mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizieIran NewsL'India taglia le importazioni di petrolio dall'Iran

L’India taglia le importazioni di petrolio dall’Iran

Il Dipartimento di Stato americano ha recentemente annunciato che gli Stati Uniti si aspettano che i paesi stranieri riducano le loro importazioni di petrolio del regime iraniano a zero entro la fine dell’anno. Alcuni paesi si sono già impegnati a farlo; altri si stanno preparando a farlo.

La notizia è arrivata solo poche settimane dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti sarebbero usciti dall’operazione nucleare iraniana del 2015. L’accordo nucleare avrebbe dovuto costringere l’Iran a frenare le sue attività nucleari in cambio della revoca delle sanzioni. Gli altri firmatari dell’accordo – Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia – hanno esortato Trump a rimanere nell’accordo, ma ha rifiutato, affermando che la belligeranza dell’Iran in tutto il Medio Oriente non deve essere ignorata. Trump ha annunciato che le sanzioni sarebbero tornate e quelle nuove sarebbero state applicate.

L’India – il secondo più grande cliente petrolifero del regime iraniano dopo la Cina – sta già iniziando a tagliare le importazioni e i raffinatori indiani hanno iniziato a svezzare i loro impianti dal greggio iraniano. Si dice che il paese stia facendo i passi necessari per assicurarsi che non si intrappoli nelle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. I raffinatori in India hanno anche affermato di voler rispettare i limiti stabiliti dagli Stati Uniti in modo da non perdere l’accesso al sistema finanziario statunitense. Il mese scorso, le importazioni mensili di petrolio dall’Iran in India sono diminuite di poco più del 15% rispetto al mese precedente. I dati del settore mostrano che l’India ha importato 598.888 barili al giorno (bpd) a giugno. Qualche settimana fa, il governo indiano ha chiesto ai suoi raffinatori di prepararsi a un taglio importante delle importazioni, e forse addirittura di fermarsi completamente. Le sanzioni statunitensi non entreranno in vigore contemporaneamente e ha previsto un periodo di wind down di 180 giorni che si concluderà il 4 novembre. Le sanzioni più leggere entreranno in vigore dall’inizio di agosto. Dopo un contraccolpo quando il Dipartimento di Stato ha espresso la volontà che le compagnie straniere riducessero le importazioni di petrolio iraniano a zero, un importante cambiamento dei prezzi ha portato l’amministrazione a rinunciare alla sua retorica, dicendo che ogni paese sarebbe stato trattato caso per caso . Tuttavia, il Dipartimento di Stato insistette ancora sul fatto che non venissero concesse deroghe. I raffinatori in India scopriranno di più su cosa ci si aspetta da loro in una riunione che è stata programmata per l’inizio della prossima settimana. I raffinatori dovranno incontrare i funzionari degli Stati Uniti con cui verranno affrontate le loro preoccupazioni. Il regime iraniano ha reagito contro gli Stati Uniti dicendo che avrebbe bloccato l’accesso allo stretto di Hormuz. L’idrovia strategica è essenziale per gran parte della comunità internazionale e il regime iraniano sta cercando di sfruttarlo. Diversi alti funzionari hanno detto che se le esportazioni di petrolio iraniane verranno tagliate, allora nessun petrolio passerà attraverso lo Stretto. Tuttavia, è molto probabile che sia solo una minaccia priva di fondamento, considerando che lo Stretto ha un ruolo enorme anche nelle importazioni e nelle esportazioni iraniane.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,634FollowersFollow
40,474FollowersFollow