sabato, Luglio 20, 2024
HomeNotizieIran NewsI media di Stato iraniani riconoscono il ruolo della corruzione nella crisi...

I media di Stato iraniani riconoscono il ruolo della corruzione nella crisi economica

Iran's state-run media have been acknowledging that Iran's social and economic crises result from the mullahs' mismanagement

La corruzione e la cattiva gestione hanno portato a una grave crisi economica in Iran, con un’inflazione alle stelle e la perdita di gran parte del valore della moneta. Mentre i funzionari cercano di negare l’innegabile calamità finanziaria, i media statali riconoscono alcuni aspetti della peggiore crisi economica del Paese da un secolo a questa parte.

“L’economia iraniana è afflitta da gravi problemi che richiedono l’attenzione urgente delle autorità. I tassi medi di inflazione sono rimasti al di sopra del 40% dal 2018, con l’inflazione puntuale di febbraio che ha superato il 64%. Le speranze iniziali e il miracolo di una diminuzione dell’inflazione di 10-15 punti senza l’intervento del governo non si sono verificati. Nel frattempo, il volume della liquidità è passato da meno di 50 quadrilioni di rial a oltre 60 quadrilioni di rial nel giro di un anno e mezzo”, ha dichiarato il 26 aprile il quotidiano Arman-e Meli.

La guida suprema del regime iraniano, Ali Khamenei, ha definito il Nuovo Anno Persiano 1402 come l’anno del “controllo dell’inflazione e della crescita della produzione”. Pertanto, ha tacitamente riconosciuto la crisi economica del Paese, smentendo le sue stesse affermazioni e quelle del suo presidente, Ebrahim Raisi.

Mentre l’inflazione sale alle stelle, il regime si è rifiutato di aumentare gli stipendi dei lavoratori in base all’inflazione, danneggiando così la produzione del Paese.

“Nel 2022 l’inflazione si aggirava intorno al 40% e la crescita economica era di circa il 4%. Pertanto, i salari dei lavoratori avrebbero dovuto aumentare del 46% nel 2022. Nel 2023, l’inflazione ha superato il 50% e, considerando la crescita economica del 3%, i salari dei lavoratori dovrebbero aumentare del 55%. Tuttavia, il governo ha fissato un tasso di aumento del 27%. Questa enorme differenza e l’inflazione sono dovute alla mancanza di strategia economica del governo, unita all’enorme deficit di bilancio”, ha scritto a questo proposito il quotidiano statale Etemad il 25 aprile.

Il governo di Raisi non è riuscito ad affrontare i problemi economici del Paese. Raisi, che ha a malapena superato la scuola elementare ed è conosciuto come un assassino di massa senza scrupoli, ha fatto affermazioni fasulle come “sradicare la povertà in due settimane” o ha definito il suo governo, pieno di criminali, “il governo degli indigenti”.

Nonostante si sia autoproclamato “governo degli indigenti”, e mentre quest’anno dovrebbe essere l’anno del controllo dell’inflazione e della crescita della produzione, il governo di Raisi ha supervisionato significativi aumenti dei prezzi in settori quali acqua, elettricità, biglietti aerei, valuta, tariffe del gas e servizi automobilistici. La legge di bilancio per il 2023-2024 riflette uno sforzo per aumentare i prezzi fondamentali e il costo di beni e servizi, portando a un ulteriore collasso economico e peggiorando il rapporto tra il sistema e la popolazione”, ha dichiarato il 26 aprile il quotidiano statale Setar-e Sobh, citando Farshad Momeni, un economista affiliato al regime.

Le politiche sbagliate del governo hanno portato alla crescita della liquidità, facendo crollare il valore del Rial. Le banche private producono liquidità quotidiana, contribuendo all’inflazione, e il sistema bancario sostiene questa tendenza. Di conseguenza, i cittadini si trovano ad affrontare forti aumenti dei prezzi, rendendo la loro vita più difficile e creando una forte pressione economica. L’elevato tasso di inflazione, superiore al 50% negli ultimi anni, ha ulteriormente aggravato la situazione”, ha scritto il 26 aprile il quotidiano statale Ebtekar.

“Gli ultimi anni hanno mostrato chiari segni di iperinflazione nel Paese, colpendo anche coloro che hanno un reddito fisso, come gli impiegati e gli operai. La mancanza di un piano e di una strategia di gestione economica adeguati da parte del governo è attualmente il problema più critico. Nonostante abbia definito l’anno 2023 “controllo dell’inflazione e crescita della produzione”, il governo ha trascurato questo slogan e ha invece agito come sponsor dell’inflazione e della crescita dei prezzi. Ad esempio, il governo ha permesso l’aumento dei prezzi di automobili, elettricità, gas e materie prime per la produzione industriale. L’approvazione ufficiale di questi aumenti di prezzo non fa che peggiorare l’inflazione invece di frenarla”, aggiunge il giornale.

Mentre i funzionari e gli opinionisti del regime incolpano le sanzioni come mera fonte dei problemi economici dell’Iran, negli ultimi giorni i media statali hanno riconosciuto che la corruzione, la cattiva gestione e l’inettitudine dello Stato hanno rovinato l’economia iraniana.

“Un’economia afflitta dalla corruzione, dalla mancanza di sicurezza del capitale, da diritti di proprietà inesistenti, da un ambiente imprenditoriale debole e da una corruzione diffusa sia nel settore governativo che in quello privato hanno ostacolato la crescita economica, ridotto gli investimenti e portato alla fuoriuscita di capitali, con il risultato di un declino del benessere della società, di un aumento della povertà, di un divario di ricchezza più ampio e di un’arretratezza generale”, ha riconosciuto il 26 aprile il quotidiano statale Sharq.

L’incapacità e la mancata volontà del regime di affrontare il problema economico del Paese si aggiungono alla rassegnazione della società, spingendo i media statali a mettere in guardia da “gravi conseguenze” nel contesto di una rivolta a livello nazionale.

“Un sistema di governo può sopravvivere e prosperare con il sostegno popolare. La mancanza del sostegno popolare metterà a rischio un governo guidato dalla minoranza”, ha scritto il 25 aprile il quotidiano Ebtekar.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
42,222FollowersFollow