giovedì, Febbraio 9, 2023
HomeNotizieIran NewsLa Resistenza Iraniana ancora una volta esorta i dipartimenti dello Stato e...

La Resistenza Iraniana ancora una volta esorta i dipartimenti dello Stato e della Difesa per condurre un’accurata ispezione di Ashraf da parte delle forze degli Stati Uniti come condizione essenziale per il trasferimento dei residenti di Ashraf

La falsa dichiarazione che gli Stati Uniti non abbiano potuto confermare il disarmo completo di Ashraf è un’altra licenza di uccidere per il regime iraniano e il Governo Iracheno
 
Martedì scorso, nel corso dell’audizione del 8 maggio davanti alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia, l’avvocato per il Dipartimento di Stato Americano è ricorso a una menzogna per giustificare il mancato rispetto da parte del Dipartimento della sentenza della Corte del luglio 2010. Rispondendo ai giudici che lo avevano interrogato sul mancato completamento della revisione da parte del Dipartimento della designazione OTS dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (OMPI/ MEK) ha detto che l’esercito americano non è “mai stato in grado di ispezionare” Ashaf. “Il MEK non lo permetteva” e “l’esercito non ha mai fatto una completa ricerca e ispezione” di Ashraf.

Le sue osservazioni contraddicono chiaramente la verifica dello stato di tutti i residenti di Campo Ashraf come ‘persone protette’ sotto alla Quarta Convenzione di Ginevra da parte del governo degli Stati Uniti nel 2004, così come tutti i documenti firmati dai funzionari militari statunitensi che verificano che residenti di Ashraf  hanno completato consegna delle loro armi e munizioni, delle ripetute dichiarazioni del generale Odierno sul tema, e le dichiarazione del 10 maggio e del 17 maggio 2003 di CENTCOM e di altri alti funzionari, che hanno ripetutamente dichiarato che il MEK “è stato completamente disarmato. Abbiamo preso tutte le armi di piccolo calibro e tutte le attrezzature pesanti.”

Tre giorni di ispezione delle forze irachene con cani addestrati nell’ aprile 2009 e le sue foto, riprese e documenti sono stati volutamente ignorati.

Inoltre, le autorità del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sono molto ben informate che i residenti di Ashraf hanno anche consegnato le munizioni lasciate dalle forze statunitensi a Campo Liberty per gli osservatori delle Nazioni Unite ( le foto scattate il 27 marzo 2012 sono in allegato).

Le false affermazioni sulle armi di stoccaggio o nascoste, munizioni ed esplosivi ad Ashraf, che non sono altro che una replica delle rivendicazioni da parte del governo iracheno e del regime iraniano, sono considerate una licenza di uccidere o massacrare i residenti di Ashraf. Tali affermazioni forniranno loro una possibilità e spianeranno la strada per l’immissione di armi e munizioni ad Ashraf e forniranno la base per un altro massacro, nonché per l’intensificazione dell’assedio, delle molestie e della tortura dei residenti di Ashraf e di Liberty.

La Resistenza Iraniana esorta ancora una volta il Dipartimento di Stato Americano ed il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti di impiegare forze speciali militari per controllare immediatamente Ashraf con attrezzature necessarie ed annunciare i loro risultati. Questa è una condizione essenziale per la continuazione del processo di trasferimento dei residenti di Ashraf a Liberty, al fine di evitare qualsiasi giustificazione per ulteriori massacri.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

12 maggio 2012
 

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,951FollowersFollow