giovedì, Dicembre 1, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaNuovi documenti dimostrano che gli ostaggi di Campo Ashraf continuano ad essere...

Nuovi documenti dimostrano che gli ostaggi di Campo Ashraf continuano ad essere trattenuti in Iraq

Massacro ed esecuzione di massa ad Ashraf – No. 100

Notizie e documenti ottenuti dall’interno del regime iraniano hanno rivelato che i sette residenti di Campo Ashraf presi in ostaggio il 1° Settembre dalle forze speciali di Nouri al-Maliki continuano ad essere trattenuti in Iraq.

 

I sette ostaggi, un uomo e sei donne, si trovano in alcuni “alloggi sicuri” nella Green Zone di Baghdad, residenza di alcuni alti funzionari.

Pochissime persone visitano questi alloggi sicuri e solo pochissimi, appartenenti alla più stretta cerchia del primo ministro Nouri al-Maliki ne conoscono l’esistenza. Fra questi il Tenente Generale Farough al-Araji, capo dell’ufficio militare di Maliki; Faleh Fayaz, consigliere di Maliki per la Sicurezza Nazionale e il figlio di Maliki, Ahmed, responsabile del controllo degli alloggi sicuri .

Alcuni rapporti inviati all’ufficio del leader supremo del regime iraniano Ali Khamenei dal Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza del regime, indicano che in molte occasioni gli aguzzini del MOIS hanno interrogato gli ostaggi negli alloggi sicuri ed hanno inviato i loro rapporti a Tehran attraverso l’ambasciata del regime a Baghdad.

I dettagli su alcuni dei siti in cui sono rinchiusi gli ostaggi sono stati forniti ai funzionari competenti a livello internazionale.

Secondo alcuni rapporti, Nouri al-Maliki aveva intenzione di consegnare gli ostaggi al regime iraniano prima della sua visita negli Stati Uniti. Tuttavia, la campagna dei sostenitori della Resistenza Iraniana e la forte reazione della Camera e del Senato statunitensi durante la sua visita, hanno fatto temere a Maliki le conseguenze di un simile provvedimento costringendolo ad aspettare una migliore occasione per eliminare gli ostaggi, o per consegnarli al regime iraniano.

La Resistenza Iraniana sottolinea, ancora una volta, le responsabilità del Governo U.S.A. e  delle Nazioni Unite riguardo alla sicurezza e l’incolumità degli ostaggi, i quali sono Persone Protette secondo la Quarta Convenzione di Ginevra ed hanno diritto a godere della protezione internazionale in quanto richiedenti asilo. La Resistenza Iraniana chiede inoltre una azione immediata per liberare gli ostaggi ed impedire che continuino ad essere sottoposti a torture o che vengano estradati per essere eliminati.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

25 Novembre 2013

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow