mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieIran NewsLe scioccanti dichiarazioni del ministro dell'economia iraniano: “Dietro alla corruzione finanziaria ci...

Le scioccanti dichiarazioni del ministro dell’economia iraniano: “Dietro alla corruzione finanziaria ci sono le aziende di stato”

CNRI – Il Ministro dell’Economia del regime iraniano ha ammesso che coloro i quali beneficiano della corruzione finanziaria, del riciclaggio di denaro, dei royalty benefits e si rifiutano di pagare i debiti finanziari, sono contro la riforma delle strutture economiche.

Il fatto che l’economia iraniana dipenda dagli introiti del petrolio non è un segreto scoperto improvvisamente da Ali Tayeb Nia, il Ministro dell’Economia e della Finanza iraniano. Tuttavia le sue dichiarazioni alla 10a Conferenza Annuale sulla Politica Finanziaria e  Fiscale Iraniana, tenutasi alla facoltà di economia dell’Università di Teheran, rivelano le gravi condizioni dell’economia iraniana e le posizioni contrarie che impediscono la riforma del sistema finanziario e fiscale iraniano, secondo questo ministro.

L’agenzia di stampa ufficiale IRNA, ha pubblicato un articolo sulle dichiarazioni del ministro a questa conferenza, che ha discusso dell’interferenza di forze distruttive il cui obbiettivo è quello di impedire qualunque riforma strutturale nell’economia iraniana, nonostante questa economia dipenda dagli introiti forniti dalle esportazioni di petrolio greggio.

Tayeb Nia ha parlato del periodo in cui l’Iran era sottoposto a sanzioni, quando è divenuto chiarissimo quanto l’Iran sia totalmente dipendente dai ricavi del petrolio. Gli alti e bassi del prezzo del petrolio praticamente hanno avuto un effetto distruttivo sui conti finanziari dell’economia di quei paesi dipendenti dai petrodollari.

Dopo l’eliminazione degli effetti dei ricavi generati dal petrolio, i settori non petroliferi dell’economia iraniano hanno registrato una crescita minore dell’1%. Il rapporto del Fondo Monetario Internazionale in pratica conferma le affermazioni di Tayeb Nia sulla dipendenza del paese dai ricavi del petrolio.

Una delle conseguenze, in un’economia dipendente dai ricavi del petrolio, è la crescita delle aziende di proprietà statale.

“L’esistenza di aziende di proprietà statale, come quella degli appalti, dell’appartenenza ai consigli  di amministrazione, dei funzionari locali che assumono impiegati, il pagamento delle spese dei viaggi all’estero delle persone, la pratica di riscuotere una percentuale ecc…”, ha aggiunto.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow