venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaMojahedin iraniani verso la riabilitazione: "non sono terroristi"

Mojahedin iraniani verso la riabilitazione: “non sono terroristi”

ImageAgenzia Radicale, 16 luglio – La maggioranza dei parlamentari francesi si è espressa, oggi 16 luglio, a favore della rimozione dei Mujaiddin del Popolo Iraniano (PMOI) dalla lista delle organizzazioni terroristiche internazionali. Il voto segue di poche settimane quello del Parlamento Britannico che, ad inizio luglio, si era già espresso per la rimozione del movimento islamomarxista (da sempre in lotta contro i Pasdaran khomeinisti) dalla black list. In foto Maryan Radjavi, leader del PMOI. L'Iran: "Provocazione". 

Nel 2006 una sentenza della Corte Europea aveva già richiesto la rimozione dei Mujaiddin iraniani dalla lista dei terroristi, ma il Consiglio Europeo non si è ancora espresso in maniera definitiva. Il voto anglofrancese, e la presidenza francese dell'UE, dovrebbe dare nuovo impulso alla vicenda, ed è presumibile che presto i militanti iraniani saranno presto pienamente riabilitati.
Il presidente del Consiglio Nazionale della Resistenza, Maryan Radjavi, che da anni rappresenta e perora la causa del PMOI in Europa, ha espresso piena soddisfazione; ha ricordato come il gruppo islamico non solo ha cessato ogni attività armata almeno dal 2001, ma anche che il PMOI fosse stato inserito nella lista nera per mera piaggeria verso il regime di Teheran.

Il Consiglio Nazionale della Resistenza, una sorta di parlamento in esilio che si oppone al regime imposto dalla rivoluzione islamica iraniana, fino a che sarà iscritto nella lista nera non potrà accedere ad alcun finanziamento della UE. Al contrario, il governo iraniano continua a ritenere il movimento dei Mujaiddin Iraniani come un elemento sovversivo e terrorista, ed ha più volte reso noto che un la riabilitazione europea sarebbe una provocazione. E.C.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,932FollowersFollow