martedì, Dicembre 6, 2022
HomeNotizieIran NewsGeneratore Elettrico rubato da Ashraf e trasferito al battaglione iracheno

Generatore Elettrico rubato da Ashraf e trasferito al battaglione iracheno

I containers destinati a Liberty svuotati degli iracheni e il cibo e i prodotti sanitari lasciati rovinare ad una temperatura di 45 gradi

Ora che quasi i due terzi dei residenti di Campo Ashraf si sono trasferiti a Liberty, le forze irachene hanno già iniziato a depredare e saccheggiare i beni dei residenti di Ashraf.
Sabato 12 Maggio, le forze irachene hanno rubato un generatore elettrico da 100MW dalla sezione nord del campo usando una gru piazzata su un veicolo Berli. Hanno trasferito il generatore elettrico al quartier generale del battaglione iracheno stazionato all’entrata del campo. (Vedi foto ) Come la Resistenza Iraniana ha ripetutamente dichiarato in passato, il Governo dell’Iraq intende rubare i generatori elettrici di Campo Ashraf, le altre strutture di servizio e le attrezzature che sono state acquistate e interamente installate dai residenti.
In un’altra occasione, il Comitato per la Soppressione di Ashraf ha tirato fuori dai containers il cibo che doveve essere trasferito a Camp Liberty e lo ha lasciato fuori al caldo con una temperatura di 45°C per diversi giorni, ritardando il suo trasferimento a Liberty e lasciando che la maggior parte del cibo di rovinasse.
Durante il trasferimento del quinto convoglio dei residenti a Camp Liberty, il rappresentante del governo iracheno, in presenza dei rappresentanti delle Nazioni Unite, avevano promesso di trasferire a Liberty almeno 50 camion con i beni del quinto convoglio. Si era impegnato a far ritornare ad Ashraf 25 camion vuoti per essere ricaricati per il 6 Maggio. Ma il 9 Maggio, con 3 giorni di ritardo, solo 15 camion sono arrivati a Campo Ashraf. Gli iracheni hanno detto che trasferiranno solo il cibo ed hanno insistito che il cibo venisse tolto dai containers e caricato direttamenti sui camion. Questo ha reso l’operazione di carico molto più difficile ed ha comportato l’esposizione del cibo al sole e al caldo facendolo rovinare velocemente. In ogni caso, 3 giorni dopo aver scaricato il cibo dai containers, gli iracheni si rifiutano ancora di caricarlo sui camion fornendo scuse diverse.
Perciò, molti prodotti alimentari come la farina, l’olio da cucina, cibi conservati e altro, come anche prodotti per l’igiene personale come dentifrici e creme per le mani, vegono fatti rovinare, erano già stati rovinati o resi inutilizzabili. I molti ricorsi dei residenti agli iracheni per far ritornare il materiale ad Ashraf, non hanno prodotto alcun risultato.
Bisogna anche ricordare che le coperture per i containers rubate dall’ultimo convoglio (il quinto convoglio), non sono ancora state riportate. Trasferire il materiale senza le coperture lo esporrà alle temperature estreme della zona e permetterà di rubarle e depredarle considerando i molti apparechi elettrici ed elettronici che sono già stati rubati dal quinto convoglio.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
13 Maggio 2012

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,458FollowersFollow