lunedì, Giugno 24, 2024
HomeNotizieResistenza IranianaI politici tedeschi sostengono la rivolta popolare dell'Iran contro la brutale dittatura

I politici tedeschi sostengono la rivolta popolare dell’Iran contro la brutale dittatura

DSFI nowruz message 2023 1

Alcuni noti politici e legislatori tedeschi hanno inviato i loro saluti alla Resistenza iraniana, alla signora Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI), e ai membri dell’Organizzazione Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI/MEK) ad Ashraf 3, in Albania, in occasione del nuovo anno persiano. La dichiarazione, rilasciata dai membri del Comitato tedesco di solidarietà per un Iran libero, auspica che quest’anno si realizzi un Iran libero e democratico.
I firmatari della dichiarazione hanno espresso la loro speranza per un Iran libero, soppresso negli ultimi 44 anni da una brutale dittatura che ha usato la violenza e la propaganda per spegnere ogni speranza di autodeterminazione. La recente rivolta popolare in Iran, seguita alla morte di Mahsa Amini, ha dato maggiore speranza al popolo, visto come una rivoluzione in divenire.
I politici e i legislatori tedeschi hanno espresso gratitudine ai “fermi combattenti per la libertà” in Iran, ad Ashraf 3 e alle comunità iraniane in Europa e negli Stati Uniti. Hanno inoltre elogiato gli sforzi dei combattenti per la libertà delle Unità della Resistenza iraniana e dei dignitari di tutto il mondo che hanno lavorato instancabilmente per la realizzazione di un Iran libero e democratico.
I firmatari includono:
– Prof.ssa Dr. Rita Süssmuth, ex Presidente del Parlamento tedesco (der Bundestag)
– Dr. Franz-Josef Jung, ex Ministro della Difesa
– Leo Dautzenberg, ex parlamentare e presidente del Comitato di solidarietà tedesco per un Iran libero (DSFI)
– Martin Patzelt, ex deputato e membro del consiglio di amministrazione del DSFI
– Hille Gosejacob-Rolf, amministratore delegato del DSFI, presidente onorario della presidenza federale dell’Associazione professionale tedesca per il lavoro sociale (DBSH)
– Christian Zimmermann, membro del consiglio di amministrazione del DSFI, editore di Spotlight Human Rights
– Katrin Bornmüller, Presidente onorario della Società internazionale per i diritti umani IGFM
– Eduard Lintner, Segretario di Stato in pensione del Ministero federale dell’Interno
– Stefanie Bung, vicepresidente del gruppo parlamentare della CDU alla Camera dei Rappresentanti di Berlino.
La dichiarazione si conclude con l’espressione di fiducia che la libertà e una repubblica democratica e laica arriveranno alla fine in Iran, e saranno luminose e magnifiche. I politici e i legislatori tedeschi hanno ribadito il loro impegno a sostenere questa causa e hanno esortato gli altri a unirsi a loro negli sforzi.
In conclusione, la dichiarazione sottolinea l’incrollabile sostegno dei firmatari a un Iran libero e democratico. Il loro appello alla solidarietà con il popolo iraniano e la loro speranza in un futuro più luminoso per l’Iran risuonano con tutti coloro che credono nella libertà, nella democrazia e nei diritti umani.
Il contesto
Le proteste iraniane sono iniziate dopo l’uccisione di una ragazza di 22 anni, evidenziando l’apartheid di genere del regime. Sono rapidamente degenerate in una grande rivolta che chiede la caduta dell’intero establishment clericale.
Molti leader mondiali, legislatori, ONG, attivisti per i diritti umani e celebrità di tutto il mondo hanno già appoggiato la rivoluzione iraniana. Gli iraniani continuano a soffrire e a perdere la vita a causa del regime assassino. Tra le altre cose, il loro diritto alla legittima autodifesa contro la macchina omicida di Teheran è di estrema importanza e deve essere sostenuto dalla comunità mondiale.

 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow