sabato, Dicembre 3, 2022
HomeNotizieIran NewsPerché il regime iraniano continua a giocare il suo pericoloso gioco nucleare?

Perché il regime iraniano continua a giocare il suo pericoloso gioco nucleare?

L’Alto rappresentante dell’Unione europea, Josep Borrell, si è recato in visita in Iran il 24 giugno nel tentativo estremo di convincere Teheran a tornare al tavolo dei negoziati per rilanciare l’accordo sul nucleare iraniano, Piano d’azione congiunto globale (PACG), formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).
Borrell ha poi descritto la sua visita come “costruttiva” e ha espresso la speranza che il regime iraniano torni ai colloqui dopo molti sforzi inutili per rilanciare l’accordo altamente imperfetto del 2015.
La visita è avvenuta quasi due settimane dopo che il Consiglio di amministrazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha emesso una risoluzione che condanna la mancanza di “trasparenza” di Teheran rispetto ai siti nucleari.
In risposta, il regime iraniano ha annunciato di aver scollegato decine di telecamere dell’AIEA che monitorano i suoi siti nucleari. Gli Stati Uniti hanno condannato questa azione, definendola “estremamente deplorevole” e “controproducente”.
Secondo molti osservatori, con questa mossa il regime ha spinto le potenze occidentali ad adottare un approccio più deciso contro le sue estorsioni nucleari. Con le tensioni all’orizzonte, Borrell, un sostenitore della pacificazione di Teheran, ha annunciato la sua disponibilità a recarsi a Teheran.
Contrariamente alla sua retorica antioccidentale e alla sua vuota dimostrazione di potere, anche l’Iran ha accettato questa visita.
Pochi giorni dopo la visita di Borrell, Teheran ha annunciato la sua disponibilità ad avviare negoziati. Il presidente del regime iraniano, Ebrahim Raisi, ha anche sottolineato la volontà del suo governo di “far revocare le sanzioni”. Si è anche vantato che il regime continuerà a “neutralizzare le sanzioni” o, in altre parole, ad aggirarle, sfruttando l’assenza di una politica ferma da parte delle potenze occidentali riguardo alle attività maligne del regime.
L’economia iraniana soffre di corruzione sistematica, cattiva gestione e inettitudine. Le sanzioni hanno un ruolo secondario ma essenziale nell’aumentare la calamità finanziaria del Paese. La crisi economica dell’Iran suscita la protesta di persone di ogni estrazione sociale, che nei loro slogan prendono di mira l’intero regime come vera fonte dei loro problemi.
Nonostante il successo degli sforzi di Teheran per aggirare le sanzioni utilizzando molte scappatoie e l’incapacità dell’Occidente di frenare queste attività illecite, il regime non ha abbastanza denaro per finanziare i suoi gruppi terroristici per procura o l’apparato oppressivo. Le recenti sanzioni statunitensi contro l’industria petrolchimica del regime sono state un altro colpo per Teheran. Inoltre, sembra che nella regione si stia formando un fronte unito contro il regime.
Di fronte a una società sempre più instabile, il regime iraniano cerca disperatamente di evitare un ulteriore isolamento internazionale. Teheran ha giocato a lungo a nascondino, ma ora sembra che la comunità internazionale non ne possa più.
Il regime ha due opzioni: O rientrare nel JCPOA e alleggerire le sanzioni o continuare il suo comportamento da canaglia, che aumenta il suo isolamento internazionale. Fare un passo indietro avrà gravi conseguenze per il regime che deve affrontare una crisi di illegittimità interna.
Far passare il tempo e lasciare l’accordo in sospeso potrebbe far guadagnare tempo a Teheran, ma aumenterebbe i problemi del regime nel breve termine.
“Se ci vendichiamo arricchendo l’uranio oltre il 60% di purezza o se usiamo centrifughe più avanzate, la comunità mondiale potrebbe reagire. È una situazione complicata, visto che siamo in piena crisi. Alcuni funzionari, come i parlamentari, avvertono di dover affrontare ulteriori problemi economici, come l’aumento dell’inflazione in estate”, ha scritto il 3 giugno il quotidiano statale Arman-e Meli.
Temendo il contraccolpo del popolo, il giornale mette in guardia i funzionari del regime dalla “minaccia interna”.
“Nella situazione attuale, dovremmo preoccuparci più di una minaccia interna che di una internazionale.”
In poche parole, aumentare la pressione sul regime e ritenerlo responsabile delle sue attività maligne è in linea con l’aspirazione del popolo iraniano di rovesciare il regime. Ma le potenze mondiali sceglieranno finalmente la strada giusta dopo decenni di tentativi sbagliati? O continueranno a chiudere gli occhi di fronte alla minaccia di un fascismo religioso dotato di armi nucleari?

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,408FollowersFollow