria, nell’agricoltura e in altri campi scientifici. Il treno dello sviluppo è sulla buona strada e il nemico vuole fermarlo”, ha affermato falsamente il 15 dicembre in un discorso nella città di Birjand.

Negli ultimi quattro mesi, l’Iran è stato scosso da proteste contro il regime. La rivolta nazionale è iniziata in seguito al tragico omicidio di una giovane ragazza curda, dopo essere stata fermata dalla polizia morale. La morte di Mahsa Amini è stata la scintilla che ha portato l’esplosiva società iraniana fuori dal controllo del regime iraniano. Decenni di crisi economiche e sociali dovute alla corruzione, alla cattiva gestione e all’inettitudine del regime, sono stati contratti come odio sociale, e bastava un’accensione per esplodere. Ora la gente canta per strada: “Per la povertà, la corruzione, i prezzi alti, continueremo fino alla caduta del regime”, poiché considerano la teocrazia dominante come l’origine di tutti i problemi economici e sociali.

Tuttavia, i fatti ostinati non impediscono ai funzionari e ai media statali di distorcere la verità. “I nemici ricorrono alle rivolte poiché invidiano un Iran forte che continua ad avanzare nella scienza”, ha scritto il 24 novembre il quotidiano Keyhan, noto come il portavoce del leader supremo, Ali Khamenei.

In qualità di massima autorità del regime, Khamenei è stato il primo a rivendicare successi economici e sviluppi scientifici. Raisi e altri funzionari, e i media statali si limitano a ripetere le parole di Khamenei e cercano di implementare i suoi metodi.

Khamenei aveva affermato in diverse occasioni che la “velocità di sviluppo scientifico del regime è 13 volte la media globale”, “siamo tra i primi paesi in termini di nanotecnologie”, “siamo al quarto o quinto posto al mondo per la produzione di missili e droni” e “siamo la diciottesima economia più grande del mondo”.

Il vero treno che corre tra le crisi interne e internazionali del regime è proprio il treno della menzogna e dell’inganno. Man mano che queste crisi diventano più pericolose per il regime clericale, le autorità aumentano i loro inganni e pretese fasulle.

Tuttavia, la caduta libera del paese da sola sfata le affermazioni del fascismo religioso. Teheran è priva di qualsiasi soluzione per negare il crollo della moneta nazionale e l’aumento dei prezzi delle materie prime. La tendenza al rialzo del tasso di cambio e delle monete riflette la caduta libera del Rial e indica l’assoluta bancarotta economica dello stato e il peggioramento della povertà e della miseria delle persone.

Inoltre, questa crisi economica indica il fallimento di Raisi. Quando è stato selezionato come presidente del regime da Khamenei nel giugno 2021, Raisi ha promesso di controllare il tasso di cambio, ridurre il tasso di inflazione a una cifra, realizzare una crescita economica dell’8% e costruire quattro milioni di case. È persino arrivato a ordinare in modo ridicolo che i prezzi smettessero di aumentare o che la povertà fosse sradicata in due settimane!

Ora la svalutazione senza precedenti della valuta iraniana smentisce tutte queste affermazioni e i cosiddetti “progetti”. Il tasso di cambio del dollaro è passato da 260.000 Rial nel settembre 2021 a 410.000 Rial. In altre parole, in meno di un anno e mezzo si è ridotto il 60% del valore della moneta e, di conseguenza, è diminuito il potere d’acquisto delle persone.

Durante l’inaugurazione di Raisi nel luglio 2021, Khamenei ha descritto la sua presidenza come un “atto molto significativo”. “Nuovi funzionari daranno vita a nuove iniziative”, ha previsto. Il vero scopo di Khamenei nell’attirare un assassino di massa senza scrupoli come Raisi era consolidare il potere nel suo regime per reprimere facilmente una rivolta incombente. Ma ha fallito miseramente perché l’oppressione e il governo di Raisi non sono riusciti a fermare quella che molti considerano una rivoluzione in corso in Iran, e le proteste sono continuate per quattro mesi consecutivi nonostante i tentativi del regime di reprimerle.

Khamenei aveva incolpato il predecessore di Raisi, Hassan Rouhani, e il suo governo per non aver attuato le sue linee guida economiche. Ma da quando è arrivato Raisi, Khamenei non può dare la colpa al suo governo scelto con cura, aiutando il pubblico a capire che è lui il vero problema in quanto massima autorità del regime. Pertanto, lo slogan principale delle proteste in corso è “Morte a Khamenei”.

“La Repubblica islamica ha fallito in tutti i settori economici, sociali, politici e culturali. Questa [rivolta] è una piccola fiamma di un fuoco più grande di ira, infelicità e sfiducia a causa della cattiva gestione corrotta che ha lasciato incustodite le esigenze vitali delle persone mentre cercavano di controllare le loro vite personali. Se non agiamo ora, si verificherà un’enorme esplosione”, ha avvertito Khamenei in una lettera del 25 dicembre Hossein Ansari Rad, ex deputato e alto funzionario.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,910FollowersFollow