domenica, Febbraio 5, 2023
HomeNotizieIran NewsL’UE nomina un consulente per risolvere il problema di Campo Ashraf

L’UE nomina un consulente per risolvere il problema di Campo Ashraf

BRUXELLES (Reuters) – David Brunnstrom – L’Unione europea ha nominato un diplomatico belga, per lavorare con le Nazioni Unite, l’Iraq ed altri per contribuire a risolvere la difficile situazione di oltre 3.000 oppositori del governo iraniano che vivono in un campo in Iraq.
Jean De Ruyt, ex ambasciatore belga presso la UE, rappresenterà il capo della politica estera dell’Unione europea Catherine Ashton riguardo a Campo Ashraf, ha detto il portavoce di Ashton lunedì. Il campo, circa a 65 km (40 miglia) da Baghdad, è la base dell’organizzazione Mujaheddin del Popolo Iraniano (OMPI), ha messo in scena attacchi contro l’Iran prima dell’rimozione guidata dell’USA del leader iracheno Saddam Hussein nel 2003.
Il futuro dei suoi oltre 3.000 residenti è diventato incerto dopo che gli Stati Uniti, il quali considerano l’OMPI organizzazione terroristica, hanno trasferito la proteaione del Campo al governo iracheno.
Baghdad prevede la chiusura del Campo entro la fine di quest’anno e Ashraf è stata teatro di sanguinosi scontri tra residenti e le forze di sicurezza irachene.
Il gruppo dei diritti umani Amnesty International dice che i residenti sono soggetti a vessazioni da parte del governo iracheno ed è loro negato l’accesso alla medicine di base. Più di 30 abitanti sono stati uccisi in uno scontro con le forze di sicurezza irachene nel mese di aprile.
De Ruyt collaborerà con gli Stati dell’UE e organizzazioni tra cui le Nazioni Unite, come ha detto il portavoce della Ashton. Ha detto che l’Unione Europea, che ha rimosso l’OMPI dalla lista del terrorismo nel 2009, voleva un approccio diplomatico di alto livello.
“Abbiamo bisogno di una soluzione pacifica e realistica e la sicurezza e l’incolumità dei residenti è la priorità”, ha detto.
Washington ha proposto di spostare temporaneamente i residenti di Ashraf in un nuovo posto in Iraq, ma hanno rifiutato, dicendo che avrebbe portato ad un massacro.
Struan Stevenson, capo della delegazione del Parlamento europeo sull’Iraq, ha definito la nomina di De Ruyt un “passo avanti apparente”.
“I disarmati, civili residenti di Camp Ashraf hanno sofferto anni di torture psicologiche e molestie per mano del governo iracheno, aiutato ed incoraggiato dai loro sponsor a Teheran”, ha detto in un comunicato.
“La nomina dell’Ambasciatore De Ruyt … ha sottolineato la gravità di questo problema. Non vedo l’ora di lavorare con lui per assicurare che siamo in grado di evitare che una catastrofe in stile Srebrenica si verifichi ad Ashraf”, ha detto, riferendosi al massacro del 1996  dei musulmani da parte delle forze serbo-bosniache nella ex Jugoslavia.
Stevenson ha detto che le Nazioni Unite stavano valutando i 3.400 residenti per lo status di rifugiati e l’intenzione era quella di reinsediamento negli Stati membri dell’UE e in paesi terzi, ma questo processo non potrebbe essere completata entro la fine dell’anno. Ha definito il termine iracheno di chiudere il campo “ridicolo”.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,935FollowersFollow