giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieIran NewsRaduno di 10000 sostenitori dei Mojahedin del Popolo davanti delle Nazioni Unite,...

Raduno di 10000 sostenitori dei Mojahedin del Popolo davanti delle Nazioni Unite, chiedono l’espulsione di Ahmadinejad, l’appoggiare appello di Maryam Rajavi per un Iran democratico non nucleare

NAZIONI UNITE – Almeno 10.000 sostenitori del principale gruppo di opposizione iraniano dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI / MEK) ha tenuto una manifestazione oggi davanti alla sede delle Nazioni Unite per chiedere l’espulsione del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad dalle Nazioni Unite e il supporto per l’appello della leader dell’opposizione iraniana Maryam Rajavi per una repubblica democratica, laica e non nucleare in Iran. La manifestazione, organizzata dalle comunità iraniano-americane pro-democrazia in tutti Stati Uniti, ha invitato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-Moon, a garantire la sicurezza e la salvezza dei 3.400 membri del MEK a Campi Ashraf e Liberty in Iraq, dichiarando Campo Liberty un campo profughi.
 
I partecipanti hanno denunciato Mahmoud Ahmadinejad per crimini contro il popolo iraniano, dicendo che sta spingendo l’Iran e la regione verso un’ulteriore guerra e crisi fomentando il terrorismo e lo sviluppo di armi nucleari.
 
L’ex sindaco di New York Rudy Giuliani, l’ex Segretario alla Sicurezza Nazionale Tom Ridge, ex ambasciatori degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Bill Richardson e John Bolton, ex presidente della Camera Newt Gingrich e l’ex deputato Patrick Kennedy sono stati tra i relatori. Ha parlato anche la Rappresentante Carolyn Maloney (D-NY) alla manifestazione, esprimendo sostegno al cambiamento democratico in Iran.
 
Intervenendo alla manifestazione attraverso un collegamento in diretta via satellite da Parigi, la signora Maryam Rajavi, Presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), ha detto che la decisione del Segretario Clinton al depennamento del MEK è stata “una decisione corretta, che mette da parte un grave ostacolo sul sentiero del popolo iraniano e della sua Resistenza per ottenere la democrazia in Iran. Questa decisione era attesa da tempo. Tuttavia, accogliamo con favore questa decisione e speriamo che porti ad una nuova politica contro l’Iran. “
 
“Cerchiamo un Iran libero, libere elezioni, pluralità, il rispetto dei diritti umani, il rifiuto della discriminazione etnica e religiosa, la parità di genere, lo sviluppo economico, la costruzione e l’amicizia e il rispetto delle leggi e convenzioni internazionali. Cerchiamo un Iran libero dal nucleare, che promuova la pace e la sicurezza. Aspiriamo al governo popolare e alla sovranità del popolo “, ha aggiunto la signora Rajavi.
Ha chiesto alle Nazioni Unite di “dichiarare Campo Liberty un campo profughi al fine di evitare pressioni disumane e restrizioni da parte del governo iracheno”.
 
La risoluzione della manifestazione ha ribadito che le concessioni di capitali occidentali non convinceranno regime degli ayatollah ad abbandonare il terrorismo e le armi nucleari. I fondamentalisti al potere devono essere sostituiti dagli iraniani impegnati per la democrazia, i diritti umani, la laicità, e da uno Stato non-nucleare.
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow