mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaMaryam Rajavi esorta tutti gli iraniani ad unirsi alla manifestazione nazionale per...

Maryam Rajavi esorta tutti gli iraniani ad unirsi alla manifestazione nazionale per la libertà 

Mercoledì 3 Gennaio 2017 Maryam Rajavi, la Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha inviato un  video messaggio a tutti gli iraniani in occasione dell’eroica manifestazione nazionale. 

Questo è il testo completo del messaggio.

Onore ai martiri di Doroud, Tuyserkan, Noorabad, Izeh, Shahinshahr, Ghahdarijan, Homayounshahr e Jouyabad di Isfahan!

Compagni manifestanti!

Coraggiosi figli e figlie dell’Iran!

Voi avete illuminato le città dell’Iran con la luce della lotta per la libertà e la giustizia.

Ben fatto! Avete scosso la terra sotto i piedi di questo marcio regime dei mullah.

Onore ai martiri di Doroud, Tuyserkan, Noorabad, Izeh, Shahinshahr, Ghahdarijan, Homayounshahr e Jouyabad di Isfahan!

Voi avete portato la nazione più vicina ai suoi sogni di 100 anni.

Voi avete dimostrato che è possibile liberare l’Iran dal giogo della dittatura religiosa e della teocrazia.

Le nazioni del Medio Oriente, dalla Siria, all’Iraq e all’Afghanistan, coloro che hanno tremendamente sofferto a causa dell’oppressione dei mullah e del loro regime teocratico, stanno pregando per la vostra vittoria.

Gli amanti della libertà di tutto il mondo ripongono le loro speranze in voi e il mondo ha udito la vostra voce.

I governi e le organizzazioni internazionali sono arrivate una dopo l’altra a sostenervi e ad elogiarvi.

I martiri della nazione, come gli eroi e le eroine degli anni ’80, i prigionieri politici massacrati nel 1988, i martiri del 2009 e i martiri di Ashraf, hanno fissato il loro sguardo su di voi.

Voi siete i figli di Sattar Khan, del Dr. Mohammad Mossadeq e di Mohammad Hanifnejad.

E la vostra rivolta farà rivivere tutti gli splendori dell’Iran.

Oggi Khamenei e i suoi compari ricorrono alle minacce.

Strombazzano la loro storia criminale.

Mobilitano le loro truppe militari per combattere la rivolta nazionale del popolo iraniano.

I loro complici cosiddetti riformisti e moderati, che si sono ridotti a niente per fornire i loro servigi al fascismo religioso dei mullah, ora hanno gettato la maschera ed hanno chiesto la repressione del popolo amante della libertà.

Si aggrappano a qualunque fuscello per impedire ad una folla di persone di unirsi alle vostre fila.

Ma dietro queste minacce, il regime si sta contorcendo in preda ad una enorme paura.

Nonostante la sua vana dimostrazione di forza, il regime è solo una tigre di carta e non resisterà alla vostra protesta.

Perché voi siete il potere decisivo.

Siete tantissimi e il vostro numero cresce di giorno in giorno.

Se sarete sinceramente uniti e le vostre mani saranno unite, la vostra solida risolutezza abbatterà qualunque potere.

I mullah pensano di poter contenere la vostra rivolta e di fermare la sua espansione bloccando i servizi internet e i social media. Ma essi non sanno e non possono comprendere che è il dolore che vi accomuna e le sofferenze che legano i vostri cuori che diffondono il messaggio ovunque. Ed ecco perché le città di sollevano una dopo l’altra.

Io chiedo ai miei cari compatrioti di ribellarsi e di unirsi alla marea ruggente degli amanti della libertà di tutto il paese.

Miei cari compatrioti del Baluchistan, del Kurdistan, dell’Azerbaijan e del Lorestan,

Miei cari compatrioti Bakhtiari, Turkomani e Ghashghaii, 

Cari compatrioti sunniti,

Cari compatrioti che abitano nei villaggi, nelle periferie e nelle baraccopoli di tutto il paese.

Questa rivolta è vostra ed è per voi.

I vostri figli si sono sollevati, impegnandosi in una battaglia decisiva per voltare la pagina più oscura della storia dell’Iran. Correte in loro aiuto!

Cari compatrioti, miei cari fratelli e sorelle,

non abbandonate i manifestanti e l’esercito dei poveri e dei derubati. Non lasciateli soli nelle strade. Ora è il momento che gli operai, i contadini, i mercanti del Bazaar, gli impiegati pubblici, gli insegnanti, i medici, le infermiere, i professori universitari e tutti i settori della società li appoggino. Questa è una rivolta che appartiene al popolo dell’Iran, amante della libertà ma in catene.

Non perdete nessuna opportunità per sostenere ed unirvi alla moltitudine di uomini e donne coraggiose che combattono nelle strade correndo enormi pericoli.

Organizzate sit-in e scioperi ovunque sia possibile, nelle fabbriche e negli uffici e in ogni luogo di lavoro, in modo che il mondo possa vedere la protesta generale del popolo contro l’odiato governo dei mullah in Iran e possa udire la voce della nostra nazione.

Come ha detto Massoud Rajavi: “L’Iran e il suo popolo in catene si è sollevato e l’alba è vicina”.

I suoi messaggi, in questi giorni sono le migliori e le più chiare linee guida.

La protesta che avete iniziato, è una protesta per la libertà, per la democrazia, per l’uguaglianza e la separazione tra religione e stato.

Questa è una protesta per la giustizia sociale.

E questo è un movimento che proseguirà fino alla vittoria finale.

Che Dio vi benedica.

Viva la libertà!

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,400FollowersFollow