giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizieIran NewsNell'anniversario della rivolta del 9 luglio, il popolo ha organizzato manifestazione di...

Nell’anniversario della rivolta del 9 luglio, il popolo ha organizzato manifestazione di protesta

Nell'anniversario della rivolta del 9 luglio guidata dagli studenti, studenti universitari e altra gente hanno organizzato una manifestazione di protesta

ImageTeheran ha inscenato proteste nell' 11°anniversario della rivolta studentesca del 9 luglio, studenti universitari e altra gente a Teheran hanno inscenato proteste di fronte all’Università di Teheran e al dormitorio con slogan di "morte al dittatore" e "onorevole popolo iraniano, sostienici, sostienici ".

Secondo i rapporti ottenuti, il primo gruppo di studenti ha iniziato scandendo "morte al dittatore", circa alle 19:00 ora locale di fronte al dormitorio, e gli studenti più tardi si sono uniti a loro.

Le proteste si sono diffuse nelle zone circostanti all'Università di Teheran, tra cui Nosrat Street. Le forze repressive del regime, in particolare agenti in borghese, che erano stanziati di fronte al campus e nelle strade circostanti in precedenza, hanno cercato di impedire la formazione di raduni e slogan. Più di 200 agenti in borghese si erano riuniti presso il solo cancello principale.

Secondo i rapporti ottenuti, a differenza di precedenti occasioni, il regime clericale ha notevolmente aumentato il numero di agenti in borghese rispetto alle sue forze regolari, in modo da dare l'impressione che la situazione sia normale. Le Forze di Sicurezza di Stato (SSF) e le forze anti-sommossa erano solo di stanza in località specifiche e in allerta.

Inoltre, un elicottero sorvolava tutta l'area, al fine di sorvegliarla e creare un clima di paura. Il regime, che ha chiaramente paura per le crescenti proteste, aveva portato un gran numero di suoi agenti anche nelle strade secondarie come Fakhr Razi per prevenire la formazione delle dimostrazioni.

D'altra parte, manifestanti si sono riuniti in gruppi di 20-30 persone a varie distanze e hanno affrontato gli agenti del regime.

Uno dei prigionieri politici e attivisti studenteschi, Majid Tavakoli, ha inviato un messaggio dal carcere in occasione del 9 luglio, invitando gli studenti a continuare la loro lotta contro la dittatura clericale.
In una parte della sua lettera, Tavakoli dice, "il 9 luglio puٍ essere il nostro punto di partenza per guardare al passato e rafforzare la nostra volontà di attuare rapidamente un grande cambiamento. Noi svolgiamo il nostro dovere. Sappiamo che siamo studenti e vogliamo mantenere il nostro onore e il nostro orgoglio. Possiamo iniziare in qualsiasi posto ".
 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow