giovedì, Gennaio 26, 2023
HomeNotizieIran NewsL’Iraq intende depredare l’acqua, le attrezzature elettriche ed i veicoli utilitari di...

L’Iraq intende depredare l’acqua, le attrezzature elettriche ed i veicoli utilitari di Campo Ashraf

CNRI – Su ordine del regime iraniano, il Amministrazione Iracheno (GOI) ha intenzione di saccheggiare i veicoli commerciali, le strutture e le attrezzature delle reti acqua e della corrente elettrica di Campo Ashraf. Una commissione è stata costituita presso l’Ufficio dell’Acqua della provincia di Diyala per fabbricare documenti e la falsa pretesa che queste proprietà dei residenti di Campo Ashraf incluse le cisterne d’acqua appartengono al governo iracheno e impedisce il loro trasferimento a Liberty.

Secondo i documenti disponibili, i residenti di Campo Ashraf hanno speso oltre 15 milioni di dollari per la costruzione di due stazioni di pompaggio in Zarganieh (30 km a ovest di Ashraf) e Marfo (6 km a est di Ashraf), nonché la fornitura reti idriche che forniscono l’acqua per il campo. Inoltre, altri milioni di dollari sono stati spesi per rete idrica del campo incluse reti di tubazioni, cisterne d’acqua e altre strutture e attrezzature. I documenti per gli acquisti e le spese sono disponibili.

Il governo iracheno sta anche impedendo il trasferimento di sei gruppi elettrogeni da 1MWatts, che Campo Ashraf ha acquistato e installato nella centrale elettrica del campo. L’Ufficio dell’energia nella provincia di Diyala afferma falsamente che i generatori appartengono al Amministrazione Iracheno (GOI). E’ successo, mentre le forze irachene non consentono agli ingegneri di Campo Ashraf di entrare nella centrale dei generatori di energia. La costruzione della stazione e l’acquisto di generatori di energia è costata oltre 10 milioni di dollari ed è stato pagata dai residenti. Inoltre, i residenti hanno pagato più di 2 milioni di dollari per il collegamento di Campo Ashraf alla rete elettrica della città di Khalis.

La Resistenza Iraniana esorta le Nazioni Unite e il governo degli Stati Uniti a condannare con forza queste misure che sono flagranti violazioni del diritto di proprietà dei residenti di Ashraf e a garantire che i diritti dei residenti ai loro beni immobili e mobili siano pienamente rispettati e siano in grado di trasferire o vendere le loro proprietà senza alcuna restrizione.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
11 maggio 2012
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,872FollowersFollow