mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeNotizieResistenza IranianaIl Premio Nobel Sir Richard Roberts visita Ashraf-3 e incontra Maryam Rajavi

Il Premio Nobel Sir Richard Roberts visita Ashraf-3 e incontra Maryam Rajavi

Lo scorso 26 giugno, Sir Richard J. Roberts, Premio Nobel nel 1993 per la Medicina, ha visitato Ashraf-3 e incontrato la Presidente eletta dell’NCRI, Maryam Rajavi. Sir Roberts, biochimico e biologo molecolare britannico che ha vinto il Premio Nobel per la scoperta degli introni nel DNA eucariotico e per il meccanismo del “gene-splicing”, ha anche partecipato a un incontro con i membri della Resistenza iraniana e ha tenuto un breve ma toccante discorso.
Nel dare il benvenuto a Sir Roberts, la Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran, Maryam Rajavi, ha dichiarato: “Noi e il popolo iraniano ricorderemo questa visita per la sua illustre carriera scientifica, per il suo sostegno alle rivolte per la libertà del popolo iraniano e, in particolare, per la sua sincera e accorata difesa del MEK ad Ashraf e Camp Liberty durante i sette anni, dal 2009 al 2016, in cui 150 membri del MEK sono stati uccisi e quasi 1.500 feriti in sette bagni di sangue. Dal primo attacco a oggi, ti sei schierato 22 volte a sostegno dei combattenti per la libertà dell’Iran e delle proteste del popolo iraniano”.
Sottolineando l’efficace attività di Sir Roberts, la signora Rajavi ha ricordato che: “Nel luglio 2021, lei e una dozzina di suoi colleghi avete scritto una lettera al Segretario Generale delle Nazioni Unite chiedendo la formazione di una commissione d’inchiesta per indagare sul massacro dei prigionieri politici del 1988. In questa lettera, avete sottolineato il ruolo del presidente del regime, Ebrahim Raisi, nel commettere crimini contro l’umanità. Il suo sostegno alla lotta del popolo iraniano per la libertà è davvero inestimabile”.
“Oggi l’Iran detiene il record mondiale di fuga di cervelli”, ha aggiunto la signora Rajavi. “Solo negli ultimi tre anni, circa 4.000 medici e 300.000 specialisti con master e dottorati, tra cui 900 professori universitari, hanno lasciato l’Iran”.


Ricordando la sanguinosa storia della repressione del regime di Khomeini contro gli studenti e le università, la signora Rajavi ha aggiunto: “Ancora oggi, le università e gli studenti sono soggetti a una severa repressione e a controlli. Molti professori universitari vivono in povertà. Il regime ha giustiziato decine di migliaia di studenti e insegnanti. Attualmente, gli insegnanti vengono imprigionati solo per aver protestato contro i loro miseri stipendi”.
“I mullah impongono al popolo leggi reazionarie risalenti a millenni passati per governare la società, comprese quelle relative a questioni legali e giudiziarie. Ma usano i più recenti progressi scientifici e tecnologici per preservare il loro governo decadente e per costruire bombe atomiche e missili”.
“Per anni la nostra Resistenza è stata sottoposta a una campagna di demonizzazione per costringerla ad abbandonare le proprie convinzioni e posizioni e ad accettare che la libertà non sarebbe mai arrivata. Ma noi ci siamo impegnati a far fiorire la libertà in tutto l’Iran con il nostro corpo e la nostra anima! Credo che sia nostra convinzione comune che nessuna forza al mondo possa fermare il progresso della scienza e della libertà”, ha concluso la Presidente eletta dell’NCRI.
Sir Richard J. Roberts, commosso dopo la visita al museo di Ashraf-3, ha detto: “Quello che ho fatto è stato minuscolo in confronto agli sforzi che avete sostenuto, al coraggio che avete dimostrato, alla vostra ferma difesa della libertà, al vostro desiderio di instaurare una vera democrazia in Iran. Credo che nessuno possa attraversare il museo come ho fatto io questa mattina senza capire le pene e le tribolazioni che voi e i vostri colleghi, i vostri amici e le vostre famiglie avete dovuto affrontare. Mi sono commosso fino alle lacrime, ma ho cercato di mantenere la calma quando ho potuto. È stata davvero un’esperienza meravigliosa e credo che dovrebbe essere resa più accessibile al resto del mondo”.
“Con la presente mi impegno a fare tutto il possibile per aumentare i miei sforzi per aiutarvi in ogni modo possibile. Ho accesso a un gran numero di Premi Nobel e nella prossima lettera che verrà inviata mi assicurerò che vengano elencati molti altri sostenitori che possano contribuire a far conoscere il vostro caso al grande pubblico. La mia ferma speranza, dopo aver passeggiato per il museo questa mattina, è di potervi incontrare in un futuro non lontano a Teheran o in qualche altra città dell’Iran”, ha aggiunto il Prof. Roberts.


Sir Richard John Roberts e il suo impegno:
Sir Richard Roberts è nato a Derby, nel Regno Unito, nel 1943. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Sheffield nel 1969. Ha svolto attività di ricerca post-dottorato presso l’Università di Harvard nel periodo 1969-1972. Roberts ha proseguito le sue ricerche in biologia molecolare e ha pubblicato la sua scoperta sullo “splicing” dell’RNA nel 1992, ricevendo l’anno successivo il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina del 1993.
La scoperta del Prof. Roberts sullo splicing alternativo dei geni ha determinato un cambiamento fondamentale nella nostra comprensione della genetica e ha portato alla scoperta di geni divisi negli organismi superiori, compresi gli esseri umani.
Negli ultimi 30 anni, il professor Roberts è stato il premio Nobel più attivo nelle questioni relative ai diritti umani sulla scena mondiale. In diverse occasioni, ha sostenuto importanti dichiarazioni in difesa dei diritti umani e della libertà.
Durante la rivolta del 2009 in Iran, ha sponsorizzato una lettera al Segretario generale delle Nazioni Unite, condannando la sanguinosa repressione di milioni di manifestanti da parte del regime iraniano. La dichiarazione è stata appoggiata da 44 premi Nobel e riportata dall’agenzia di stampa francese.
Il professor Roberts è il principale Premio Nobel a sostegno della resistenza iraniana e del MEK. Sia individualmente che insieme ad altri Premi Nobel, ha espresso il suo sostegno alla resistenza iraniana in 25 diverse occasioni negli ultimi 13 anni.
In una lettera inviata ai funzionari dell’Unione Europea nel giugno 2015, il Prof. Roberts ha scritto: “Potete stare certi che io e i miei colleghi del Nobel non smetteremo di fare petizioni finché il campo non sarà chiuso e i residenti trasferiti in condizioni di vita umane”.
Nel 2021, dopo la scelta di Ebrahim Raisi come presidente, il Prof. Roberts e altri 24 importanti Premi Nobel hanno scritto una lettera aperta al Segretario Generale delle Nazioni Unite per condannare la presidenza di Raisi e sottolineare il suo ruolo nel massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,633FollowersFollow
40,397FollowersFollow