sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaIRAN/ALBANIA: FORTI PREOCCUPAZIONI PER QUANTO ACCADUTO AD “ASHRAF-3” IN ALBANIA

IRAN/ALBANIA: FORTI PREOCCUPAZIONI PER QUANTO ACCADUTO AD “ASHRAF-3” IN ALBANIA

Ashraf 3, home of MEK members in Albania

Roma. 21 giugno 2023 – Il “Comitato Interparlamentare per un Iran Libero”, a cui aderiscono 19 tra Senatori e Deputati italiani, esprime profonda preoccupazione per quanto avvenuto nelle ultime ore ad “Ashraf 3” che ospita, nelle vicinanze della capitale albanese, circa 3.000 esuli iraniani, più volte minacciati, aggrediti e oggetto di gravissimi attentati da parte del regime degli ayatollah di Teheran.
Da quanto appreso da media e da altre fonti indipendenti, oltre 1.000 agenti della polizia albanese avrebbero improvvisamente, e senza preavviso, fatto irruzione ad “Ashraf 3” sottoponendo il campo ad una minuziosa, quanto energica, perquisizione alla quale sono seguite le vibranti proteste dei residenti, cui la Polizia ha risposto con l’utilizzo di spray urticanti.
Da molti anni siamo testimoni dei numerosi attacchi che la ”Organizzazione dei Mojaheddin del Popolo – MEK/PMOI” e il Comitato Nazionale della Resistenza dell’Iran, presieduto da Maryam Rajavi, continuano a ricevere dal regime iraniano anche in terra albanese, dopo la storica decisione di Tirana, nel 2013, di ospitare la maggioranza di dissidenti e rifugiati politici sopravvissuti ai massacri compiuti dal regime.
Ripetuti tentativi di infiltrazione, campagne di disinformazione e attacchi terroristici contro gli oppositori al regime dello Stato islamico iraniano rifugiati all’estero – in Albania come nel resto d’Europa – dimostrano la natura intrinsecamente terrorista degli ayatollah al potere in Iran.
L’Albania ne è stata diretta testimone, lo scorso anno, quando a seguito di un massiccio attacco cyber ai danni di infrastrutture critiche del Paese, il Presidente Edi Rama prese la giusta decisione di rompere “con effetto immediato le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica dell’Iran”.
Gli eventi di ieri, e soprattutto la notizia della morte di una persona e il ricovero in ospedale di altre decine di residenti ad “Ashraf-3”, lasciano costernati e decisi a chiedere alle autorità albanesi di chiarire urgentemente tutte le circostanze e le motivazioni che hanno portato ad una simile e inaspettata operazione di polizia, proprio nella ricorrenza della “Giornata Mondiale del Rifugiato”.
Il “Comitato Interparlamentare per un Iran Libero”

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow