domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsRaggiungere la democrazia in Iran, sostenendo la rivolta popolare - Struan Stevenson

Raggiungere la democrazia in Iran, sostenendo la rivolta popolare – Struan Stevenson

CNRI – “Ora possiamo rivolgere la nostra attenzione sul modo in cui la signora Rajavi ha parlato a pochi anni fa. Non ha accennato ad alcun intervento militare, ma ha parlato del realizzare il sogno di una democrazia iraniana, sostenendo le persone cresciute manifestando per le strade dell’Iran. Questo è il modo per cacciare i mullah. La primavera araba arriverà in Iran, e la libertà e la democrazia diretta da OMPI arriva in Iran”, lo ha detto Stevenson eurodeputato a Bruxelles il 3 ottobre. Stevenson, Presidente dell’Associazione Amici dell’ Iran libero, ha parlato in questo modo, durante un incontro al Parlamento europeo per celebrare cancellazione del OMPI dalla lista nera degli Stati Uniti. Il relatore principale era la signora Maryam Rajavi, Presidente eletto della Resistenza Iraniana.

Ecco i punti salienti dell’intervento Struan Stevenson:

Vorrei congratularmi con la signora Rajavi immediatamente e con la sua squadra per la meravigliosa vittoria realizzatasi dopo la rimozione del OMPI dalla lista nera degli Stati Uniti.

Dieci anni fa, quando io e Alejo [Vidal-Quadras] abbiamo iniziato a lavorare con la OMPI e ad aiutare la signora Rajavi, le cose erano completamente diverse. Il OMPI e CNRI non erano solo sulla lista americana terrorista, ma anche sulla lista dei terroristi dell’Unione europea e il Regno Unito. Eravamo terroristi perché lavoriamo con loro. Alejo ha detto che questa è la prima volta da anni che non siamo terroristi. Questo è un passo avanti.

Dieci anni fa, Mohammad Mohaddessin e la signora Rajavi non parlavno nemeno una parola in inglese, ora invece parlano un inglese perfetto. E non sempre una parola in persiano. Dieci anni fa, i ministri degli Stati membri dell’UE, quelli d’ America e del resto del mondo ci hnno detto: “I membri del OMPI sono terroristi, hanno ucciso gli americani. Si tratta di una setta malvagia. E comunque, non sono cos? importanti come movimento d’opposizione in Iran.” Alcuni paesi mostrano ancora di mantenere questa posizione. E mi riferisco al Regno Unito come uno di loro, e io dico che dovrebbero vergognarsi di ci?, cos? come le indicazioni di giornali del Financial Times che affermano tali pareri, anche dopo il ritiro del OMPI dalla lista nera negli Usa, della scorsa settimana

Quando si sente dire che “questa setta è insignificante, per i mullah queste persone non sono nulla, il loro è solo il fastidio di una zanzara, che pu? causare solo un lieve prurito.” Come pu? essere che anche il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite discute la OMPI e CNRI all’ordine del giorno? Scommetto che non c’è un leader, un primo ministro, un presidente in Europa che non ha mai sentito parlare della signora Rajavi e l’OMPI.

E posso dirvi che Hillary Clinton e Barack Obama sono ben consapevoli del lavoro della signora Rajavi e dell’OMPI In dieci anni, tutto si è trasformato in meglio e ora abbiamo eliminato la Resistenza Iraniana da questa lista di terroristi, e siamo in grado di dirigere la nostra attenzione sul ruolo chiave del rovesciamento del più grande male del mondo, i mullah in Iran. C’è stato un grande evento per le strade di Teheran questa mattina a causa del crollo del rial, decine di persone sono state arrestate. Ahmadinejad è in contrasto con Khamenei. Credo che stiamo assistendo al crepuscolo del regime dei mullah. E penso che cancelazione dalla lista del’OMPI in America sarà il colpo di grazia ai mullah di Teheran.

Ora, siamo in grado di rivolgere la nostra attenzione e dare garanzie alla Resistenza Iraniana; l’opposizione che è l’elemento più odiato dai mullah perché è l’opposizione principale e il più pericoloso per loro: Ora noi possiamo rivolgere la nostra attenzione verso la terza soluzione di cui la signora Rajavi proponeva pochi anni fa. Nessun intervento militare in Iran, ma realizzare la democrazia sostenendo tutti coloro che manifestano da decenni per le strade dell’Iran. Questo è il modo per cacciare i mullah, e accadrà. La primavera araba arriverà in Iran, e la libertà e la democrazia diretta da OMPI arrivano in Iran.

Nel frattempo, dobbiamo affrontare il problema di Ashraf e Liberty. Ci sono migliaia di persone che sono state trasferite a Camp Liberty. Sono stipati in questo piccolo spazio per essere classificato come un campo profughi, e queste persone dovrebbero avere i loro diritti pienamente rispettati dal governo iracheno. Le loro vite sono ingiustamente soggette a grana costante e pressioni. Abbiamo bisogno dell’Unione europea per il rispetto dei loro diritti. E dobbiamo proteggere gli ultimi duecento che sono ancora ad Ashraf e garantire che possano essere sicuri nello svolgere le attività dell’OMPI ad Ashraf, costruito moltissimo durante i 26 anni e stato venduto in una fiera, il valore finanziario reale e impedire che neanche il governo iracheno potrà mai saccheggiarli.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow