mercoledì, Febbraio 1, 2023
HomeNotizieResistenza IranianaIran: Scandalo Cyber del regime dei mullà e chiasso dei pasdaran sull’illusorio...

Iran: Scandalo Cyber del regime dei mullà e chiasso dei pasdaran sull’illusorio viaggio di Maryam Rajavi

Il comunicato ufficiale del ministero degli Esteri francese: Il conto twitter del primo console francese a Gerusalemme ha subito un furto di identità 

Il consolato francese chiede l’attenzione degli utenti di internet

La rabbia e il rancore del regime iraniano dal raduno della Resistenza Iraniana ad Ashraf 3 in Albania, durato 5 giorno, e che ha suscitato una accoglienza internazionale e dalle imponenti manifestazioni degli iraniani nelle diverse capitali dei paesi, sono fuori misura. 

Il Corpo dei pasdaran, il 23 luglio, ha dato una del tutto falso notizia che P.C., un diplomatico francese residente ad Israele, in una serie tweet che la signora Maryam Rajavi si recherà in Israele “con lo scopo di incontrare i premier Benjamin Netanyahu e il capo del Mossad”. L’agenzia dei pasdaran ha aggiunto che: “Questo viaggio è stato possibile con la mediazione di Rudy Giuliani e con la coordinazione di B.R., ambasciatore israeliano in Albania e che c’è una relazione diretta tra l’organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano e il Mossad”.

Prima di questo, il 19 luglio 2019, un individuo in tweet che si presentava il primo console francese a Gerusalemme in 5 tweet, aveva infilato i dettagli di questo illusorio viaggio. Questi però già nel primo tweet s’è svelato maldestramente a servizio del ministero delle Informazioni del regime dei mullà. Questi ha scritto che “La notizia avevo ricevuto a un mio ex collega che a Teheran lavoravo con lui”.

Questa volta la fabbricazione della menzogna da parte del regime dei mullà e il Corpo dei pasdaran e l’intelligence era talmente assurda e ridicola che velocemente, in poche ore, P.C. ha chiuso il suo conto twitter. Sembra che l’intelligence e i pasdaran sin dal 2013 avevano capitalizzato su questo conto twitter.
Il ministero degli Esteri francese ha pubblicato il comunicato ufficiale del consolato francese a Gerusalemme dal titolo “Il conto twitter falso del primo consolato francese a Gerusalemme” e ha annunciato: “Il primo console francese a Gerusalemme, signor P.C. è stato soggetto di un furto di identità nella rete sociale twitter. Il signor P.C. comunicherà su twitter e altre reti sociali, solo attraverso del conto twitter del consolato francese a Gerusalemme”.
Il sito Qods Palestina, riferendosi alla rete TV in lingua ebraica di Kan Rasht a questo proposito ha scritto: “Il conto twitter in cui s’ è data la notizia della vista all’Israele della leader dell’opposizione iraniana Maryam Rajavi è falso. È stato chiarito che questo conto twitter non ha alcuna relazione con nessuna autorità francese. Dopo le indagini è stato evinto che questo conto era dell’intelligence dell’Iran che seguiva dispaccio delle notizie false nell’ambito di una guerra psicologica contro l’opposizione … dopo gli eventi recenti nello stretto di Hormuz”.

Le menzogne dell’agenzia dei pasdaran nel riguardo il viaggio illusorio della signora Maryam Rajavi palesa la disperazione del regime e il loro forte bisogno di diffondere le falsità contro la Resistenza Iraniana”.

La Commissione di Sicurezza e Antiterrorismo del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana ancora una volta afferma sulla necessità di togliere la mano del regime iraniano dalle reti sociali e dai servizi di internet. La macchina di cyber dei pasdaran e dell’intelligence del regime dei mullà usa le reti sociali solo per dispacciare le false e devianti notizie, per demonizzazione dei dissidenti per preparare il terreno per le azioni terroristiche.

Commissione di Sicurezza e Antiterrorismo del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
24 luglio 2019

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,635FollowersFollow
40,910FollowersFollow