domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizieIran NewsIran: Nessuna svolta nei colloqui sul nucleare

Iran: Nessuna svolta nei colloqui sul nucleare

Reuters: L’organo di controllo dell’ONU sul nucleare ha cercato, nei colloqui avuti con l’Iran martedì, di portare avanti una indagine, a lungo bloccata, sulle attività atomiche di Tehran, ma non è stato immediatamente chiaro se sia stato fatto qualche passo avanti.

 

Un portavoce dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica ha confermato che le due parti si sono incontrate a Tehran, ma ha detto che l’AIEA non ha in programma di rilasciare una dichiarazione sui colloqui di martedì, lasciando aperta la possibilità che ce ne potrà essere una in seguito.

Fonti diplomatiche avevano detto che l’agenzia ONU di Vienna e l’Iran dovevano discutere le richieste dell’AIEA riguardanti informazioni su alcuni detonatori che, tra le altre cose, vengono usati per preparare dispositivi esplosivi.

Avrebbe potuto essere una opportunità di progresso su una questione chiave, prima del rapporto trimestrale dell’AIEA sul programma nucleare iraniano, in programma questa settimana, che verrà discusso dal consiglio direttivo delle 35 nazioni dell’agenzia ONU in un meeting all’inizio di Giugno.

Secondo un patto di cooperazione graduale concordato tra le due parti a Novembre, l’Iran doveva prendere sette provvedimenti sulla trasparenza per il 15 Maggio per dissipare le preoccupazioni internazionali sul suo programma nucleare, che l’Occidente teme possa far parte di un progetto militare.

Sul più delicato di questi (le informazioni che l’Iran deve fornire sullo sviluppo dei cosiddetti detonatori esplosivi Bridgewire), i diplomatici hanno detto che l’agenzia atomica dell’ONU sta cercando di ottenere ulteriori chiarimenti da Tehran.

Come l’Iran risponderà alle domande dell’AIEA viene visto come la cartina di tornasole della sua disponibilità ad iniziare ad essere oggetto di un’indagine su quello che l’agenzia ONU chiama “le possibili dimensioni militari del programma nucleare del paese”.

I colloqui AIEA-Iran sono distinti da quelli tra Tehran e le sei potenze mondiali (Stati Uniti, Francia, Germania, Gran Bretagna, Cina e Russia), che mirano a raggiungere un accordo più ampio per risolvere una disputa in corso da un decennio per la fine di Luglio.

Ma sono comunque complementari, dato che entrambi di concentrano sul timore che l’Iran possa stare cercando di ottenere, segretamente, i mezzi e le competenze per assemblare armi nucleari. L’Iran e le potenze hanno avuto un nuovo giro di negoziati la scorsa settimana, ma hanno fatto pochi progressi.

I funzionari statunitensi dicono che è essenziale che l’Iran dissolva le preoccupazioni dell’AIEA per un risultato favorevole della diplomazia estera. Ma il fatto che gli iraniani abbiano negato qualunque aspirazione a possedere la bomba atomica, renderà difficile a Tehran ammettere qualunque operazione illecita del passato.

I diplomatici hanno detto che l’Iran lo scorso Aprile ha fornito una spiegazione per ciò che definiscono “le applicazioni civili” dei detonatori, ma che l’AIEA ha chiesto dei documenti di verifica. Il meeting del 12 Maggio a Vienna, sembra non sia riusciuto a risolvere completamente la questione.

In più, le due parti non hanno ancora annunciato nessuna intesa su quali questioni affrontare nella prossima fase in base all’accordo dell’anno scorso. L’AIEA vuole accelerare la sua inchiesta sulle sospette ricerche dell’Iran per ottenere la bomba atomica.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,632FollowersFollow
40,375FollowersFollow