domenica, Dicembre 4, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaPartiti diversi uniti a sostegno della Resistenza Iraniana

Partiti diversi uniti a sostegno della Resistenza Iraniana

Da sinistra: il Gov. Ed Rendell, Maryam Rajavi e Rudy Giuliani alla Conferenza per la Libertà in Iran del 13 Giugno 2015 a Parigi. Gli ex-alti funzionari statunitensi hanno presentato al raduno una dichiarazione su una nuova “Politica sull’Iran” 

Dopo aver partecipato al raduno della Resistenza del 13 Giugno a Parigi, l’Ambasciatore Kenneth Blackwell, uno dei molti delegati americani presenti all’evento, in un articolo pubblicato su Investors.com ha condiviso le sue opinioni sulla conferenza.

Ha notato come un pubblico formato da diverse opinioni politiche si fosse radunato per una degna causa: appoggiare le Resistenza Iraniana.

I delegati presenti alla conferenza hanno partecipato a questo evento per ascoltare i diversi discorsi “su una serie di argomenti relativi al comportamento repressivo e aggressivo dell’Iran, al suo programma nucleare e alla insufficiente risposta internazionale a tutti questi misfatti”.

Blackwell ha citato uno dei relatori dicendo: “Durante il suo discorso al pubblico del raduno di sabato, l’ex-Sindaco di New York Rudy Giuliani ha lanciato un’occhiata ai membri della delegazione americana che erano sul palco con lui ed ha dichiarato: ‘Non riesco a pensare a niente altro su cui questa gente dietro di me sia d’accordo’”.

I delegati a cui si riferiva erano funzionari che hanno prestato servizio nell’amministrazione del Presidente George W. Bush, come l’ex-ambasciatore alle Nazioni Unite John Bolton e l’ex-Segretario per la Sicurezza Interna Tom Ridge. Della delegazione americana facevano parte anche Howard Dean, uno degli oppositori democratici di Bush nella campagna per la sua rielezione del 2004 e il candidato democratico alle presidenziali del 2008 Bill Richardson.

“Nel suo discorso alla conferenza Richardson ha precisato di partecipare a questo evento annuale da cinque anni e di averlo visto crescere sempre più ogni anno. Ma Richardson ha anche sottolineato la crescente diversità sia sul palco che nel pubblico, notando che alla massiccia presenza di iraniani espatriati provenienti da tutto il mondo, si sono uniti sostenitori e attivisti di una grande varietà di altre etnie”.

“La prova di ciò è chiara: anche se il MEK e il CNRI non hanno tanti difensori in Occidente quanti ne meriterebbero, quelli che hanno dimostrato il loro sostegno ogni anno al raduno per la Libertà in Iran rappresentano tutta una straordinaria serie di opinioni politiche”.

Blackwell ha ammesso che gli Stati Uniti hanno mancato alle loro responsabilità rispondendo in maniera insufficiente agli appelli della Resistenza Iraniana “lasciandosi dietro i membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (MEK), a cui erano state fatte promesse di protezione, durante la guerra in Iraq”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,418FollowersFollow