martedì, Maggio 28, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaIl regime iraniano affronta un’unità fratturata mentre la società insorge nelle proteste

Il regime iraniano affronta un’unità fratturata mentre la società insorge nelle proteste

iran uprising youth streets 1

Di Mahmoud Hakamian

Mentre il regime teocratico iraniano si vanta pubblicamente di essere una potenza regionale, i suoi dirigenti e i media statali riconoscono costantemente la minaccia di una società irrequieta che ha aumentato le lotte intestine del regime.
Il 29 marzo, Gholamhossein Mohseni Ejei, il capo della magistratura del regime, ha riconosciuto le crescenti faide tra fazioni del regime e il modo in cui influenzano la tenuta del potere da parte della teocrazia dominante.
“Oggi, avversari e forze malevole stanno cercando di seminare discordia, pessimismo e disperazione tra la nostra gente. Il nostro obiettivo non è semplicemente quello di garantire posizioni di potere e indebolire gli altri”, ha affermato. “Dobbiamo invece sostenere e rafforzare la nostra unità, prevenendo qualsiasi infiltrazione di elementi dannosi e spie nelle nostre file”.
L’Iran sta soffrendo la peggiore crisi economica dell’ultimo secolo. Mentre alcuni cosiddetti “esperti” cercano di scaricare la colpa sulle sanzioni, il popolo iraniano ha dimostrato di essere consapevole dell’abuso della ricchezza nazionale da parte del regime e del suo sperpero nel terrorismo. Ciò è evidente nelle proteste in corso da parte di persone di diversi ceti sociali e nei loro slogan come “Il nostro nemico è qui, mentono che siano gli Stati Uniti”.
Inoltre, la magistratura del regime ha aumentato l’oppressione e le esecuzioni nel tentativo di terrorizzare la società irrequieta. Tuttavia, Ejei ha spudoratamente affermato: “La nostra missione oggi è amministrare la giustizia ai nostri cittadini, garantendo la loro dignità sia in questa vita che nell’aldilà. Dobbiamo garantire il benessere, la pace e la sicurezza del nostro popolo”.

Non è l’unico dirigente a riconoscere la vulnerabilità del regime di fronte a una società esplosiva. In un’intervista con la testata online statale Etemad in marzo, Mansour Haqiqatpour, un altro funzionario vicino alla fazione dominante, ha detto: “Un vero leader dovrebbe umiliarsi davanti al popolo; questo governo non si è guadagnato il rispetto della nazione iraniana. Non può affrontare le sfide della nostra nazione”.
“Un governo dovrebbe essere esente da carenze e governare il Paese con indipendenza e ragione, ma l’attuale amministrazione presidenziale non è all’altezza di questo ideale”, ha detto, accusando il governo di Ebrahim Raisi.
Durante un’intervista con il sito web statale di notizie Khabar Online, Amanollah Qaraee-Moghaddam, un esperto affiliato allo Stato, ha discusso i significativi cambiamenti socio-economici vissuti dall’Iran nell’anno iraniano 1402 (marzo 2023-marzo 2024), evidenziando il loro impatto sulla stabilità della nazione. La sua analisi approfondisce le tensioni di fondo che modellano l’ambiente sociale e politico dell’Iran, rilevando in particolare un significativo declino della classe media, con implicazioni di ampia portata.
Qaraee-Moghaddam afferma: “Un cambiamento significativo che abbiamo osservato nel 1402 è la contrazione della classe media. Storicamente, la classe media ha agito come una barriera protettiva, facendo scudo ai segmenti inferiori rispetto all’influenza della classe superiore”. Secondo l’esperto, la diminuzione della sua presenza non solo sconvolge questo equilibrio, ma pone anche le basi per possibili attriti tra le classi inferiori, quelle superiori e il governo. Questo declino della classe media rappresenta quindi la perdita di un elemento stabilizzante fondamentale nella società iraniana, mettendo a rischio l’unità sociale e un’amministrazione efficace.

“È imperativo placare rapidamente questa rabbia crescente. L’attuale governo, guidato da Raisi, è il meno meritevole ed è incapace di mitigare questa frustrazione”, ha detto Fayaz Zahed, un esperto affiliato allo Stato, al sito web statale Ruydad 24 il 25 marzo.
Quando la guida suprema del regime, Ali Khamenei, indicò come presidente Raisi, fu un tentativo sfacciato di rafforzare il suo regime. Khamenei ha salutato l’ascesa di un uomo dal passato corrotto come “l’apice del 2020”. Tuttavia, sulla scia di una rivolta nazionale e di crescenti problemi economici, il grande piano di Khamenei è crollato in modo spettacolare.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow