sabato, Luglio 20, 2024
HomeComunicati StampaResistenza IranianaCasi inventati per giustificare l’attacco mortale ad Ashraf 3

Casi inventati per giustificare l’attacco mortale ad Ashraf 3

albania ashraf3 injuries (1)

Di fronte alla crescente repulsione tra il popolo e le personalità albanesi e alla condanna internazionale del mortale assalto del 20 giugno ad Ashraf 3 in Albania, le autorità stanno ricorrendo a narrazioni e invenzioni per giustificare l’attacco, che ha provocato la morte di un membro dell’OMPI e il ferimento di oltre 100 persone. Questo ha un chiaro carattere difensivo.
Un esempio è l’affermazione secondo cui “sei membri dei Mojahedin del Popolo sono stati denunciati per essersi opposti alla polizia durante il controllo di Campo Ashraf 3” (Top Channel TV). I sei dirigenti politici dell’OMPI sono le stesse persone che erano con il capo della polizia albanese e con i suoi vice dall’inizio dell’assalto fino a quando la polizia ha lasciato Ashraf.
Erano stati invitati il giorno precedente a prendere parte a un incontro presso la stazione di polizia vicino ad Ashraf 3 alle 8 del mattino del 20 giugno. L’invito diceva: “Vorremmo ringraziarvi in anticipo per la vostra collaborazione con la struttura della polizia statale in questioni relative alla sicurezza della vostra organizzazione durante il vostro soggiorno nel territorio della Repubblica d’Albania… i direttori della polizia statale saranno lieti di ricevere la dirigenza della vostra organizzazione in una riunione. Gli argomenti da discutere saranno portati a vostra conoscenza durante la riunione”. Ma durante l’incontro lo stato d’animo e la spiegazione della missione della polizia erano completamente diversi, e il capo della polizia ha annunciato che sarebbero andati tutti ad Ashraf. Sono entrati ad Ashraf insieme alla delegazione dell’OMPI alle 8:40, alla stessa ora in cui entrava una grande colonna della polizia con diversi tipi di veicoli (almeno 150 veicoli con 1.200 agenti). I dirigenti dell’OMPI hanno accompagnato il capo della polizia, i suoi vice e i suoi assistenti durante la loro operazione.
Durante questo periodo, nonostante le limitazioni, la delegazione dell’OMPI ha fatto ogni sforzo per contenere la crisi e controllare i residenti, ma le azioni violente e provocatorie delle autorità nell’assalto inaspettato con così tanti agenti, attrezzature, spray al peperoncino e gas lacrimogeni hanno reso inefficaci tutti gli sforzi.
Tutti hanno testimoniato che l’OMPI ha trattato la polizia con rispetto e in modo amichevole al momento del loro arrivo. Tuttavia, fin dall’inizio, gli aggressori hanno piazzato mitragliatrici in cima agli edifici, hanno usato violenza e insulti e si sono recati nei dormitori delle donne senza rispetto.
Il gran numero di feriti e feriti tra i residenti e il loro ricovero in ospedale ha smascherato la falsa storia di 15 poliziotti feriti dai residenti di Ashraf e della distruzione delle loro auto, il che non è assolutamente vero.
Nessuna magistratura indipendente e nessun giudice onorevole prenderebbe sul serio l’apertura di casi contro queste sei persone; tuttavia, gli avvocati e i rappresentanti legali di Ashraf e il Comitato Giudiziario del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran prenderanno tutte le misure legali, inclusa una denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, se necessario.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)

22 giugno 2023

albania ashraf 3 machineguns (1)

albania ashraf 3 pepperspray (1)

albania ashraf 3 ali mostashari2 (1)

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow